Home / NEWS  / in Italian  / La Cina è pronta ad aiutare il Venezuela

La Cina è pronta ad aiutare il Venezuela

Il senatore repubblicano del Texas, Ted Cruz, in qualità di presidente del sottocomitato del Senato Aviation and Space, ha chiesto la sospensione dell’operazione degli aerei Boeing 737 MAX 8 negli Stati Uniti «fino a quando l`Amministrazione Federale di Aviazione conferma la sicurezza di questi velivoli», riferisce TASS. In precedenza, la decisione di sospendere tutti i voli degli aerei Boeing 737 MAX 8 in tutta l’Unione europea era stata presa dall’Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA), nonché da dozzine di altri paesi, tra cui Turchia, Cina, Messico e Corea del Sud. Ricordiamo che il Boeing 737 MAX 8 si è schiantato il 10 marzo in Etiopia, uccidendo 157 passeggeri. Questa è la seconda catastrofe di una nave del genere in meno di sei mesi.

2. Venezuela

L’elettricità è tornata in gran parte nelle case e nelle strade di Caracas, anche se nella capitale venezuelana la metropolitana non è ancora in funzione e ci sono seri problemi con l’approvvigionamento idrico, riferisce TASS. Illuminazione e semafori funzionano principalmente per le strade, i piccoli negozi hanno ripreso a funzionare, anche se i grandi supermercati non sono ancora aperti, la situazione con la comunicazione mobile e Internet mobile è migliorata in modo significativo. Ricordiamo che la sera del 7 marzo, Caracas e la maggior parte degli stati del Venezuela rimasero senza energia elettrica. Il presidente Nicolas Maduro ha descritto l’incidente come una «guerra elettrica» ​​scatenata contro Caracas come «imperialismo americano» con la partecipazione di complici in una compagnia energetica locale.

3. Regno Unito

Martedì la Camera dei Comuni della Gran Bretagna ha nuovamente votato contro l’accordo sulla Brexit concluso dal primo ministro Theresa May con Bruxelles, secondo quanto riportato da Interfax. 391 membri del parlamento hanno votato contro l’accordo, 242 deputati hanno votato a favore. Dopo il fallimento del primo scrutinio, May ha cercato di ottenere garanzie dall’UE per un «piano di sicurezza» per il confine irlandese, un accordo che ha causato insoddisfazione tra molti membri del parlamento. Dopo il rifiuto della Camera dei Comuni di approvare un accordo con l’UE, May ha affermato che il 13 marzo i parlamentari potranno votare sulla possibilità del ritiro del paese dall’UE senza un accordo con Bruxelles. Il primo ministro ha anche confermato che se i parlamentari rifiutassero la possibilità della Brexit senza un accordo, allora il 14 marzo, la questione della necessità di rinviare la data del ritiro del paese dall’UE dal 29 marzo ad una data successiva sarà messa ai voti nella Camera dei Comuni.

4. Cina-Venezuela

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Lu Kahn ha detto che le autorità cinesi sono pronte ad assistere il Venezuela nel ripristino del sistema di alimentazione. «La Cina è pronta a fornire al Venezuela assistenza e supporto tecnico per la ricostruzione del sistema di approvvigionamento energetico», RIA Novosti cita Lu Kahn. Allo stesso tempo, non ha risposto alla domanda se gli esperti cinesi avrebbero partecipato alle indagini sulle cause delle interruzioni di corrente in Venezuela. In precedenza, il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha annunciato la sua intenzione di chiedere aiuto a un certo numero di stati, in particolare dalla Russia e dalla Cina, per indagare su un attacco al sistema di potere della repubblica.

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)