Bielorussia. Le proteste continuano

  
0

1. Bielorussia

Continuano le proteste in Bielorussia. Il centro di Minsk martedì sera è stato bloccato dalla polizia antisommossa, dalle truppe interne e da altre strutture di potere. Nella tarda notte di martedì, le proteste contro i risultati delle elezioni presidenziali in Bielorussia si sono spostate dal centro di Minsk alle zone notte della città, dove sono arrivati ​​gli autobus con la polizia antisommossa. In alcune aree, i funzionari della sicurezza hanno usato colpi di frangia per disperdere i manifestanti. È stato riferito che le azioni delle forze di sicurezza di martedì sono molto più decise e dure. L’agenzia TASS ha riferito che molti di coloro che si sono semplicemente trovati per strada cadono sotto la forza. Le forze di sicurezza perquisiscono i cortili e gli ingressi delle case, fermano le auto di passaggio e trattengono quei passeggeri che notano un braccialetto bianco al polso, che in questi giorni è diventato un simbolo di protesta. Si segnala inoltre l’uso della forza contro esponenti della stampa, nonostante la presenza dell’accreditamento, la distruzione di attrezzature fotografiche e video. È stato riferito di otto fatti di colpire deliberatamente agenti delle forze dell’ordine della Bielorussia in diverse città del paese durante le azioni di protesta degli ultimi due giorni. L’agenzia BelTA sottolinea che le forze dell’ordine definiscono questi eventi un’azione ben pianificata. L’agenzia ha anche riferito sulla detenzione di mercoledì a Minsk dei coordinatori delle rivolte in Bielorussia. Secondo l’agenzia, uno dei detenuti ha affittato una stanza nell’hotel bielorusso. Ha diretto le azioni di tre subordinati. In precedenza, il ministero degli Esteri bielorusso ha affermato che la repubblica è pronta per un dialogo costruttivo con i partner stranieri e può fornire fatti convincenti sull’ingerenza straniera nell’attuale situazione nel paese. «Siamo pronti a presentare fatti concreti e inconfutabili che rivelano i retroscena degli eventi in corso, comprese le interferenze dall’estero», si legge nel comunicato.

2. Bielorussia

Il ministero della Salute della Bielorussia ha riferito che dopo i disordini della notte scorsa, 51 cittadini sono stati ricoverati nel «servizio di ambulanza e negli ospedali della Repubblica di Bielorussia con varie ferite». Tutte le vittime hanno ricevuto tutta l’assistenza medica necessaria. «Le lesioni principali sono contusioni dei tessuti molli, lesioni delle estremità, torace cellule, addome, ecc. «- ha detto nel messaggio. Diversi pazienti hanno richiesto un intervento chirurgico e le loro condizioni sono stabilizzate. Non ci sono vittime. L’agenzia di stampa TASS ha riferito che diverse centinaia di ragazze vestite di bianco con dei fiori in mano hanno tenuto una manifestazione di solidarietà con le vittime delle proteste dei giorni precedenti.

3. Bielorussia

Il servizio stampa del Ministero degli affari interni della Bielorussia ha annunciato l’avvio di 17 procedimenti penali sui fatti di attacchi contro le forze dell’ordine. Più di 1.000 persone sono state detenute al giorno. 55 giornalisti sono stati arrestati in Bielorussia per più di una settimana, 41 di loro sono stati arrestati negli ultimi due giorni di proteste. Il servizio stampa del dipartimento ha anche affermato che i dipendenti del Ministero degli affari interni della Bielorussia a Brest sono stati costretti ad aprire il fuoco per uccidere i cittadini che li hanno attaccati, armati di tondo. «I colpi di avvertimento verso l’alto non li hanno fermati. Per proteggere la vita e la salute dei dipendenti, l’arma è stata usata per uccidere. Uno degli aggressori è stato ferito», si legge nel messaggio. L’agenzia BelTA, con riferimento al capo del dipartimento municipale per l’economia e l’energia del comitato esecutivo della città di Minsk, Vladimir Lebed, ha riferito che le autorità cittadine di Minsk stimano i danni causati dai disordini nella capitale in oltre 500mila rubli bielorussi (circa 14 milioni di rubli russi).

4. Libano

La TV Al Arabiya ha riferito che le proteste antigovernative sono riprese martedì a Beirut. Secondo quanto riferito, i manifestanti si sono riuniti per la prima volta all’ingresso del porto di Beirut devastato dalle esplosioni. I manifestanti hanno gridato slogan anti-governativi chiedendo le dimissioni del presidente libanese Michel Aoun e lo scioglimento del parlamento. Quindi, i manifestanti hanno iniziato a prendere d’assalto le barriere di cemento e metallo che hanno bloccato il passaggio dalla Moschea Omari al Palazzo del Parlamento in Place Etoile. I manifestanti hanno lanciato pietre e petardi in direzione della polizia, in risposta si sono uditi spari, le forze speciali hanno usato proiettili di gomma. La polizia non ha usato gas lacrimogeni perché c’erano molte donne e bambini nelle file dei manifestanti.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновости
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La situación humanitaria en Siria Александра Донцова 1.Siria. Sergei Lavrov, el Ministro de Asuntos Exteriores ruso, declaró que Rusia estaba dispuesta a examinar la situación humanitaria en Siria con los países occidentales en caso de que ellos reconocieran los problemas […] Гуманитарная ситуация в Сирии || Итоги дня 21.06.2021 Влад Николаев Министр иностранных дел РФ Сергей Лавров заявил, что Россия готова обсуждать с западными странами гуманитарную ситуацию в Сирии, если они признают реально существующие там проблемы и ответственность, которую они за них несут. […] Turkey will ensure the security of the Kabul airport after the withdrawal of US troops Александра Донцова This is a special program from the ANNA NEWS. I am Constantine Reztsov. Recently it became known who will be responsible for the ensuring of the security of the Kabul airport after the pulling of the US troops from […] Израиль атаковал военные объекты ХАМАС || Итоги недели 19.06.21 Влад Николаев В российском Центре по примирению враждующих сторон в Сирии сообщили, что боевики запрещенной в РФ террористической группировки «Хайят Тахрир Аш-Шам» планируют инсценировать химическую атаку в Идлибе и обвинить […] Israel atacó las instalaciones militares de HAMAS Александра Донцова El Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir Al-Sham”, (la agrupación terrorista que está prohibida en la Federación de Rusia), tenían intenciones de […] Israel attacked Hamas military targets Александра Донцова The Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria reported that the terrorists of the ’Hayat Tahrir Al-Sham’ group are planning to fake a chemical attack in Idlib, and accuse the Syrian government […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: