Home / NEWS  / Mosca non fa misure di ritorsione || Riassunto delle notizie, il 2 dicembre 2018

Mosca non fa misure di ritorsione || Riassunto delle notizie, il 2 dicembre 2018

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping hanno concordato a margine del vertice del G20 a Buenos Aires che gli Stati Uniti non introdurranno dazi addizionali sulle merci cinesi importate nel paese dal 1 ° gennaio 2019. Le tariffe aumentate dal 10 al 25% saranno ritardate di 90 giorni. Inoltre, la Cina, al fine di ridurre lo squilibrio commerciale, ha accettato di «acquistare beni agricoli, energia, prodotti industriali e di altro tipo negli Stati Uniti per un importo abbastanza significativo».

Il presidente Vladimir Putin ha detto che la Russia non imporrà alcuna restrizione reciproca all’ingresso di cittadini ucraini, ma andrà «sulla strada della liberalizzazione della loro permanenza e della loro acquisizione della cittadinanza russa». La decisione di imporre la legge marziale, Putin ha chiamato «errore» da parte della leadership ucraina. Secondo lui, le autorità vogliono «limitare i diritti civili e le libertà, limitare l’attività politica nel paese» e «coprire i loro fallimenti nella politica economica e sociale». Ricordiamo, il 30 novembre, l’Ucraina ha vietato l’ingresso nel territorio del paese da uomini russi tra i 16 ei 60 anni.

L’ex ministro degli esteri tedesco Sigmar Gabriel ha affermato che le autorità ucraine stanno cercando di trascinare la Germania in guerra dopo l’incidente nello stretto di Kerch. «Penso che non dovremmo permettere all’Ucraina di trascinarci in una guerra. L’Ucraina ha cercato di farlo «, ha detto l’ex ministro in un’intervista con N-TV. Gabriel ha anche criticato le richieste di Kiev di inviare navi da guerra al Mar Nero e chiudere i porti internazionali per le navi russe provenienti dal Mar d’Azov. Secondo lui, la cancelliera tedesca Angela Merkel sta facendo la cosa giusta, cercando di «riportare le parti alle normali relazioni», anche se non sarà facile.

Il vice ammiraglio Scott Stirney, comandante della quinta flotta del Comando centrale della Marina degli Stati Uniti, fu trovato morto nella sua residenza in Bahrain. Il servizio di investigazione criminale della Marina degli Stati Uniti e il ministero dell’Interno del Bahrain stanno conducendo un’indagine congiunta. I militari sostengono che non ci sono ragioni per indicare la natura violenta della morte del vice ammiraglio. Il comandante della flotta dopo la morte di Stirney assumerà il vice-ammiraglio James Mallow. Stirney era responsabile delle operazioni navali statunitensi in Medio Oriente e Asia sud-occidentale.

L’esplosione, presumibilmente, di una bomba a mano, è avvenuta vicino all’edificio del Consolato Generale degli Stati Uniti nella città messicana di Guadalajara il sabato sera tardi. Non ci sono morti e feriti, il lavoro della missione diplomatica è temporaneamente sospeso. L’esplosione ha leggermente danneggiato la recinzione del giardino all’esterno dell’edificio. Ricordiamo che l’esplosione è avvenuta alla vigilia dell’inaugurazione della domenica del nuovo presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador.

Il ministro degli esteri polacco Jacek Chaputovich ha annunciato l’introduzione nel prossimo futuro delle sanzioni dell’UE contro coloro che hanno partecipato all’organizzazione delle elezioni nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, riferisce TASS. Lo ha dichiarato a Kiev in una conferenza stampa congiunta con il suo collega ucraino Pavel Klimkin. «La Polonia ha avviato di recente discussioni nell’UE dopo elezioni illegali nel Donbass. Stiamo lavorando ora, stiamo sviluppando sanzioni contro le persone che hanno organizzato queste elezioni illegali, l’UE le chiamerà nel prossimo futuro «, ha detto.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)