Putin ha tenuto colloqui sulla Siria con Erdogan

  
0

Lunedi, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato la sua intenzione di tenere incontri con il presidente russo Vladimir Putin e il presidente cinese Xi Jinping durante il vertice del G20 a Osaka nel mese di giugno, riferisce Interfax, citando Bloomberg. Su questo, Trump ha detto ai giornalisti nello Studio ovale della Casa Bianca prima di incontrare il primo ministro ungherese Viktor Orban. Un portavoce del capo dello stato russo, Dmitrij Peskov, ha dichiarato che gli Stati Uniti non hanno ancora affrontato la parte russa con una proposta di incontro tra i presidenti dei due paesi, Vladimir Putin e Donald Trump, al vertice del G-20 in Giappone.

Il presidente russo Vladimir Putin ha avuto una conversazione telefonica con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. La conversazione ha avuto luogo per iniziativa di Ankara, secondo il sito web del Cremlino. Le parti hanno discusso della situazione in Siria. In particolare, l’accento è stato posto sulle «frequenti violazioni» da parte dei militanti del regime di cessate il fuoco nella zona di Idlib de-escalation. Secondo l’ufficio del leader turco, Erdogan «ha sottolineato che la crescita delle tensioni in Idlib minaccia la formazione di una commissione costituzionale» in Siria. Erdogan ha affermato che «la violazione del regime di cessate il fuoco nella zona di riduzione delle emissioni a Idlib nelle ultime due settimane ha raggiunto livelli spaventosi», riferisce TASS. Inoltre, Ankara ha accusato le autorità siriane di tentare di indebolire la «cooperazione turco-russa in Idlib» e di danneggiare il processo di Astana.

Gli Stati Uniti si sono rivolti alla Turchia con la proposta di rinviare l’acquisizione del sistema missilistico antiaereo russo S-400, previsto per il luglio 2019 fino al 2020, riferisce Bloomberg, citando fonti. Il rinvio potrebbe aiutare gli Stati Uniti e la Turchia — alleati della NATO — a raggiungere un compromesso per quanto riguarda l’acquisto di sistemi S-400 dalla Russia, che consentirebbe ad Ankara di cercare di evitare le sanzioni americane, ha detto l’agenzia. In precedenza, l’amministrazione presidenziale turca ha commentato il rapporto della pubblicazione Bild, che affermava che Ankara si sarebbe rifiutata di acquistare il S-400 dalla Russia sotto la minaccia di imporre sanzioni statunitensi. Ankara ha sottolineato che le fonti della pubblicazione sono errate e che l’acquisto è un «business completato».

I combattenti dell’esercito siriano hanno respinto i contrattacchi, che hanno lanciato nel nord della provincia di Hama la formazione del «Fronte per la liberazione nazionale» (TNF), sostenuto dalla Turchia, riferisce il fatto quotidiano con riferimento al quotidiano Al-Akhbar. Secondo la pubblicazione, il nemico ha lanciato una grande svolta a est della città di Kurnaz e ha cercato di riconquistare due insediamenti di Hamamiyat e Al-Jabin, precedentemente liberati dalle truppe siriane. Tuttavia, i soldati siriani hanno represso gli attacchi dei militanti e messo fuori combattimento nove unità di veicoli corazzati. Il nemico ha subito perdite e si è ritirato. Lunedì, l’esercito siriano ha liberato gli insediamenti di Sheikh Idriss e Toubi a nord della città di Kfar Nabud, nel nord della provincia di Hama durante l’operazione. In questo settore del fronte, le truppe combattono per le altezze di Tell-Saher e del villaggio di Al-Hobeit.

Il vice segretario di stato americano Ellen Lord ha inviato al capo della diplomazia europea Federica Mogherini una lettera in cui ha messo in guardia l’Unione europea in merito alle conseguenze economiche e politiche se avesse continuato a sviluppare i propri progetti di difesa. Secondo la lettera, i piani di difesa dell’UE minacciano un’integrazione decennale dell’industria della difesa transatlantica e della cooperazione militare all’interno della NATO. In particolare, Washington non è soddisfatta dell’adozione dei Regolamenti del Fondo europeo di difesa, che consente agli Stati dell’UE di invitare paesi non europei a partecipare a progetti, ma allo stesso tempo, ognuno di questi progetti sarà pienamente di proprietà intellettuale dell’Unione europea.

Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

The terrorists do not let the locals out of Idlib Александра Донцова 1 Syria «The anti-government groups in the province of Idlib, in north of Syria, do not allow the local residents to enter the government-controlled territories» — said the Syrian Army brigadier general, Nabil […] L’Ucraina ha rifiutato di firmare la formula di Steinmeier Александра Донцова 1. Afghanistan L’esplosione nella città di Kalat, nel sud dell’Afghanistan, ha ucciso 12 persone, più di 60 sono rimaste ferite, riferisce Tolo News. Un ordigno esplosivo sparò in un’auto parcheggiata vicino […] I rifugiati dal campo Rukban saranno rimossi entro 30 giorni Александра Донцова 1. Arabia Saudita Mercoledì scorso, il Ministero della Difesa saudita ha in programma di fornire prove del coinvolgimento dell’Iran negli attacchi alle strutture petrolifere saudite, ha riferito Al Ihbaria. Secondo lui, […] Escalation of the situation on the border of Tajikistan and Kyrgyzstan Александра Донцова 1 the USA Donald Trump announced that the attacks on the Saudi oil facilities likely point to Iran. An investigation is still ongoing. According to him, the US don’t want to enter the war with Iran, but the hostilities […] Aggravamento della situazione al confine tra Tagikistan e Kirghizistan Александра Донцова 1. USA Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che gli attacchi agli impianti petroliferi in Arabia Saudita sembrano indicare l’Iran, ma un’indagine è ancora in corso. Secondo lui, gli Stati […] Militante verhindern, dass Flüchtlinge die Idlib-Zone verlassen Александра Донцова 1. Syrien Illegale bewaffnete Gruppen hätten die Arbeit des humanitären Korridors Abu adh-Duhur in der Deeskalationszone von Idlib blockiert, sagte Generalmajor Alexej Bakin, Leiter des russischen Zentrums für die Aussöhnung […] Les extrémistes empêchent le retrait des réfugiés de la zone de désescalade d’Idlib Александра Донцова 1.La Syrie Des bandes armées illégales ont bloqué les travaux du couloir humanitaire Abou Douhour dans la zone de désescalade d’Idlib, empêchant le retrait des réfugiés en menaçant d’utiliser des armes, a déclaré […] the terrorists prevent the refugees from leaving the Idlib DMZ Александра Донцова 1 Syria The Illegal armed groups blocked the humanitarian corridor ‘Abu al-Duhour’, in the Idlib DMZ. They prevent the exit of the refugees under threats of using weapons — the head of the Russian Center for […] I militanti impediscono ai rifugiati di lasciare la zona di Idlib Александра Донцова 1. Siria Gruppi armati illegali hanno bloccato il lavoro del corridoio umanitario di Abu al-Duhur nella zona di de-escalation di Idlib, impedendo ai rifugiati di sfuggire alla minaccia dell’uso di armi, ha affermato il […]
Наверх Наверх