Ampliamento della base Khmeimim in Siria

  
0

1.Siria

Per espandere la base aerea Khmeimim in Siria, è stato raggiunto un accordo tra la RAS e la Federazione Russa sul trasferimento di ulteriore territorio e area acquatica. Il protocollo dell’accordo sullo spiegamento delle forze armate russe è stato pubblicato sul portale ufficiale delle informazioni legali. È stato riferito che le parti hanno concordato di individuare un centro medico e di riabilitazione per il gruppo dell’aviazione russa nella provincia di Latakia, nonché l’area acquatica nelle vicinanze. La Siria prevede di cedere un sito di otto ettari.

2. USA — Iran

Il Dipartimento di Stato americano ha annunciato che il Segretario di Stato americano Mike Pompeo visiterà la sede delle Nazioni Unite a New York il 20-21 agosto e notificherà al Consiglio di sicurezza dell’ONU che gli Stati Uniti stanno ripristinando le sanzioni delle Nazioni Unite contro l’Iran. «Entro 30 giorni dalla notifica da parte del Segretario di Stato Pompeo, verranno ripristinate una serie di sanzioni ONU, inclusa la richiesta che l’Iran sospende tutte le attività relative all’arricchimento dell’uranio. Inoltre, l’embargo sulle forniture di armi all’Iran sarà esteso per altri 13 anni», si legge nel comunicato.

3. USA

Il segretario di Stato americano Michael Pompeo ha affermato che gli Stati Uniti sono pronti a imporre sanzioni a Russia e Cina se questi paesi interferiscono con il ritorno delle misure restrittive delle Nazioni Unite contro l’Iran. Pompeo ha detto questo su Fox News in risposta alla domanda del presentatore se gli Stati Uniti sarebbero pronti a «assicurare la Russia e la Cina alla giustizia». «Se vediamo che qualcuno sta ostacolando le nostre sanzioni, le attuali sanzioni americane, qualsiasi paese sarà ritenuto responsabile di tali azioni. E faremo lo stesso in caso di espansione delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite», ha detto Pompeo.

4. Cina — USA

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha affermato che eventuali sanzioni statunitensi contro Russia e Cina in caso di «interferenza» per ripristinare le misure restrittive statunitensi contro l’Iran dovrebbero essere considerate inappropriate. «Gli Stati Uniti hanno precedentemente annunciato il loro rifiuto del Piano d’azione globale congiunto e non hanno la competenza necessaria per chiedere sanzioni», ha sottolineato. Il diplomatico ha sottolineato che questa opinione della Cina «ha ricevuto ampi riconoscimenti tra i membri della comunità internazionale». «Siamo contrari a misure unilaterali … e chiediamo che gli Stati Uniti rispettino i diritti degli altri stati», ha sottolineato Zhao Lijian.

5.Iran

Le forze armate iraniane hanno dimostrato un nuovo missile balistico terra-terra, soprannominato Haj Qasem, in onore del generale Qasem Suleimani, ucciso dalle forze armate statunitensi a gennaio. I test del razzo sono stati trasmessi giovedì dalla società di trasmissione IRIB. In mostra anche il nuovo missile da crociera Abu Mahdi, intitolato al comandante delle formazioni sciite irachene Al-Hashd al-Shaabi, Abu Mahdi al-Muhandis, morto insieme a Suleimani. Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha definito importanti le notizie sui test di nuovi missili. Ha sottolineato che l’Iran deve contenere il nemico «a terra e in mare con i missili»

6. Bielorussia

L’agenzia TASS ha riferito che l’ufficio del procuratore generale della Bielorussia ha aperto un procedimento penale ai sensi dell’articolo «Sequestro del potere» del codice penale sul fatto della creazione del Consiglio di coordinamento da parte dell’opposizione. Olga Kovalkova, una confidente dell’ex candidata alla presidenza Svetlana Tikhanovskaya, ha affermato che l’opposizione bielorussa considera l’avvio del processo sulla presa del potere come una pressione e una repressione. Il procuratore generale Alyaksandr Konyuk ha affermato che alcuni membri del Consiglio di coordinamento dell’opposizione bielorussa se ne sono andati, rendendosi conto dell’illegalità delle azioni di questo organismo. «La creazione di tali organismi non è prevista dalla legge, le loro attività sono incostituzionali. Rendendosi conto dell’illegalità delle loro azioni, alcuni cittadini hanno lasciato il Consiglio di coordinamento e non sono d’accordo con i suoi obiettivi», ha detto.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

итоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

L’Ukraine est contre le statut spécial du Donbass Александра Донцова 1. Le vice-Premier ministre ukrainien et chef adjoint de la délégation de Kiev à Minsk Oleksii Reznikov a annoncé l’élaboration d’un ensemble de projets de loi sur la période de transition pour le Donbass. Selon […] Ukraine ist gegen Sonderstatus von Donbass Александра Донцова 1. Der Vizepremier der Ukraine und stellvertretende Leiter der Kiewer Delegation in Minsk, Alexej Resnikow, kündigte die Entwicklung eines Gesetzespakets zur Übergangszeit für Donbass an. Gleichzeitig äußerte Resnikow die […] L’Ucraina è contraria allo status speciale del Donbass Александра Донцова 1. Il vice primo ministro dell’Ucraina e il vice capo della delegazione di Kiev a Minsk, Alexey Reznikov, hanno annunciato lo sviluppo di un pacchetto di progetti di legge sul periodo di transizione per il Donbass. Allo […] Ucrania está en contra del estatuto especial de Donbass Александра Донцова 1. Aleksey Reznikov, el viceprimer ministro de Ucrania, y el subjefe de la delegación de Kiev en Minsk, declaró que Kiev no prescribiría el estatuto especial de Donbass en la constitución y que los acuerdos de Minsk requerían […] Ukraine is against the special status of Donbass Александра Донцова 1 Aleksiy Reznikov, the Deputy Prime Minister of Ukraine and the Deputy Head of the Kiev delegation in Minsk, announced the development of a package of bills on a transitional period for Donbass. Reznikov expressed his […] Explosion an der syrisch-israelischen Grenze Александра Донцова Die libanesische Nachrichtenagentur NNA berichtete, dass in den Golanhöhen nahe der syrisch-israelischen Grenze eine gewaltige Explosion stattgefunden habe. „Die Bewohner einiger Siedlungen im Distrikt Marjayoun (Südlibanon) […]
Наверх Наверх