Le truppe curde contrattaccano le forze turche

  
0

1. USA

Le autorità statunitensi hanno introdotto misure restrittive contro i ministeri della difesa e dell’energia della Turchia, secondo il Ministero del Tesoro statunitense. Inoltre, la sua dichiarazione afferma che il ministro della difesa turco Hulusi Ankara, il ministro degli interni Suleiman Soilu e il ministro dell’Energia Fatih Donmez sono inclusi nell’elenco delle sanzioni. I beni di questi ministeri e ministri negli Stati Uniti sono congelati; ai cittadini americani è proibito fare affari con loro. Inoltre, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti avverte che «le persone che effettuano determinate transazioni con persone dalla lista possono anche essere soggette a sanzioni». Misure restrittive furono la risposta di Washington all’operazione militare di Ankara contro i curdi nella Siria nord-orientale. Inoltre, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che «gli Stati Uniti cesseranno immediatamente i negoziati su un accordo commerciale con la Turchia per un importo di $ 100 miliardi» e aumenteranno anche le tariffe sull’acciaio turco al 50% del livello che ha preceduto le riduzioni tariffarie a maggio.

2. Russia-USA

Il vice ambasciatore russo presso l’ONU Gennady Kuzmin ha affermato che le autorità statunitensi non hanno rilasciato nuovamente visti a 18 rappresentanti della delegazione russa durante la 74a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, riferisce Interfax. Ricordiamo che alla fine di settembre gli Stati Uniti hanno rifiutato i visti richiesti per la partecipazione all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York a dieci dipendenti del ministero degli Esteri russo, tra cui il capo di Roskosmos Dmitry Rogozin, il capo della commissione della Duma di stato per gli affari internazionali Leonid Slutsky e il capo della commissione per gli affari internazionali Affari del Consiglio della Federazione Konstantin Kosachev. Inoltre, come rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, alcuni diplomatici russi non hanno potuto partecipare al forum sul dialogo di Fort Ross negli Stati Uniti all’inizio di ottobre a causa del rilascio di visti americani.

3. USA-Turchia

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump in una conversazione telefonica con il leader turco Recep Tayyip Erdogan lo ha invitato a un immediato cessate il fuoco in Siria. Secondo The Hill, citando la dichiarazione del vicepresidente Mike Pence, Trump ha ricevuto un «fermo impegno» che Ankara non attaccherà la città siriana di Kobani, dove vive un numero significativo di curdi. Pence ha affermato che le sanzioni recentemente annunciate contro la Turchia rimarranno in vigore o «peggioreranno» fino a quando la Turchia «non inizierà immediatamente un cessate il fuoco, cesserà la violenza e accetterà di negoziare una soluzione a lungo termine delle questioni lungo il confine» con la Siria.

4. Siria

Le unità curde delle forze di autodifesa popolari (SNA) hanno contrattaccato le forze turche e hanno ripreso il controllo della città di confine di Ras al-Ain, secondo quanto riferito dal canale televisivo Al-Khadas. Secondo il canale, al momento ci sono feroci battaglie tra i curdi e le forze di opposizione armate siriane che combattono dalla parte dell’esercito turco. Squadre delle forze di autodifesa popolare hanno anche preso d’assalto la vicina città di Tell Khalaf, che è nelle mani di militanti dell’esercito siriano libero, che si trova dalla parte della Turchia. Le informazioni sugli scontri sono arrivate anche dalla città di confine di Kobani.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Israele ha lanciato attacchi missilistici su Damasco Александра Донцова 1. Siria Mercoledì notte, diversi missili israeliani sono stati intercettati dalle forze siriane nell’area di Damasco. È stato riferito dall’agenzia statale siriana SANA. Secondo l’agenzia, gli aerei […] Israel realizó los ataques aéreos contra Damasco Александра Донцова 1.Siria La agencia SANA informa que el miércoles por la noche los aviones militares israelíes realizaron varios ataques contra la periferia de Damasco. Se destaca que la mayor parte de los misiles israelíes fueron […] La Turchia riprenderà a operare in Siria Александра Донцова 1. Georgia Le azioni di protesta sono riprese in Georgia. All’edificio del parlamento, diverse decine di partecipanti a una manifestazione antigovernativa, che erano stati dispersi dalle forze speciali alla vigilia […] Turquía reanudará la operación en Siria Александра Донцова 1.Georgia En Georgia se reanudaron las acciones de protesta. Cerca del edificio del Parlamento varias docenas de participantes del mitin antigubernamental que fueron dispersados por las fuerzas especiales ayer han montado las […] Turkey will resume the military operation in Syria Александра Донцова 1 Georgia The protests resumed in Georgia. Several dozen anti-government rally participants, who were previously dispersed by the special forces, set up their tents next to the parliament building once again. «We will […] L’ottava pattuglia russo-turca inizia a lavorare in Siria Александра Донцова 1. Siria Il ministero della Difesa russo riferisce che l’ottava pattuglia congiunta della polizia militare russa e delle forze armate turche ha iniziato i lavori. La pattuglia ha iniziato a lavorare alle 10.06 nella […] Lo scontro tra nazionalisti e l’esercito di Kiev Александра Донцова 1. Lo scontro tra nazionalisti ucraini e personale militare della 92a brigata separata meccanizzata delle forze armate a nord-ovest di Yasinovataya ha portato alla morte di almeno quattro combattenti del complesso, secondo […] Gli attacchi in Siria Александра Донцова A seguito di un triplo attacco terroristico nella città siriana di Kamyshli, nel nord della Siria, nella provincia di Hasaka, il numero di vittime ha raggiunto sette persone, ferendone 70. I nostri corrispondenti di guerra, […] 18 mila rifugiati ritirati dal campo di Rukban Александра Донцова 1. Siria Più di 18 mila rifugiati sono stati rimossi dal campo di Rukban in Siria grazie alle azioni del governo siriano e all’assistenza russa, ha affermato Yuri Borenkov, capo del Centro russo per la riconciliazione […]
Наверх Наверх