Attivazione di militanti in Siria

  
0

1. Nagorno-Karabakh

Il servizio stampa del ministero russo per le emergenze ha riferito che i fuochi d’artificio del ministero russo per le emergenze smineranno il territorio della regione di Agdam del Nagorno-Karabakh. «Il 4 gennaio, un aereo Il-76 del ministero russo delle Emergenze con soccorritori a bordo è volato nella Repubblica dell’Azerbaigian per svolgere compiti di sminamento nei territori del Nagorno-Karabakh. Nell’ambito di una missione umanitaria, i pirotecnici lavoreranno nella regione di Aghdam», dice il messaggio. Il gruppo comprendeva 20 articoli pirotecnici del Centro Leader del Ministero delle situazioni di emergenza della Federazione Russa e del Centro di soccorso di Noginsk, oltre a tre complessi con robot.

2. Azerbaigian

L’agenzia AzerTAj ha riferito che il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha ordinato di istituire un fondo per la rinascita del Karabakh nella repubblica. «Il fondo fornirà sostegno finanziario per misure volte a ripristinare i territori liberati, fornirà partenariati pubblico-privato in questa direzione», dice l’ordine. Le risorse del fondo saranno costituite da donazioni volontarie, sovvenzioni e altre fonti. La struttura sarà governata da un consiglio di amministrazione di tre membri e da un consiglio di sorveglianza. Il consiglio include il ministro dell’Economia Mikail Jabbarov, il ministro dell’ecologia e delle risorse naturali Mukhtar Babayev, numerosi membri del parlamento e personaggi pubblici.

3. Siria

Il vice ministro degli Esteri russo Sergei Vershinin ha annunciato l’attivazione di militanti da parte del gruppo terroristico dello Stato islamico (vietato nella Federazione russa). Continuano gli scontri anche tra le «Forze della Siria democratica» curde e le formazioni filo-turche. Lo ha affermato Vershinin in un’intervista a RIA Novosti. «La situazione» sul campo «in Siria si è stabilizzata, ma rimane esplosiva e complessa. Le tensioni permangono nei territori non controllati da Damasco — a Idlib, Trans-Eufrate e At-Tanf. I problemi umanitari e socio-economici sono acuti», ha detto. Vershinin ha anche sottolineato che «nella Trans-Eufrate, c’è un’escalation di tensione in relazione all’intensificazione dell’ISIS, così come gli scontri in corso tra le «Forze della Siria Democratica» curde e le alleanze tribali, SDF e formazioni filo-turche lungo il perimetro della zona dell’operazione «Fonte di pace» nell`insediamento di Ain-Issa. «

4. Siria

Il vice ministro degli Esteri russo Sergei Vershinin ha affermato che gli appelli di alcuni paesi a non riconoscere le elezioni presidenziali in Siria, che si terranno nel 2021 in conformità con l’attuale costituzione, minano il funzionamento sostenibile delle istituzioni statali nel paese. Lo ha detto Vershinin in un’intervista a RIA Novosti. «Su alcune piattaforme internazionali, ci sono già dichiarazioni sull’adozione urgente di una nuova costituzione e sul mancato riconoscimento delle prossime elezioni presidenziali in Siria. Ai siriani viene effettivamente negato il diritto di eleggere la propria leadership e allo stesso tempo minano il funzionamento stabile delle istituzioni statali», ha detto. Vershinin ha sottolineato che un accordo a lungo termine in Siria è possibile solo attraverso mezzi politici, che saranno portati avanti «dagli stessi siriani, senza interferenze esterne e l’imposizione di tempi artificiali».

5. Israele — Iran

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto sulla sua pagina Twitter che Israele non permetterà all’Iran di sviluppare armi nucleari. «La decisione dell’Iran di continuare a violare i suoi obblighi, aumentare il livello di arricchimento e sviluppare la capacità industriale per l’arricchimento sotterraneo dell’uranio non può essere spiegata da nient’altro che dall’ulteriore attuazione della sua intenzione di sviluppare un programma nucleare militare. Israele non permetterà all’Iran di produrre armi nucleari», ha scritto Netanyahu. In precedenza, il portavoce del governo iraniano Ali Rabia ha affermato che l’Iran aveva avviato un processo di arricchimento dell’uranio del 20% in un impianto nucleare a Fordo.

6. Bielorussia

Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha affermato che il 2021 non sarà un anno facile per la repubblica. In queste condizioni, è necessario preservare la sovranità della Bielorussia. Lukashenko ha detto questo lunedì quando ha ricevuto il procuratore generale Andrei Shved. Le parole del presidente della Bielorussia sono citate dall’agenzia BelTA. Il Presidente ha inoltre osservato che nel tempo la situazione nella lotta alla criminalità verrà analizzata insieme all’intero blocco delle forze dell’ordine. A sua volta, Andrei Shved ha affermato che la situazione della criminalità nel paese è sotto controllo, nonostante i tentativi di destabilizzare la situazione nella repubblica.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновости
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Détérioration de la situation dans le Donbass Александра Донцова Rouslan Yakubov, porte-parole la République populaire autoproclamée de Donetsk au Centre commun de contrôle et de coordination du régime de cessez-le-feu, a fait part de l’aggravation de la situation sur la ligne de contact […] Verschärfung der Situation in Donbass Александра Донцова Ruslan Jakubow, Leiter der Repräsentanz der Volksrepublik Donezk im Gemeinsamen Zentrum für Kontrolle und Koordinierung des Waffenstillstands, sagte über die Verschärfung der Situation auf der Kontaktlinie in Donbass. „Nach […] Aggravamento della situazione nel Donbass Александра Донцова Ruslan Yakubov, capo dell’ufficio di rappresentanza della Repubblica popolare di Donetsk presso il Centro comune per il controllo e il coordinamento del regime di cessate il fuoco, ha detto dell’aggravamento della situazione […] El agravamiento de la situación en Donbass Александра Донцова Ruslan Yakubov, el jefe de la oficina de la representación de la República Popular de Donetsk en el Centro Conjunto de Supervisión y Coordinación del régimen del cese del fuego, anunció el agravamiento de la situación en la […] An escalation of the situation in Donbass Александра Донцова Ruslan Yakubov, the head of the DPR office in the Joint Center for the Control and Coordination of the Ceasefire, announced the escalation on the contact line in Donbass. «After the shelling of the residential areas of […] Итоги недели 23 января 2021 года Влад Николаев Руководитель представительства Донецкой Народной Республики в Совместном центре по контролю и координации режима прекращения огня Руслан Якубов заявил об обострении ситуации на линии соприкосновения в Донбассе. «После […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: