300 mercenari siriani in Libia

  
0

1.

Libia

Il canale televisivo Al-Arabiya, citando una fonte all’aeroporto della città libica di Misrata, riferisce che più di 300 mercenari siriani sono arrivati ​​lunedì in Libia dalla Turchia. Secondo la fonte del canale, due aerei libici sono atterrati lunedì mattina all’aeroporto di Misrata. A bordo c’erano un totale di 301 mercenari siriani. La fonte ha sottolineato che gli aerei sono arrivati ​​dalla Turchia.

2.

Siria

Il portale di notizie Al-Masdar ha detto domenica che durante un’operazione nel sud-ovest della provincia di Raqqa, le unità dell’esercito siriano hanno eliminato la banda del gruppo terroristico dello Stato Islamico. Le forze governative hanno liberato la periferia della città di Salmiya, da dove i militanti hanno attaccato regolarmente convogli di trasporto militari. «I membri della banda sono stati rintracciati e distrutti, di conseguenza è stato possibile garantire il traffico sull’autostrada da Homs a Raqqa e da Hama a Deir ez-Zor», ha dichiarato il portale citando l’esercito siriano coinvolto nell’operazione. Secondo lui, ora le truppe si trovano ad affrontare il compito di proteggere i pozzi petroliferi situati in questa regione, in particolare nel campo di Et-Tayim.

3.

Siria

Le truppe russe e siriane hanno condotto un esercizio congiunto per proteggere contro una banda di sabotatori del porto di Tartus, dove si trova la base navale russa. Lo riporta RIA Novosti con riferimento al capo della stazione base Tartus Vyacheslav Rodionov. «Durante l’esercizio tattico congiunto, sono state elaborate le questioni della difesa universale della base di Tartus. Tutti gli obiettivi dell’esercizio pianificato sono stati raggiunti, la Marina della RAS e la Marina russa sono pronte a proteggere e difendere la base del mare di Tartus», ha detto Rodionov. Secondo la leggenda dell’esercizio, quattro sub-sabotatori hanno provato a mettere un segnalibro con un dispositivo esplosivo di fortuna in basso. Durante gli esercizi, due sabotatori furono distrutti e due furono catturati.

4.

Venezuela

L’IRNA ha riferito che la prima delle cinque petroliere iraniane ha raggiunto le coste del Venezuela, nonostante le minacce degli Stati Uniti. Nei prossimi giorni, altre quattro petroliere iraniane dovrebbero arrivare nel Paese sudamericano. In precedenza, il rappresentante permanente venezuelano presso l’ONU Samuel Moncada ha avvertito il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e il segretario generale dell’organizzazione Antonio Guterres della minaccia rappresentata dagli Stati Uniti per le petroliere iraniane dirette verso il Venezuela.

5.

Repubblica di Corea-RPDC

L’agenzia Yonhap, citando una fonte dell’intelligence della Repubblica di Corea, ha affermato che Seoul continua a monitorare la possibile comparsa anticipata nella Marina della RPDC di un nuovo sottomarino missilistico. «Secondo i nostri dati, il sottomarino è pronto per entrare nell’arsenale della Marina della RPDC. Stiamo monitorando attentamente la sua messa in servizio», ha affermato la fonte dell’agenzia. Secondo l’intelligence sudcoreana, un nuovo sottomarino missilistico non nucleare fu costruito nei cantieri navali militari nella città di Sinpo, sulla costa orientale del paese. Ha una cilindrata di circa 3 mila tonnellate ed è armato con tre nuovi missili balistici di medio raggio. L’agenzia Yonhap nota che il sottomarino potrebbe far parte delle forze strategiche della RPDC, il cui arsenale è ora bombardieri e missili con testate nucleari.

6.

Afghanistan

Il presidente afghano Ashraf Ghani ha dichiarato su Twitter che il segretario di Stato americano Michael Pompeo ha espresso gratitudine a Kabul per l’iniziativa delle autorità afghane di liberare 2000 sostenitori del movimento radicale talebano. Ashraf Ghani ha scritto che Pompeo, in una conversazione telefonica con lui e il capo del Consiglio supremo per la riconciliazione nazionale dell’Afghanistan, Abdullah Abdullah, «ha ringraziato le autorità afghane per il coraggioso processo di rilascio di 2 mila talebani». Il presidente afgano ha aggiunto che Pompeo ha sottolineato il desiderio di Washington di «cercare un cessate il fuoco a lungo termine» in Afghanistan e avviare negoziati diretti tra afghani.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 16:00 26 ноября 2020 года Влад Николаев Парламент Азербайджана предложил правительству страны обратиться к руководству ОБСЕ чтобы отозвать Францию из сопредседателей Минской группы ОБСЕ. Об этом говорится заявлении законодательного органа в ответ на резолюцию […] Новости на 12:00 26 ноября 2020 года Влад Николаев МИД Турции осудил резолюцию Сената Франции, которая призывает правительство страны признать независимость Нагорного Карабаха. «Это решение Сената Франции является четким показателем того, почему работа Минской группы […] Главное на утро 26 ноября 2020 года Влад Николаев Сенат Франции принял резолюцию с призывом к правительству страны о признании непризнанной Нагорно-Карабахской Республики. По результатам голосования за принятие резолюции выступили 305 французских сенаторов из 306 участников […] Un destroyer américain viole la frontière russe Александра Донцова 1 Selon la Défense russe, le bâtiment anti-navire Admiral Vinogradov a arrêté la violation de la frontière russe par le destroyer américain John McCain dans le golfe de Pierre-le-Grand. L’incident a eu lieu à 6h 17m heure de […] US-Zerstörer verletzte die russische Grenze Александра Донцова 1. Das russische Verteidigungsministerium berichtete, dass das große U-Boot-Abwehrschiff „Admiral Winogradow“ die Verletzung der russischen Staatsgrenze durch den Zerstörer der US-Marine „John McCain“ in der […] Il cacciatorpediniere statunitense ha violato il confine russo Александра Донцова 1. Il ministero della Difesa russo ha riferito che la grande nave antisommergibile «Admiral Vinogradov» ha interrotto la violazione del confine di stato della Federazione Russa da parte del cacciatorpediniere della […]
Наверх Наверх