Attacco sull’Arabia Saudita

  
0

Il colonnello Turki al-Maliki, portavoce della coalizione araba guidata da Riyadh, ha detto che i sistemi di difesa aerea dell’Arabia Saudita hanno intercettato e distrutto missili balistici lanciati dai sostenitori del movimento ribelle Ansar Allah Yemeni dal territorio della capitale dello Yemen, la città di Sanaa, in direzione dell’Arabia Saudita. La dichiarazione di Al-Maliki guida l’agenzia di stampa saudita SAP. È stato riferito che l’obiettivo era oggetti civili e civili, che è una grave violazione del diritto internazionale.

Il giornale Al-Watan riporta che l’artiglieria dell’esercito siriano ha sparato contro posizioni di bande sulla linea del fronte Neyrab-Sarakib nella provincia di Idlib. Secondo il giornale, i precedenti terroristi del gruppo Jebhat al-Nusra (illecito nella Federazione Russa) e i loro alleati hanno sparato contro le forze governative nell’area di Kaminas. Durante gli attacchi di rappresaglia, il nemico subì perdite di manodopera e equipaggiamento.

Il Centro per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria ha riferito che le forze aviotrasportate russe Su-24, su richiesta del comando siriano, hanno attaccato i terroristi nella zona di de-escalation di Idlib per impedire ai terroristi di spostarsi più in profondità nel territorio siriano. «Ciò ha permesso alle truppe siriane di respingere con successo tutti gli attacchi», ha sottolineato il Centro. Ieri, i terroristi hanno lanciato numerosi attacchi di massa usando un gran numero di veicoli corazzati contro unità dell’esercito siriano in direzione di Kminas — Nairab. Grazie al supporto del fuoco dell’artiglieria turca, i terroristi sono riusciti a sfondare le difese dell’esercito siriano.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando al parlamento turco, ha affermato che la nuova operazione militare delle forze armate turche nella città siriana di Idlib è solo una questione di tempo. Ha anche detto che Ankara era pronta a usare tutto il suo potere di combattimento in caso di un’operazione a Idlib. Il presidente turco ha affermato che «Nonostante il proseguimento dei negoziati su Idlib, la Turchia e la Federazione russa sono ancora lontane dal raggiungere un accordo» e ha espresso l’opinione che i colloqui svoltisi ad Ankara e Mosca «non abbiano portato i risultati desiderati al momento».

La NATO non intende fornire supporto militare ad Ankara in caso di un’operazione turca nella Siria settentrionale. «I paesi della NATO non sosterranno l’attivazione dell’articolo 5 a causa della morte dell’esercito turco a Idlib all’inizio di febbraio. La NATO non considera la possibilità di fornire assistenza militare alla Turchia in caso di un’operazione in questa regione», ha dichiarato TASS citando una fonte diplomatica in una missione di uno dei paesi dell’alleanza a Bruxelles .

La polizia popolare della Repubblica popolare di Luhansk ha riferito che martedì le forze armate ucraine hanno tentato di sfondare la linea di contatto nel Donbass. Un gruppo di 10 persone avanzò nella direzione della RPL nell’area del villaggio di Golubovskoye. «All’avvicinarsi alle nostre posizioni, il gruppo è stato fatto saltare in aria in un campo minato, provocando la morte di almeno due militanti e tre feriti», afferma il rapporto. È stato anche segnalato un massiccio bombardamento da parte delle forze armate ucraine. Il bombardamento è cessato solo dopo l’arrivo degli osservatori della Missione speciale di monitoraggio dell’OSCE. Il presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky ha affermato che le «posizioni» delle forze armate ucraine sono state «attaccate». Ha definito l’incidente «un tentativo di interrompere il processo di pace nel Donbass, che ha iniziato ad andare avanti, anche se a piccoli ma irresistibili passi».

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Proteste in Syrien gegen türkische Präsenz Александра Донцова 1. Syrien Syrische Medien berichteten, dass in mehreren Provinzen Syriens Proteste gegen die türkische Militärpräsenz im Land stattgefunden hätten. Einwohner der Provinz Idlib versammelten sich an den Beobachtungsposten der […] Proteste in Siria contro la presenza turca Александра Донцова 1. Siria I media siriani hanno riferito che le proteste contro la presenza militare turca nel paese si sono svolte in diverse province della Siria. I residenti della provincia di Idlib si sono riuniti presso i posti di […] Las protestas en Siria contra la presencia turca Александра Донцова 1.Siria Los medios sirios informaron que en varias provincias de Siria, incluso, Idlib, Hama y Alepo se habían realizado las protestas contra la presencia militar turca en el país. Varias decenas de personas participaron en […] Protests in Syria against the Turkish presence Александра Донцова 1 Syria The Syrian mass media reported about protests in several Syrian provinces against the Turkish military presence in Syria. The residents of the Idlib province gathered at the observation posts of the Turkish army with […] Главное на вечер 18 сентября 2020 года Влад Николаев Сирийские СМИ сообщили, что в нескольких провинциях Сирии прошли акции протеста против турецкого военного присутствия в стране. Жители провинции Идлиб собрались у наблюдательных пунктов турецкой армии с плакатами «Идлиб […] Новости на 16:00 18 сентября 2020 года Влад Николаев Президент Турции Реджеп Тайип Эрдоган заявил, что власти Турции огорчены планами главы Правительства национального согласия Ливии Фаиза Сарраджа уйти в отставку. Эрдоган также сообщил, что «на этой неделе могут пройти […]
Наверх Наверх