Home / NEWS  / Le sanzioni contro la Russia saranno prolungate Riassunto delle notizie, il 10 dicembre 2018

Le sanzioni contro la Russia saranno prolungate Riassunto delle notizie, il 10 dicembre 2018

A margine del vertice del G20 in Argentina, Pechino e Washington hanno concordato importanti acquisti da parte della Cina di gas naturale e soia negli Stati Uniti e hanno anche acconsentito a ridurre i dazi doganali sulle automobili americane, scrive The Wall Street Journal. Le fonti della pubblicazione — funzionari statunitensi e cinesi — hanno riferito che la Cina ha accettato di annunciare piani per l’acquisto di beni e servizi negli Stati Uniti nelle prossime settimane, riferisce TASS. Secondo il WSJ, l’attuazione di questi accordi non è un prerequisito per la ripresa dei negoziati commerciali tra Cina e Stati Uniti al fine di concludere un nuovo accordo. Questi passaggi dovrebbero accelerare e facilitare il processo di negoziazione, dice il giornale.

Il procuratore generale dell’Ucraina Yuriy Lutsenko ha parlato a favore dell’imposizione di sanzioni sui beni russi nel paese, durante la legge marziale, imposta dopo la provocazione di Kiev nel Mar Nero. «È necessario durante la legge marziale prendere una decisione del Consiglio di sicurezza nazionale per imporre sanzioni sui beni russi in Ucraina», ha detto, UNN. Tuttavia, Lutsenko ha detto che «nessuno toglie nulla agli affari». Secondo lui, la legge sulle sanzioni implica solo «una temporanea limitazione del diritto umano di disporre e utilizzare la proprietà che gli appartiene».

La NATO ha dichiarato una minaccia ai canali di comunicazione dalla guerra radioelettronica russa. I recenti esercizi sul confine orientale della NATO, la presenza negli Stati baltici e la guerra in Ucraina hanno dimostrato il successo della guerra radioelettronica russa. Il loro uso mostra che l’infrastruttura di comunicazioni tattiche della NATO esistente è vulnerabile alle strutture EW «, si legge nella dichiarazione. In precedenza, il ministero della Difesa norvegese ha dichiarato che l’operazione dei sistemi GPS durante le esercitazioni della NATO nel paese è stata interrotta a causa di presunte azioni dei militari russi nell’Artico.

La Corte di giustizia europea, con sede a Lussemburgo, ha deciso che il Regno Unito potrebbe rifiutarsi unilateralmente di ritirarsi dall’Unione europea (Brexit), riferisce TASS. «Il Regno Unito può ritirare liberamente la sua notifica unilaterale al Consiglio europeo, trasmesso il 29 marzo 2017 della sua intenzione di separarsi dall’Unione europea», ha detto la corte. Ciò significa che il Regno Unito non ha bisogno del consenso del resto dei paesi dell’UE per fermare l’uscita dall’UE e rimanere nella comunità.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha affermato che le attuali sanzioni anti-russe imposte dopo l’annessione della Crimea alla Russia saranno estese, ma è necessario rimanere in contatto con le parti in conflitto. «In primo luogo estenderemo le sanzioni russe attualmente esistenti in relazione all’annessione illegale della Crimea, altrimenti dovremo mantenere uno stretto contatto con entrambe le parti, lo facciamo nel quadro del cosiddetto formato normanno, insieme ai nostri amici francesi per diminuire la situazione e lo faremo «, RIA Novosti cita la dichiarazione di Maas.

L’Unione europea ha imposto sanzioni contro nove persone per l’organizzazione e lo svolgimento delle elezioni nelle repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk l’11 novembre, ha affermato la dichiarazione del Consiglio dell’UE. «Il Consiglio dell’UE ha approvato l’introduzione di misure restrittive nei confronti di nove individui per l’organizzazione e lo svolgimento di elezioni illegali nelle regioni di Lugansk e Donetsk», afferma il documento, riferisce TASS. Le sanzioni entreranno in vigore dopo la loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE.

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)