Home / NEWS  / Riassunto delle notizie, il 9 ottobre 2018

Riassunto delle notizie, il 9 ottobre 2018

Quattro aerei da caccia israeliani F-16 hanno invaso lo spazio aereo libanese, volando verso i confini della Siria, dove la scorsa settimana sono stati consegnati i sistemi missilistici antiaerei russi S-300, riferisce Interfax. Dopo essersi avvicinati ai confini della Siria nel cielo sopra il Libano, fecero un’inversione e partirono nella direzione opposta verso Israele. Gli osservatori non escludono che l’aviazione israeliana abbia iniziato a testare lo spazio aereo della Siria per la disponibilità del sistema di difesa aerea S-300 a riflettere i possibili attacchi aerei israeliani.

Il governo della Macedonia ha avviato il processo di modifica della costituzione per modificare il nome del paese. Il documento corrispondente è stato inviato al parlamento e domani i deputati inizieranno a lavorare su questo tema, riferisce TASS. Gli emendamenti riguardano l’aggiunta dell’aggettivo «settentrionale» al nome della Repubblica di Macedonia, il preambolo della costituzione che elenca le tradizioni giuridiche dello stato, la clausola «rispetto della sovranità, integrità territoriale e indipendenza politica dei paesi vicini», nonché preoccupazione per i rappresentanti macedoni e della diaspora all’estero. Secondo il governo, questa via è «la strada per l’UE e la NATO», e per questo è necessario «un accordo tra Macedonia e Grecia». Ricordiamo, il referendum sulla ridenominazione della Macedonia è stato dichiarato invalido, ma la NATO, l’UE, Washington e il Consiglio dei Ministri della Macedonia hanno ignorato questo fatto.

Il ministro dell’Energia Alexander Novak ha affermato che il percorso attraverso la Bulgaria e l’Austria è considerato un’opzione prioritaria per il proseguimento della seconda linea del flusso turco, riferisce RIA Novosti. Secondo lui, oggi ci sono diverse opzioni per il proseguimento della seconda linea del «Turkish Stream» — questa è anche Grecia — Italia e l’opzione «attraverso la Turchia alla Bulgaria», e poi «Serbia, Ungheria e Austria». La priorità è «la direzione verso la Bulgaria e l’Austria», poiché con tutti questi paesi «vengono firmate le carte stradali dello sviluppo dell’infrastruttura di trasporto del gas». Inoltre, le «scadenze sono sincronizzate nel complesso con la costruzione del «Turkish stream».

Giornalisti sul campo di Anna News, citando l’agenzia SANA, hanno riferito che il presidente siriano Bashar Assad ha spiegato la posizione degli stati occidentali sulla situazione a Idlib. Bashar Assad ha osservato che la vittoria delle forze governative nella lotta per Idlib distrugge i piani dei paesi occidentali nella presenza a lungo termine delle loro truppe sul territorio di uno stato sovrano. Il Presidente ha inoltre delineato la posizione della Siria sull’accordo tra la Russia e la Turchia sull’istituzione di una zona smilitarizzata a Idlib. Ha notato che l’accordo, che ha permesso di evitare spargimenti di sangue, è temporaneo. «Questa provincia, come le altre che rimangono sotto il controllo dei terroristi, tornerà al controllo dello stato», ha affermato Assad.

Il capo consigliere economico di Trump, Larry Cudlow, su Hill.TV, ha detto che gli Stati Uniti devono sfidare la Russia nel settore energetico. «Siamo la potenza energetica dominante. Tra un paio d’anni produrremo 15 milioni di barili di petrolio al giorno. Stiamo sorpassando i sauditi. Andiamo anche in giro per la Russia «, ha detto il consigliere del Presidente degli Stati Uniti. Ricordiamo che gli Stati Uniti stanno negoziando con i paesi dell’UE in merito alla riduzione degli acquisti di gas in Russia e all’acquisto negli Stati Uniti.

Continua la formazione congiunta del centro antiterrorismo del Kirghizistan e dell’aviazione della base aerea russa. Secondo l’agenzia di stampa dell’Asia centrale del Kirghizistan CA-NEWS (KG), gli equipaggi di attaccanti Su-25 e elicotteri Mi-8, su richiesta del centro, hanno distrutto il convoglio di veicoli corazzati del «nemico» nel campo di allenamento di Edelweiss in Kirghizistan. La sconfitta dei veicoli nemici è stata completata da due elicotteri Mi-8, che hanno colpito missili aerei incontrollabili e distrutto i «militanti» in ritirata dai cannoni a bordo.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

ПОДЕЛИТЬСЯ


ВАШ КОММЕНТАРИЙ БУДЕТ ПЕРВЫМ

Оставьте Ваш комментарий (регистрация не требуется)