Attacchi di Turchia in Siria

  
0

1.USA

Il capo del Pentagono, Mark Esper, ha dichiarato di non aver visto un’escalation della situazione in Siria a causa di uno scontro tra l’esercito americano e la popolazione locale. Le parole di Esper sono citate da Voice of America. A seguito dello scontro nella zona del villaggio di Harbat Hamo nella provincia di Hasek, un adolescente è stato ucciso, un’altra persona è rimasta ferita. Il capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, Yuri Borenkov, ha dichiarato che il conflitto si è verificato dopo che un convoglio dell’esercito americano deviato dalla rotta è stato fermato da unità di truppe governative. «C’è stato un conflitto, a seguito del quale i militari statunitensi hanno aperto il fuoco sui civili», ha detto Borenkov. «Solo grazie agli sforzi dei militari russi arrivati ​​sulla scena dell’incidente, è stato possibile prevenire un’ulteriore escalation del conflitto con i residenti locali», ha sottolineato Borenkov. L’esercito russo ha anche fornito «un’uscita per la colonna delle forze armate statunitensi in direzione del punto base nell’area del villaggio di Khimo, provincia di Hasek».

2. Siria

Il giornale Sabah, citando i dati dello stato maggiore delle forze armate turche, riporta che le forze armate turche hanno lanciato attacchi missilistici su diverse posizioni dell’esercito siriano a ovest di Aleppo. Gli attacchi sono stati lanciati mercoledì da vari sistemi di lancio di missili. Di conseguenza, 55 truppe siriane furono neutralizzate. La natura degli obiettivi per i quali non è stato segnalato l’incendio. In precedenza, il presidente turco Tayyip Erdogan ha affermato che Ankara è determinata a spingere le truppe siriane oltre i suoi posti di osservazione nella provincia siriana di Idlib entro la fine di febbraio. Ha anche sottolineato che la Turchia si vendicherà contro le posizioni delle truppe siriane «anche al di fuori dei territori previsti dal memorandum di Sochi in caso di un attacco ai militari turchi».

3.USA

Mercoledì scorso, ad Ankara, il rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Siria James Jeffrey e il rappresentante ufficiale del presidente della Turchia Ibrahim Kalyn, hanno riferito alla CNN Turk. Durante l’incontro, Jeffrey ha annunciato l’inammissibilità degli attacchi ai posti di osservazione delle forze armate turche, che si trovano nella zona di de-escalation nella provincia di Idlib. Ibragi Kalyn, a sua volta, ha annunciato la determinazione di Ankara a proteggere i militari e i civili turchi a Idlib. Il ministero degli Esteri siriano in una dichiarazione speciale ha indicato che la presenza di truppe turche nel territorio siriano è illegale «ed è una palese violazione del diritto internazionale», e Ankara «ha la piena responsabilità delle conseguenze di questa presenza». Il testo della dichiarazione è fornito da SANA.

4. USA

James Jeffrey, rappresentante speciale del Dipartimento di Stato americano per la Siria, ha affermato che Washington sta valutando la possibilità di aiutare la Turchia a Idlib all’interno della NATO. «Di fondamentale importanza è il trasferimento di informazioni da parte dell’esercito turco e la fornitura di attrezzature militari», ha dichiarato Jeffrey in un’intervista a NTV. Allo stesso tempo, Jeffrey ha sottolineato che l’invio dell’esercito americano nella zona di conflitto non è ancora pianificato.

5. Siria

Il segretario stampa del presidente della Federazione russa Dmitry Peskov ha sottolineato che le truppe siriane a Idlib stanno combattendo i terroristi nel loro paese. Ha anche osservato che finora non vi è motivo di «parlare dell’intervento diretto degli Stati Uniti in questo conflitto». «In ogni caso, non si tratta di conflitti, si tratta di adempiere agli accordi di Sochi e agli obblighi assunti dalle parti in conformità con questo documento. E, probabilmente, si tratta principalmente della lotta al terrorismo, che guidare le forze armate della Repubblica araba siriana nel territorio del loro paese «, ha detto Peskov.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Cessez-le-feu en Libye Александра Донцова 1.Russie-Turquie-Libye Le ministre russe des Affaires étrangères, Sergueï Lavrov, a déclaré que la Russie et la Turquie travaillaient à un accord sur un règlement libyen, qui pourrait aider à introduire un cessez-le-feu en […] Waffenstillstand in Libyen Александра Донцова 1. Russland – Türkei – Libyen Der russische Außenminister Sergej Lawrow sagte, Russland und die Türkei arbeiten an einem Abkommen zur Lösung des Konflikts in Libyen, das dazu beitragen könnte, den Waffenstillstand in Libyen […] Cessate il fuoco in Libia Александра Донцова 1. Russia-Turchia-Libia Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che Russia e Turchia stanno lavorando a un accordo su un accordo libico, che potrebbe aiutare a introdurre un cessate il fuoco in Libia in […] El régimen del cese del fuego en Libia Александра Донцова 1.Rusia, Turquía y Libia El canal de televisión Al Arabiya informa que Sergei Lavrov, el Ministro de Asuntos Exteriores ruso, declaró que Rusia y Turquía estaban elaborando un acuerdo sobre la solución de la situación en […] A ceasefire in Libya Александра Донцова 1 Russia — Turkey — Libya The Russian Foreign Minister Sergei Lavrov stated that Russia and Turkey are working together on an agreement on the Libyan settlement, which could help to legalize the ceasefire in […] Главное на вечер 22 сентября 2020 года Влад Николаев Глава МИД России Сергей Лавров сообщил, что Россия и Турция работают над соглашением по ливийскому урегулированию, которое может помочь ввести в правовое поле режим прекращения огня в Ливии. «Консультации, которые прошли […]
Наверх Наверх