Ankara crea una zona di sicurezza nel nord della Siria

  
0

1. Turchia

Il presidente turco Erdogan ha dichiarato che Ankara prenderà in considerazione l’acquisto di caccia russi Su-35 e Su-57 se il paese non riuscirà a ottenere gli F-35 americani, riporta il quotidiano Sabah. «La Turchia non è un mercato per la vendita di aerei militari F-35, ma uno dei loro produttori. Se gli Stati Uniti non li riforniranno, la Turchia considererà sicuramente gli aerei russi Su-35 e Su-57 come alternativa», ha affermato il leader turco. A sua volta, il capo del Pentagono, Mark Esper, ha dichiarato che gli Stati Uniti non riporteranno la Turchia al programma per la creazione di un caccia F-35 di quinta generazione, anche se Ankara non inizierà a far funzionare i sistemi di difesa aerea S-400 russi. Ha aggiunto che l’unica condizione in base alla quale gli Stati Uniti possono prendere in considerazione il ritorno della Turchia al programma F-35 è la completa eliminazione dei sistemi missilistici russi.

2. USA-Ucraina

Il leader americano Donald Trump ha ordinato agli Stati Uniti di rivedere l’assistenza militare in Ucraina, secondo quanto riferito da Politico. Secondo la fonte della pubblicazione della Casa Bianca, Trump vuole assicurarsi che i 250 milioni di dollari che gli Stati Uniti abbiano assegnato all’Ucraina nell’anno fiscale 2019 come assistenza militare siano utilizzati nel migliore dei modi dal punto di vista degli interessi degli Stati Uniti. Trump vuole dare la priorità agli interessi degli Stati Uniti quando si tratta di aiuti esteri e sta cercando garanzie che altri paesi stiano «pagando la loro giusta quota», ha aggiunto la fonte. La partecipazione all’audit è stata affidata al capo del Pentagono, Mark Esper e Assistente del presidente degli Stati Uniti per la sicurezza nazionale, John Bolton. Allo stesso tempo, i fondi verranno congelati durante l’audit. In relazione a questo ordine di Trump, la pubblicazione mette in discussione la possibilità stessa di finanziare l’Ucraina nel campo della sicurezza.

3. USA-Bielorussia

L’assistente del presidente degli Stati Uniti per la sicurezza nazionale John Bolton ha annunciato l’imminente visita in Bielorussia e un incontro con il capo della repubblica, Alexander Lukashenko. “Andrò in Moldavia e Bielorussia, dove incontrerò i leader di entrambi i paesi per discutere delle questioni di sicurezza regionale. Non vedo l’ora di rafforzare i nostri legami diplomatici ed economici «, ha detto l’assistente di Trump. L’ambasciata degli Stati Uniti a Minsk ha dichiarato che «Bolton incontrerà il presidente Lukashenko e il ministro degli esteri Makei per discutere delle questioni di sicurezza regionale e sottolineare il sostegno degli Stati Uniti alla sovranità e all’indipendenza della Bielorussia».

4. Turchia-Siria

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che Ankara non consentirà agli Stati Uniti di ritardare la creazione di una zona di sicurezza nella Siria settentrionale, a est dell’Eufrate. «Un accordo con gli Stati Uniti su una zona di sicurezza e la pulizia dell’est dell’Eufrate è il passo giusto. È stato creato un centro di coordinamento e presto inizierà un controllo congiunto. Ma non permetteremo che il processo venga ritardato nella zona di sicurezza, come nel caso di Manbij. Deve muoversi rapidamente», afferma RIA Novosti la dichiarazione di Erdogan. Secondo lui, Ankara non permetterà di trasformare l’est della Siria in una regione in cui le formazioni curde saranno protette. «Ora, lungo tutto il nostro confine, tutto è pronto, tutto è già lì: personale, veicoli blindati. Siamo pronti ad agire in qualsiasi momento. Non ci sono problemi per noi», ha aggiunto Erdogan. Lunedì, Erdogan ha dichiarato che le forze armate turche entreranno presto nel territorio della zona di sicurezza in Siria.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Une explosion dans le gouvernorat d’Alep Александра Донцова 1.Syrie Une explosion de voiture mercredi tard dans la soirée dans la ville de Jarablus, dans la partie orientale du gouvernorat d’Alep, a tué au moins cinq soldats turcs, selon l’agence syrienne SANA. Le véhicule a […] Explosion in der Provinz Aleppo Александра Донцова 1. Syrien Die syrische Agentur SANA berichtete, dass bei einer Explosion am späten Mittwochabend in der Stadt Dscharābulus im Osten der Provinz Aleppo mindestens fünf türkische Soldaten getötet wurden. Ein Auto wurde […] L’esplosione nella provincia di Aleppo Александра Донцова 1. Siria L’agenzia siriana SANA riferisce che a seguito di un’esplosione di un’auto mercoledì sera tardi nella città di Jarablus nella parte orientale della provincia di Aleppo, sono state uccise almeno […] La explosión en la provincia de Alepo Александра Донцова 1.Siria La agencia siria SANA informa que como resultado de una explosión de un coche que se produjo el miércoles por la tarde en la ciudad de Jarábulus, en la parte oriental de la provincia de Alepo, al menos 5 militares […] An explosion in the province of Aleppo Александра Донцова 1 Syria The Syrian news agency SANA reports: At least 5 Turkish servicemen were killed and 12 were injured during a carbomb explosion on late Wednesday evening, in the city of Jarablus, in the eastern Aleppo. The carbomb […] «La guerre de visas» Александра Донцова 1.Syrie. La centrale hydroélectrique d’Al-Ba’ath, située dans le gouvernorat syrien de Raqqa, est en cours de restauration, a déclaré un officier du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en […] „Visakrieg“ Александра Донцова 1. Syrien In Nordsyrien, in der Provinz Raqqa, wird das strategisch wichtige Wasserkraftwerk Al- Baath restauriert. Dies wurde von einem Offizier des Zentrums für die Aussöhnung der Kriegsparteien der Russischen Föderation […] «La guerra dei visti» Александра Донцова 1. Siria Nel nord della Siria, nella provincia di Raqqa, viene ripristinata la centrale idroelettrica di importanza strategica di Al-Ba’ath. Lo ha affermato un ufficiale del Centro per la riconciliazione delle parti in […] Una “guerra de visados” Александра Донцова 1.Siria Vladimir Varnavsky, el oficial del Centro de reconciliación de las partes en conflicto de la Federación de Rusia, declaró que en el norte de Siria, en la provincia de Raqqa se estaba restableciendo una central […]
ANNA-NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх