Armistizio di militanti in Siria

  
0

1. Siria.

È stato raggiunto un cessate il fuoco tra i terroristi dell’organizzazione Jebhat al-Nusra (bandita nella Federazione Russa) e i loro oppositori del gruppo estremista Khurras al-Din. È entrato in vigore sabato nella parte occidentale della provincia di Idlib. Al Hadath ha riferito che durante gli scontri continuati da mercoledì, 29 persone sono state uccise da entrambe le parti. I militanti hanno contestato il controllo della sezione strategica dell’autostrada tra la città di Dreikush e il passo montano di Dzhisr al-Sugur. Gli scontri furono feroci.

2. Siria.

Il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha invitato su Twitter «l’uscita della Russia» dal meccanismo delle Nazioni Unite volto a proteggere le istituzioni mediche in Siria «ingiustificato e inaccettabile». In precedenza, Reuters, citando informazioni dall’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, ha riferito che la Russia ha abbandonato il meccanismo delle Nazioni Unite, «volto a proteggere gli ospedali e fornire aiuti umanitari in Siria dai danni delle parti in guerra». Il rappresentante permanente della Russia presso l’Ufficio delle Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali a Ginevra, Gennady Gatilov, ha chiamato Reuters riferendo che le informazioni sono errate. Ha sottolineato che non ci sono accordi ufficiali con le Nazioni Unite, e ancor di più firmato, per quanto riguarda la protezione delle strutture umanitarie, comprese le strutture mediche, in Siria e che Mosca sta rispettando i suoi obblighi ai sensi del diritto umanitario in Siria.

3. USA.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato su Twitter che l’intelligence degli Stati Uniti ha invalidato le informazioni attribuite ai tentativi della Russia di offrire una ricompensa ai militanti afgani per l’uccisione delle truppe statunitensi. Venerdì, il New York Times ha dichiarato che un’unità dell’intelligence militare russa ha incoraggiato i militanti talebani (banditi nella Federazione Russa) ad attaccare le truppe della coalizione internazionale in Afghanistan. Il presidente degli Stati Uniti ha definito la pubblicazione The New York Times «un altro ripieno». Il ministero degli Esteri russo ha dichiarato che l’articolo contiene informazioni consapevolmente false. Venerdì, l’ambasciata russa a Washington ha dichiarato che false pubblicazioni sui media statunitensi sull’Afghanistan hanno portato a minacce contro i diplomatici russi. Lunedì, il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov ha definito la pubblicazione del New York Times una bugia e un ‘»anatra assoluta». Il movimento radicale talibano ha anche confutato le accuse secondo cui avrebbe ricevuto fondi dall’intelligence militare russa per eseguire attacchi in Afghanistan.

4. Libia.

Il vicepresidente del Consiglio supremo degli sceicchi e degli anziani delle tribù libiche al-Senusi al-Khalik ha dichiarato in un’intervista a RIA Novosti che i giacimenti petroliferi libici potrebbero iniziare a combattere se raggiungessero le forze turche. Venerdì, Ibrahim al-Fayedi, portavoce della Guardia di protezione delle strutture petrolifere, ha dichiarato che sotto la copertura dell’aviazione, le forze dell’LNA hanno iniziato a pattugliare nell’area della cosiddetta «mezzaluna di petrolio». La decisione di pattugliare fu presa secondo le istruzioni del comandante in capo dell’LNA. Lo scopo delle pattuglie è proteggere le strutture petrolifere da qualsiasi attacco previsto da gruppi armati. Si sottolinea che le pattuglie non interferiscono con il lavoro delle società che operano nei porti e nei campi.

5. Austria.

L’agenzia di stampa austriaca ha riferito che il ministero degli Esteri austriaco ha chiamato l’ambasciatore turco a parlare a causa di scontri tra giovani turchi e manifestanti curdi a Vienna. Le schermaglie sono iniziate a Vienna mercoledì e sono proseguite giovedì e venerdì. Gli scontri hanno ferito diversi poliziotti. Il cancelliere ha incaricato il Ministero degli Interni di stabilire gli istigatori delle rivolte. Il ministro degli Esteri Alexander Schallenberg ha affermato che la parte austriaca è oltraggiata dai disordini dei giorni scorsi e li considera inaccettabili e ha esortato le autorità turche a non chiamare i partecipanti alle manifestazioni curde sostenitori di organizzazioni terroristiche. Sabato scorso, Vienna ha ospitato la quarta giornata di manifestazioni curde con movimenti antifascisti che si oppongono alle politiche della leadership turca. La città aveva rinforzato le unità di polizia. La Turchia ha anche invitato l’ambasciatore austriaco ad Ankara. A suo avviso, organizzare manifestazioni in Austria da parte di sostenitori del Partito dei lavoratori del Kurdistan è propaganda del terrorismo. Ankara ha espresso preoccupazione per le dure azioni della polizia contro i giovani di origine turca.

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 16:00 23 сентября 2020 года Влад Николаев В Минске во Дворце независимости состоялась церемония инаугурации президента Белоруссии. Об этом сообщает агентство БелТА. На церемонии присутствовали несколько сотен человек, в том числе высшие должностные лица страны, […] Новости на 12:00 23 сентября 2020 года Влад Николаев Официальный представитель МИД КНР Ван Вэньбинь заявил, что Китай поддерживает предложенную президентом России Владимиром Путиным инициативу о заключении международного соглашения о запрете размещения вооружений в космосе. […] Главное на утро 23 сентября 2020 года Влад Николаев Во вторник в столице Болгарии Софии прошла массовая акция протеста под названием «Великое народное восстание — 3», в которой приняли участие несколько тысяч человек из разных городов страны. Протестующие уже […] Cessez-le-feu en Libye Александра Донцова 1.Russie-Turquie-Libye Le ministre russe des Affaires étrangères, Sergueï Lavrov, a déclaré que la Russie et la Turquie travaillaient à un accord sur un règlement libyen, qui pourrait aider à introduire un cessez-le-feu en […] Waffenstillstand in Libyen Александра Донцова 1. Russland – Türkei – Libyen Der russische Außenminister Sergej Lawrow sagte, Russland und die Türkei arbeiten an einem Abkommen zur Lösung des Konflikts in Libyen, das dazu beitragen könnte, den Waffenstillstand in Libyen […] Cessate il fuoco in Libia Александра Донцова 1. Russia-Turchia-Libia Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che Russia e Turchia stanno lavorando a un accordo su un accordo libico, che potrebbe aiutare a introdurre un cessate il fuoco in Libia in […]
Наверх Наверх