Riassunto delle notizie, il 1 ottobre 2018

  
0

I nostri giornalisti sul campo riferiscono dalla Siria che le autorità di Giordania intendono aprire il confine con la Siria, che è stato chiuso dopo l’inizio del conflitto armato. Lo ha riferito il ministro degli Affari esteri della Giordania Ayman Safadi. Secondo lui, la Giordania vuole aprire i confini con la Siria. Il Comitato tecnico sta ora tenendo riunioni su questo argomento per concordare tutti i dettagli. Dopo il coordinamento, sarà possibile risolvere il problema dell’apertura delle frontiere. La nostra agenzia in precedenza ha riferito che nell’area di insediamento di Al-Tanf sul confine tra Siria e Giordania c’è una base militare americana, dove gli Stati Uniti ospitano terroristi. La fornitura di questa base viene effettuata, anche dal territorio della Giordania.

Come ha affermato il ministro degli esteri siriano Walid Moallem, le trattative programmate tra il governo siriano a Damasco e le formazioni curde sono stati bloccati a causa del «fattore americano». Il ministro ha confermato che la presenza americana nella regione sta ostacolando le prospettive di riconciliazione con i curdi, che beneficiano anche degli aiuti militari statunitensi.

Come ha saputo il nostro corrispondente, l’Ungheria ha bloccato la partecipazione della delegazione ucraina a una riunione del Consiglio della NATO, prevista per il 3-4 ottobre di quest’anno. L’incontro della commissione Ucraina-NATO, a cui i ministri della difesa avrebbero preso parte, non avrà luogo, il servizio stampa della missione ucraina alla NATO ha informato. Inoltre, i diplomatici hanno riferito che questa volta non si terrà una riunione speciale sulla situazione nell’est dell’Ucraina. Budapest, usando il suo ditirro, ha posto il veto sul lavoro della Commissione Ucraina-NATO. Il ministro degli Esteri ungherese Peter Siyarto ha promesso che l’Ucraina si troverebbe ad affrontare notevoli ostacoli all’ingresso nell’Unione europea.

Il summit dei leader di Turchia, Russia, Germania e Francia su un accordo in Siria si terrà a Istanbul nella seconda metà di ottobre, ha dichiarato il presidente turco Erdogan dopo la sua visita in Germania. Ha detto di aver fornito ai partiti tedesco e francese informazioni sul lavoro svolto in cooperazione con la Federazione russa e Iran in Siria, in particolare a Idlib, dove le parti hanno concordato di creare una zona smilitarizzata dopo il summit del 17 settembre a Sochi.

Secondo i media siriani, i militanti della fazione Faylak-ar-Rahman hanno lasciato la «zona demilitarizzata» nella provincia di Idlib. Pertanto, questo raggruppamento è stato il primo del numero di formazioni illegali che hanno riconosciuto l’accordo di Sochi tra le autorità della Russia e della Turchia. Allo stesso tempo, vengono fornite informazioni sugli scontri tra gruppi che sostengono l’accordo e i suoi oppositori, che è iniziato nella provincia occidentale di Aleppo.

Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

l bombardamento nel Donbass non si ferma Александра Донцова 1. La mancanza di reazione della comunità internazionale ai crimini di guerra in Ucraina ha portato all’impunità e violazioni sistematiche del diritto umanitario da parte dell’esercito ucraino nel Donbass, ha […] America es responsable del colapso del Tratado sobre la eliminación de los misiles de alcance Александра Донцова El Ministerio de Defensa de Rusia acusó a los EE.UU. de haber elaborado un nuevo misil terrestre durante la vigencia del Tratado sobre la eliminación de los misiles de alcance intermedio y de menor alcance. Las acusaciones no […] La responsabilità del crollo del Trattato INF spetta agli Stati Uniti Александра Донцова Il Ministero della Difesa russo ha accusato gli Stati Uniti di aver sviluppato un nuovo missile terrestre durante il periodo del Trattato sui missili a raggio intermedio e a corto raggio (Trattato INF). «Accuse non […] La guerra en Siria ha terminado Александра Донцова 1.Siria Sergei Lavrov, el Jefe del Ministerio de Relaciones Exteriores de la Federación de Rusia, declaró que la guerra en Siria había terminado. Al mismo tiempo, Lavrov destacó que en los territorios que no están bajo el […] La guerra in Siria è finita Александра Донцова 1. Siria Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in un’intervista al quotidiano Trud ha dichiarato che la guerra in Siria è finita. «La guerra in Siria è davvero finita. Il paese sta gradualmente tornando a […] Israele si prepara alla guerra contro Hamas Александра Донцова 1. USA Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta valutando la possibilità di nominare come suo assistente per la sicurezza nazionale l’attuale segretario di Stato Michael Pompeo, nel qual caso quest’ultimo […] Esplosione a Kabul presso l’ambasciata americana Александра Донцова 1. Afghanistan Una massiccia esplosione si è verificata mercoledì sera vicino all’ambasciata americana a Kabul in occasione dell’anniversario dell’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 alle torri […] Il Ministero della Difesa russo nega gli attacchi a Idlib Александра Донцова 1. Corea del Nord La Corea del Nord ha condotto nuovi test missilistici, lanciando due missili non identificati verso il Mar del Giappone martedì, hanno dichiarato i capi di stato maggiore congiunti della Corea in una nota. I […] El Ministerio de Defensa de Rusia declaró que la información sobre los ataques en Idlib era falsa Александра Донцова 1.Corea del Norte El Estado Mayor Conjunto de Corea del Sur declaró que el martes, por octava vez en las últimas seis semanas Corea del Norte había realizado los ensayos de misiles, en particular, había lanzado 2 misiles del […]
Наверх Наверх