Home / NEWS  / in Italian  / Il Brasile spera nel sostegno degli Stati Uniti in Venezuela || il 19 marzo 2019

Il Brasile spera nel sostegno degli Stati Uniti in Venezuela || il 19 marzo 2019

Il governo venezuelano ha dichiarato che membri dell’opposizione venezuelana hanno sequestrato le missioni diplomatiche del paese negli Stati Uniti. «Le missioni diplomatiche negli Stati Uniti sono state sequestrate da persone che hanno il sostegno pubblico del governo americano e agiscono come suoi agenti nei loro interessi politici», ha detto RIA Novosti. Il governo venezuelano ha anche chiesto che gli Stati Uniti rispettino gli obblighi legali e adottino misure per fermare il sequestro degli edifici. In precedenza, il Chargé d’Affaires venezuelano negli Stati Uniti, Carlos Vecchio, nominato dal leader dell’opposizione Juan Guaydo, ha annunciato che stava ottenendo l’accesso all’addetto militare della Repubblica bolivariana a Washington e altri due edifici della missione diplomatica venezuelana negli Stati Uniti. Allo stesso tempo, ha notato che l’opposizione non ha accesso all’edificio principale dell’ambasciata venezuelana a Washington.

I bombardieri strategici statunitensi B-52H Stratofortress, in grado di trasportare missili da crociera e bombe nucleari a lungo raggio dispiegati nel Regno Unito la scorsa settimana, hanno volato lunedì vicino ai confini settentrionale, meridionale e occidentale della parte europea della Russia, così come il suo estremo oriente, riferisce » Interfax». I bombardieri effettuarono voli al nord nella regione dei territori russi nel Mare di Barents, compresa la regione di Murmansk, vicino alle regioni di Kaliningrad e Leningrado nella regione baltica, così come i confini marittimi della Russia sul Mar Nero. Come riportato, la scorsa settimana, l’US Air Force ha trasferito sei bombardieri strategici B-52H nel Regno Unito in una sola volta. Secondo gli osservatori, i bombardieri americani hanno effettivamente elaborato il compito di addestramento di colpire obiettivi sul territorio russo nel Baltico.

La polizia ha arrestato un abitante turco di 37 anni, Hekmen Tanysh, sospettato di aver sparato nell’area della stazione del tram di Utrecht, riferisce Interfax. L’unità antiterrorismo della polizia olandese ha arrestato una delle case, che è stata presa d’assalto. I motivi del sospetto non sono ancora stati chiariti. L’identità del tiratore è stata stabilita dalle telecamere di sorveglianza. Secondo i dati dei media turchi, prima che Tanysh partecipasse alle ostilità in Cecenia, e portato anche alla responsabilità penale in connessione con il coinvolgimento in un gruppo terroristico «Stato islamico» (bandito nella Federazione Russa). Ricordiamo che durante l’attacco, tre persone sono state uccise e almeno altre nove sono rimaste ferite.

La posizione negativa degli Stati Uniti riguardo all’estensione del Trattato strategico sulle armi offensive (START) apre la prospettiva della completa scomparsa nelle relazioni della Federazione Russa e degli Stati Uniti di qualsiasi controllo e meccanismo restrittivo nella sfera dei missili nucleari, ha affermato il ministero degli Esteri russo. Il ministero ha anche osservato che la risoluzione del trattato sull’eliminazione dei missili a medio raggio e a raggio più corto (INF) è irta dell’inizio di una corsa agli armamenti multilaterale in diverse regioni del mondo. Allo stesso tempo, il dipartimento ha osservato che la Russia non avrebbe accettato la distruzione dei complessi con il missile 9M729, a causa del quale Washington accusa Mosca di aver violato l’INF. Allo stesso tempo, il ministero ha sottolineato che restano in vigore le proposte russe di risoluzione della situazione. «Ma non busseremo alla porta chiusa», ha aggiunto il ministero degli Esteri.

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)