Armi statunitensi in Siria. La nuova operazione di Turchia

  
0

1. Siria. Armi statunitensi in Siria

Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, ha affermato che le armi trasferite dalle forze statunitensi sono state usate dai militanti contro l’esercito turco in Siria. «Dall’inizio del 2020, 13 convogli militari sono arrivati ​​dall’Iraq alla Siria, che comprendeva oltre 80 unità di veicoli corazzati, oltre 300 camion con varie armi, munizioni e materiale», ha detto TASS a Zhuravlev. A causa della difficile situazione umanitaria e del costante bombardamento dei militanti, la popolazione civile lascia massicciamente le regioni nord-orientali del paese e si trasferisce nel territorio controllato dal governo siriano. Zhuravlev ha anche sottolineato che la polizia militare russa ha continuato a pattugliare la provincia di Aleppo.

2. Siria. Primo volo da Damasco ad Aleppo

L’agenzia statale siriana SANA ha riferito che un aereo passeggeri è partito mercoledì dall’aeroporto di Damasco, diretto ad Aleppo. Questo è il primo volo che l’Aeroporto di Aleppo prenderà negli ultimi otto anni. I voli riprenderanno grazie alla liberazione della città dai terroristi. In precedenza, i voli erano impossibili a causa del fatto che i terroristi che si stabilivano nelle province sparavano costantemente all’aeroporto, il che rendeva i voli non sicuri.

3. Turchia. Operazione militare turca a Idlib

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando al parlamento turco, ha affermato che la nuova operazione militare delle forze armate turche nella città siriana di Idlib è solo una questione di tempo. Ha anche detto che Ankara era pronta a usare tutto il suo potere di combattimento in caso di un’operazione a Idlib. Il presidente turco ha affermato che «Nonostante il proseguimento dei negoziati su Idlib, la Turchia e la Federazione russa sono ancora lontane dal raggiungere un accordo» e ha espresso l’opinione che i colloqui svoltisi ad Ankara e Mosca «non abbiano portato i risultati desiderati al momento».

3. Russia. Operazione militare turca a Idlib

Una possibile operazione turca in Siria, il segretario stampa del presidente russo Dmitry Peskov ha definito lo scenario peggiore a Idlib. Un portavoce del presidente russo ha sottolineato che la Federazione russa continuerà i contatti con la parte turca. «Intendiamo continuare a utilizzare i nostri contatti di lavoro con i colleghi turchi al fine di impedire che la situazione in Idlib si sviluppi lungo il percorso di un’ulteriore escalation», ha affermato Peskov.

4. Russia. Negoziati su Idlib

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha confermato che la Russia non ha ottenuto risultati su Idlib nei negoziati con la Turchia. Lavrov ha anche sottolineato che la Russia non ha presentato nuovi requisiti affinché la Turchia si stabilisca nella provincia siriana di Idlib. «Crediamo che tutto ciò su cui i nostri leader hanno concordato debba essere completato», ha detto Lavrov. Il ministro ha osservato che finora non aveva visto istruzioni specifiche sulla preparazione di un incontro tra i presidenti della Federazione russa e della Turchia per discutere di Idlib, indicando al contempo che la Russia era pronta a lavorare con la Turchia a qualsiasi livello, anche al più alto livello. Le azioni dell’esercito siriano a Idlib, Lavrov, hanno chiamato una naturale misura di ritorsione per allontanare i terroristi dal perimetro esterno della zona di de-escalation. Il ministro degli Esteri russo ha sottolineato che Mosca sostiene le azioni dell’esercito siriano, che risponde a inaccettabili provocazioni a Idlib. In precedenza, il rappresentante ufficiale del Presidente della Turchia, Ibrahim Kalyn, ha affermato che la Turchia intende continuare a «inviare i militari a Idlib per rafforzare i posti di osservazione e proteggere i civili» e non considera la possibilità di «cambiare la posizione dei posti di osservazione esistenti» delle forze armate turche. Nonostante il fatto che i negoziati tra Russia e Turchia su Idlib non abbiano ancora prodotto risultati in grado di soddisfare la Turchia, Ankara «non è interessata a peggiorare le relazioni con la Russia a causa di Idlib», ha affermato il rappresentante di Erdogan.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: