Attacco aereo di USA sulla Siria

  
0

1.Siria

L’agenzia statale siriana SANA ha riferito che l’esercito americano ha lanciato un attacco aereo contro il checkpoint dell’esercito siriano nell’area di Tell Zahab a sud-est della città di Kamyshli, che si trova nella provincia di Hasek. Secondo l’agenzia, il colpo è stato sferrato dopo che l’esercito siriano non ha permesso alla pattuglia americana di attraversare il checkpoint. È stato riferito che a seguito dell’attacco aereo, un soldato siriano è stato ucciso e due sono rimasti feriti. Il quotidiano al-Watan rileva che uno dei feriti è un ufficiale. Successivamente, il Ministero della Difesa della repubblica ha aggiunto che l’attacco è stato effettuato da due elicotteri americani. Il Pentagono ha negato informazioni su un attacco aereo a un posto di blocco in Siria.

2. USA — Siria

Il Wall Street Journal ha riportato sul suo sito web che gli Stati Uniti intendono imporre sanzioni contro una serie di società che interagiscono con le autorità siriane, le sanzioni potrebbero colpire aziende nei paesi europei, nonché individui in Libano ed Emirati Arabi Uniti. La pubblicazione, citando fonti, ha riferito che gli Stati Uniti stanno indagando su «società internazionali associate al regime». Washington prevede di tagliare i legami finanziari tra le autorità siriane e altri stati. Di quali aziende stiamo parlando non viene riportato. In precedenza, il New York Times ha riferito che Washington intende inasprire le sanzioni contro la Siria al fine di ottenere un cambio di potere nel paese, nonostante il fatto che molti esperti dubitino dell’efficacia di questo approccio.

3. Bielorussia

Domenica in Bielorussia si è tenuta una manifestazione a sostegno dell’attuale presidente del paese Alexander Lukashenko. È stato riferito che diverse migliaia di persone hanno preso parte all’azione. Domenica si sono svolte anche proteste di opposizione. L’agenzia di stampa TASS ha riferito che le proteste dell’opposizione si sono svolte, anche vicino al centro di detenzione preventiva della città, dove si tengono partecipanti a manifestazioni di massa precedentemente detenuti. La compagna della candidata alla presidenza della Bielorussia di Svetlana Tikhanovskaya Maria Kolesnikova ha detto che 4mila persone rimangono detenute nella repubblica a seguito delle proteste. Il Ministero degli affari interni della Bielorussia non ha confermato queste informazioni. L’addetto stampa del ministero dell’Interno Olga Chemodanova ha definito «false» queste accuse, sottolineando che gli elenchi dei detenuti erano affissi agli ingressi del centro di custodia cautelare e del centro di detenzione temporanea. Lunedì, in un videomessaggio pubblicato su YouTube, l’ex candidata alla presidenza Svetlana Tikhanovskaya si è detta pronta a diventare un leader nazionale. «Sono pronta ad assumermi la responsabilità e ad agire come leader nazionale in modo che il paese si calma e ritorni a un ritmo normale», ha detto.

4. Bielorussia

In conformità con il decreto del capo della Bielorussia Alexander Lukashenko il 15 agosto, il governo della repubblica si è dimesso dal neoeletto presidente. Il documento è ufficialmente pubblicato sul portale Internet legale nazionale. Il documento sottolinea che il Primo Ministro, i suoi viceministri e presidenti dei comitati statali «sono stati incaricati di esercitare i loro poteri fino a quando il presidente non forma un nuovo Consiglio dei ministri, emanando atti legali sulla nomina a queste posizioni da parte del presidente».

In precedenza, in una riunione tenutasi a Minsk il 15 agosto, il presidente Alexander Lukashenko aveva notato che il governo è stato sostanzialmente formato. Ha anche detto di aver avuto una conversazione con il primo ministro Roman Golovchenko e ha detto che il governo continuerà a fare il suo lavoro fino a quando non ne verrà formato uno nuovo.

5. Iran

Il rappresentante permanente dell’Indonesia presso le Nazioni Unite Dian Trianshah Jani, che presiede il Consiglio di sicurezza ad agosto, ha affermato che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non ha adottato una risoluzione degli Stati Uniti per estendere l’embargo sulle armi contro l’Iran. È stato riferito che gli Stati Uniti e la Repubblica Dominicana hanno votato a favore della risoluzione, Russia e Cina hanno votato contro e altri 11 paesi si sono astenuti. Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Abbas Mousavi ha detto che «gli Stati Uniti dovrebbero imparare una lezione dai loro fallimenti». «Altrimenti, saranno isolati anche più di quanto non siano adesso», ha detto Mousavi. Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha definito «un grande successo» il risultato del voto del Consiglio di sicurezza dell’ONU sulla risoluzione USA. Il segretario di Stato americano Michael Pompeo ha detto che Washington continuerà a lavorare per scoraggiare la vendita di armi all’Iran.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: