Home / NEWS  / in Italian  / L’India chiede di smettere di bombardare || Risultati della settimana

L’India chiede di smettere di bombardare || Risultati della settimana

Le forze armate statunitensi hanno effettivamente ostacolato un’operazione umanitaria per rimuovere i rifugiati dal campo di Rukban dalle autorità siriane, non fornendo garanzie di sicurezza per il convoglio di autobus nell’area da loro controllata, secondo una dichiarazione congiunta di emergenza da parte del quartier generale di coordinamento tra agenzie della Russia e della RAS, RIA Novosti. Ora la parte americana sta cercando di spostare la responsabilità per ciò che sta accadendo, disinformando la comunità mondiale con dichiarazioni sulla presunta non conformità delle condizioni per il ritorno dei rifugiati alle norme ONU. Si sottolinea che fino a quando gli abitanti del campo «saranno tenuti in ostaggio dalle bande controllate dagli Stati Uniti come ostaggi, non vi è alcun dubbio sul prossimo convoglio umanitario nel campo». La Russia e la Siria hanno invitato la comunità mondiale e, soprattutto, le Nazioni Unite, il Comitato internazionale della Croce Rossa e la Mezzaluna Rossa, «a fermare il silenzio e, infine, a dichiarare chiaramente la loro posizione, ad adottare misure concrete e non limitarsi alle dichiarazioni di preoccupazione sul destino dei profughi siriani».

Il presidente francese Emmanuel Macron ha lanciato un’iniziativa per riformare le istituzioni legislative e politiche dell’Unione europea. In particolare, propone la creazione di un Consiglio di sicurezza europeo, nel quale, a parere del leader francese, dovrebbe partecipare anche il Regno Unito. Tale consiglio «preparerebbe le decisioni collettive dell’Unione europea nel campo della difesa». Il presidente francese ritiene che le attività del Consiglio dovrebbero basarsi su un «trattato di difesa e sicurezza», che definirà le responsabilità dei paesi dell’Unione europea, tenendo conto delle relazioni con la NATO, relazioni del TASS, citando l’Agence France-Presse. Secondo Macron, questi impegni serviranno ad aumentare le spese militari. Il trattato includerà anche una disposizione per l’assistenza reciproca in difesa nel caso in cui un paese venga attaccato.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che non intende ritirarsi dall’accordo sull’acquisto dei sistemi missilistici antiaerei russi S-400 e ritiene che la questione sia chiusa. «Il tema con l’S-400 è già stato completato, non lo abbandoneremo in alcun modo. Siamo d’accordo con la Russia, forse ci sarà una produzione congiunta «, ha detto Erdogan, citato da TASS. «Forse dopo l’S-400 prenderemo in considerazione anche le opzioni con l’S-500», ha aggiunto il leader turco. Ricordiamo che se Ankara non si rifiuta di acquistare sistemi missilistici antiaerei russi, gli Stati Uniti intendono rivedere gli accordi sulla partecipazione della Turchia al programma per creare combattenti F-35 e anche minacciare l’uso di sanzioni contro la Turchia.

Le truppe del governo siriano hanno lanciato intensi attacchi di razzi e artiglierie contro le posizioni di fuoco delle bande nel nord della provincia di Hama in risposta a un attacco di mortaio da parte dei militanti della città di Jurin. Secondo SANA, le forze governative siriane hanno attaccato le basi dei gruppi terroristici Dzhebhat al-Nusra e Kataib al-Izza banditi in Russia nell’area di Kalaat al-Madik e Sahl al-Gab, dove i militanti penetrano regolarmente nella provincia di Hama e attaccare la posizione delle forze governative, riferisce Tass. A seguito dell’attacco, l’esercito siriano distrusse le fortificazioni create da terroristi, posti di comando e depositi di armi. Durante l’operazione, due comandanti sul campo, Majid al-Sayyid e Abdel Hamid Sanjavi con un gruppo di mercenari, furono eliminati.

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)