Gli Stati Uniti hanno inviato navi da guerra in Siria || Riassunto delle notizie, il 12 gennaio 2019

  
0

I sistemi di difesa aerea siriani hanno aperto il fuoco contro obiettivi aerei, distruggendo diversi missili lanciati dall’aviazione israeliana sulle regioni occidentali di Damasco, secondo quanto riportato dal canale televisivo siriano Surya TV. Secondo il canale televisivo, i cannonieri antiaerei siriani sono riusciti a colpire otto missili nel sobborgo di Mezze, dove si trova l’aeroporto militare, oltre che nel villaggio di Dzhdeyda sull’autostrada Damasco-Beirut, riferisce TASS. Secondo il rappresentante del comando militare siriano, gli attacchi israeliani provenivano dalla regione della Galilea del nord al confine con il Libano, con solo uno dei missili che ha colpito il magazzino nell’area dell’aeroporto di Damasco. Secondo l’agenzia Al Wataniya, durante gli attacchi missilistici contro la Siria, i combattenti dell’aeronautica israeliana hanno invaso lo spazio aereo libanese, imitando le incursioni nelle regioni meridionali del paese e compiendo voli provocatori a bassa quota sulla città costiera di Zahrani.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas chiede all’Europa di non sperare più che gli Stati Uniti la coinvolgeranno nel processo decisionale o addirittura si consulteranno con lei. «In ogni caso, non dovremmo più sperare che saremo attratti dal processo decisionale, che si consulteranno con noi», ha detto il ministro degli Esteri tedesco in un’intervista con la rivista Der Spiegel, parlando del ritiro delle truppe americane dalla Siria, riferisce TASS. «Non siamo stati informati in anticipo di un improvviso cambiamento di rotta», ha lamentato il politico tedesco, esprimendo l’opinione che la situazione intorno all’insediamento in Siria era «effettivamente buona» e «l’ONU era pronta a lanciare il processo politico in Siria», erano in corso trattative per comitato costituzionale. Secondo il ministro degli Esteri tedesco, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump «non poteva scegliere un momento più sfortunato» per il ritiro delle truppe americane dalla Siria. Maas ha anche espresso il parere che per l’attuale presidente degli Stati Uniti, «l’America non è più il leader delle democrazie liberali», «è piuttosto a favore dei passi unilaterali nazionali».

I parlamentari macedoni venerdì hanno approvato l’emendamento della Costituzione, che prevede una modifica del nome del paese dalla Repubblica di Macedonia alla Repubblica del Nord Macedonia, secondo Interfax, citando i media locali. La situazione intorno al nome di questa ex Repubblica jugoslava ha impedito il riavvicinamento della Macedonia con l’UE e la NATO, dal momento che la Grecia, una delle regioni che è anche chiamata Macedonia, si è opposta al nome della Repubblica di Macedonia. Ricordiamo, il 30 settembre in Macedonia, si è tenuto un referendum sull’approvazione dell’accordo. Ma a causa di una bassa affluenza di circa il 37%, con la soglia richiesta del 50%, il CEC ha riconosciuto il referendum come non tenuto, ma in seguito la questione di rinominare il paese e di modificare la costituzione è stata presentata ai parlamentari.

Una potente esplosione è avvenuta in uno degli edifici di Parigi. Questo è stato segnalato alla polizia della città. Secondo il canale televisivo BFMTV, l’incidente si è verificato in una panetteria in via Trevis, la causa è stata una fuga di gas. Secondo testimoni oculari, diverse persone sono rimaste ferite. Il numero esatto di vittime non è ancora noto. Dopo l’esplosione, un incendio è iniziato nell’edificio. Ambulanza e pompieri arrivarono sulla scena.

Gli Stati Uniti hanno inviato forze di terra e un gruppo di navi militari verso la Siria per aiutare a ritirare le truppe dal paese, ha riferito il Wall Street Journal citando fonti. Secondo uno dei funzionari del Pentagono, la nave d’assalto anfibio Kirsaj, che trasportava centinaia di marines, elicotteri e altri velivoli, viene inviata sulle rive della Siria per completare il compito. Dovranno sostenere le parti delle forze armate statunitensi, lasciando il territorio della Siria, riferisce il TASS. In precedenza, la CNN, citando una fonte dell’amministrazione statunitense, disse che gli Stati Uniti iniziarono ad esportare dalla Siria attrezzature militari a terra.

Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Los rebeldes no dejan salir a los residentes locales de Idlib Александра Донцова 1.Siria Las Noticias de RIA con referencia a Nabil Abdullah, el General de Brigada del ejército sirio, encargado de la organización de un corredor humanitario, informan que los rebeldes de los grupos antigubernamentales en la […] I militanti non fanno uscire i locali da Idlib Александра Донцова 1. Siria I militanti di gruppi antigovernativi nella provincia di Idlib, nel nord della Siria, non rilasciano residenti locali in territori controllati dal governo, ha dichiarato il generale di brigata dell’esercito […] L’Ucraina ha rifiutato di firmare la formula di Steinmeier Александра Донцова 1. Afghanistan L’esplosione nella città di Kalat, nel sud dell’Afghanistan, ha ucciso 12 persone, più di 60 sono rimaste ferite, riferisce Tolo News. Un ordigno esplosivo sparò in un’auto parcheggiata vicino […] I rifugiati dal campo Rukban saranno rimossi entro 30 giorni Александра Донцова 1. Arabia Saudita Mercoledì scorso, il Ministero della Difesa saudita ha in programma di fornire prove del coinvolgimento dell’Iran negli attacchi alle strutture petrolifere saudite, ha riferito Al Ihbaria. Secondo lui, […] En 30 días los refugiados del campamento “Rukban” serán retirados Александра Донцова 1.Arabia Saudita El canal de televisión Al Ihbaria informa que el miércoles el Ministerio de Defensa de Arabia Saudita tiene intenciones de presentar pruebas que demuestren la participación de Irán en los ataques contra las […] Aggravamento della situazione al confine tra Tagikistan e Kirghizistan Александра Донцова 1. USA Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che gli attacchi agli impianti petroliferi in Arabia Saudita sembrano indicare l’Iran, ma un’indagine è ancora in corso. Secondo lui, gli Stati […] Les extrémistes empêchent le retrait des réfugiés de la zone de désescalade d’Idlib Александра Донцова 1.La Syrie Des bandes armées illégales ont bloqué les travaux du couloir humanitaire Abou Douhour dans la zone de désescalade d’Idlib, empêchant le retrait des réfugiés en menaçant d’utiliser des armes, a déclaré […] the terrorists prevent the refugees from leaving the Idlib DMZ Александра Донцова 1 Syria The Illegal armed groups blocked the humanitarian corridor ‘Abu al-Duhour’, in the Idlib DMZ. They prevent the exit of the refugees under threats of using weapons — the head of the Russian Center for […] I militanti impediscono ai rifugiati di lasciare la zona di Idlib Александра Донцова 1. Siria Gruppi armati illegali hanno bloccato il lavoro del corridoio umanitario di Abu al-Duhur nella zona di de-escalation di Idlib, impedendo ai rifugiati di sfuggire alla minaccia dell’uso di armi, ha affermato il […]
Наверх Наверх