Home / NEWS  / Riassunto delle notizie, il 6 novembre 2018

Riassunto delle notizie, il 6 novembre 2018

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che le perdite economiche dei paesi dell’UE dalle sanzioni anti-russe imposte dagli Stati Uniti, secondo alcune stime, superano 100 miliardi di euro. Lavrov ha risposto che le cifre delle perdite degli stati dell’UE dalle sanzioni di cui si parla sono sempre diverse, riferisce TASS. «Secondo alcune stime, stiamo parlando di un importo ben superiore a 100 miliardi di euro», ha detto il ministro degli esteri russo, sottolineando che i paesi europei hanno imposto sanzioni contro Mosca su ordini diretti da Washington. «È interessante notare che gli stessi americani non subiscono perdite», ha detto Lavrov in un’intervista all’edizione spagnola di El Pais. Il ministro ha sottolineato che «oggettivamente, le sanzioni non sono vantaggiose né per la Russia né per l’Unione europea».

Per due mesi, il governo venezuelano ha tentato invano di restituire lingotti d’oro alla loro patria, il cui deposito ha affidato alla Banca d’Inghilterra, hanno riferito fonti informate. Il Venezuela tenta invano di tornare in patria 14 tonnellate d’oro, il cui deposito affidato a Caracas dalla Banca d’Inghilterra, riferisce TASS. Allo stesso tempo, i requisiti di Caracas «non possono essere realizzati» negli ultimi due mesi. Questo è presumibilmente collegato con «l’incapacità di ottenere l’assicurazione, che è necessaria per il trasporto di una quantità così grande di oro». Secondo la Reuters, la Banca d’Inghilterra vorrebbe chiarire in che modo il paese dell’America latina intende usare il metallo prezioso.

La Russia e la Cina hanno firmato quattro contratti esecutivi per la costruzione di nuove unità presso la centrale di Tianwan e il reattore nucleare a prova rapida di neutroni CFR600. I contratti sono stati conclusi a margine del China International Import Expo di Shanghai, riferisce RIA Novosti. Inoltre, la Russia e la Cina hanno completato i negoziati per la creazione di un elicottero pesante, le parti sono pronte a firmare un contratto. Lo ha annunciato il direttore della Cooperazione internazionale e politica regionale Rostech Victor Kladov.

L’Iraq manterrà la possibilità di acquistare energia dall’Iran per l’approvvigionamento energetico, nonostante le sanzioni anti-iraniane degli Stati Uniti che sono entrate in vigore, ha dichiarato Brian Hook, rappresentante speciale del Dipartimento di Stato americano per l’Iran, durante una conferenza stampa per giornalisti. «L’Iraq ha ricevuto un’eccezione» dalle sanzioni energetiche statunitensi contro l’Iran, secondo Bloomberg. Quindi, l’Iraq è diventato il nono paese che ha ricevuto il permesso da Washington per continuare ad acquistare energia dall’Iran. In precedenza, gli Stati Uniti hanno escluso Cina, India, Italia, Grecia, Giappone, Corea del Sud e Taiwan dal numero di paesi a cui si applicherebbero le sanzioni se continuassero ad importare petrolio dall’Iran.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che l’Europa dovrebbe creare le proprie forze armate unite per contrastare la «minaccia russa». «Non saremo in grado di proteggere gli europei se non prendiamo una decisione per creare un esercito veramente paneuropeo. Ciò è necessario di fronte alla Russia, che si trova ai nostri confini e che può agire in modo minaccioso «, ha affermato il leader francese, secondo TASS. Secondo lui, l’Europa dovrebbe essere in grado di agire in modo indipendente dagli Stati Uniti. In precedenza, Macron ha espresso la fiducia che gli Stati Uniti metterebbero a rischio la sicurezza europea se decidessero di ritirarsi dal trattato INF.

I giornalisti sul campo di Anna News, riferendosi all’agenzia SANA, comunicano dalla Siria. C’erano nuovi dati sui risultati dell’ultimo bombardamento dell’Aeronautica della coalizione internazionale, durante il quale venivano utilizzate munizioni al fosforo. Secondo SANA, almeno 15 civili sono stati uccisi nei bombardamenti della città di Khadzhin. Ricordiamo che l’uso di proiettili con fosforo bianco è proibito dalle convenzioni internazionali, ma le forze americane non smettono di usarle durante i loro raid aerei.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)