Home / NEWS  / Gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni contro il Venezuela

Gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni contro il Venezuela

Gli Stati Uniti hanno intenzione di sospendere la sua partecipazione al Trattato sull’eliminazione dei missili a raggio intermedio e a corto raggio questo fine settimana, secondo Interfax, citando Bloomberg. Secondo la fonte dell’agenzia alla Casa Bianca, se la Russia non distruggerà missili da crociera 9M729 a terra, attrezzature collegate e lanciatori entro il 2 febbraio, gli Stati Uniti sospenderanno i propri obblighi ai sensi del Trattato INF. Ricordiamo, il presidente degli Stati Uniti Trump ha annunciato il 20 ottobre 2018 la sua intenzione di ritirarsi dal trattato INF, a causa del fatto che la parte russa avrebbe violato le disposizioni di questo accordo. In seguito, il 4 dicembre, il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha presentato un ultimatum alla Russia chiedendo di distruggere o modificare il missile 9M729 per 60 giorni, il che, secondo Washington, viola il trattato in termini di indicatori. L’ultimatum scade il 2 febbraio.

Gli accordi di Minsk sul Donbass non sono chiaramente enunciati, dovrebbero essere sostituiti da un nuovo piano di pace, che è stato presentato al Consiglio ministeriale dell’OSCE nel dicembre 2018, ha detto Martin Saydik, rappresentante speciale del presidente dell’OSCE, in un’intervista al quotidiano austriaco Kleine Zeitung. Il diplomatico ha osservato che il punto chiave degli accordi di Minsk è lo svolgimento delle elezioni e che la loro organizzazione ha bisogno di aiuto esterno. Il nuovo piano prevede che l’ONU organizzerà queste elezioni e l’OSCE sarà una funzione di osservatore, riferisce RIA Novosti. Secondo il piano, è prevista la creazione di un’amministrazione transitoria delle Nazioni Unite nel RPD e RPL. Controllerà l’attuazione di questo piano. Secondo Saidik, il nuovo piano di pace deve essere firmato dai capi dei paesi del «Norman Four», ratificato dai parlamenti di Ucraina e Russia. Il direttore del Centro per gli studi politici, Alexei Chesnakov, ha dichiarato che a Mosca considerano l’idea di Saidik di un nuovo piano per una soluzione pacifica del conflitto «vuoto». Ha sottolineato che la posizione di Mosca sugli accordi di Minsk non è cambiata: devono essere pienamente attuate.

Assistente del presidente degli Stati Uniti per la sicurezza nazionale John Bolton ha annunciato la decisione del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti di imporre sanzioni contro la compagnia petrolifera venezuelana PDVSA. Bolton ha detto che nel quadro delle sanzioni, l’agenzia statunitense bloccherà le attività di PDVSA per 7 miliardi di dollari, riferisce TASS. Secondo il capo del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, Stephen Mnuchin, «la revoca delle sanzioni PDVSA è possibile se il controllo viene trasferito al capo dello stato provvisorio del leader dell’opposizione venezuelano Juan Guaydo o in futuro a un governo legittimo eletto». In precedenza, l’autoproclamato presidente del Venezuela, Juan Guaydo, ha annunciato la sua intenzione di cambiare la leadership di PDVSA e della sua divisione americana di Citgo.

Il primo vice-oratore del parlamento di Crimea, Yefim Fix, ha chiesto che Kiev fornisca informazioni sulla posizione e lo status del capitano della nave russa Nord Vladimir Gorbenko detenuto in Ucraina. Fix ha detto che «se tutto va bene con lui e alcune azioni procedurali sono in corso, allora questa è una storia, ma se succede qualcosa, allora è necessario prendere tutte le misure necessarie», riferisce RIA Novosti. Alla vigilia dell’avvocato Maxim Mogilnitsky ha detto che Gorbenko, detenuto in Ucraina, era scomparso. Ha ammesso il coinvolgimento della SBU nella scomparsa del marinaio. Secondo lui, ora il Ministero degli Affari Esteri si occupa di questo problema.

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)