Bielorussia. Rilascio dei detenuti

  
0

1. Bielorussia

Mercoledì sera sono riprese le proteste in periferia di Minsk. Si noti che il numero di persone era significativamente inferiore rispetto ai tre giorni precedenti. In alcuni quartieri della città, le forze di sicurezza hanno utilizzato mezzi speciali contro i manifestanti, si sono udite esplosioni di granate e suoni tipici dei colpi con proiettili di gomma. Le forze di sicurezza hanno effettuato detenzioni, compresa la ricerca di persone nei cortili e negli ingressi. Secondo testimoni oculari, molti residenti hanno riparato i vicini nei loro appartamenti. Ci sono notizie di due raid contro agenti delle forze dell’ordine a Minsk e Baranovichi. Il servizio stampa del Ministero degli affari interni della Bielorussia ha riferito della detenzione a Minsk da parte degli agenti di polizia antisommossa di due residenti della capitale, che stavano riempiendo bottiglie di molotov. Si noti che i detenuti hanno deciso di preparare «cocktail molotov» per «utilizzarli in eventi di massa contro le forze dell’ordine».

2. Bielorussia

I detenuti durante le proteste in Bielorussia hanno iniziato a essere rilasciati dalle strutture di detenzione temporanea. Lo dimostrano le liste pubblicate dal centro per i diritti umani «Viasna» nel canale Telegram. È stato riferito che a Minsk è stata creata una sede di volontari per aiutare gli avvocati a fornire assistenza legale a tutti i cittadini bisognosi. L’agenzia di stampa TASS ha citato i manifestanti rilasciati a Minsk che le celle erano sovraffollate, i detenuti sono stati trattati duramente e i programmi non sono stati accettati. In precedenza, il Ministero degli affari interni della Bielorussia ha riferito che nelle ultime 24 ore circa 700 persone sono state arrestate durante azioni non autorizzate. Inoltre, dal 9 al 13 agosto, 103 agenti delle forze dell’ordine sono rimasti feriti, 28 di loro sono stati ricoverati in ospedale.

3. USA — Siria

Il capo del comando centrale degli Stati Uniti, il generale Kenneth McKenzie, ha affermato che l’esercito americano non intende rimanere in Siria per sempre, ma è necessaria una decisione politica per porre fine alla loro permanenza in Siria. «Sarà una decisione politica, non militare», ha detto. Mackenzie ha sottolineato che mentre le forze armate statunitensi sono in Siria, «lavoreranno duramente per porre fine all’ISIS (il gruppo terroristico dello Stato islamico è vietato in Russia). In precedenza, il rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Siria, James Jeffrey, ha detto che Washington non sta prendendo in considerazione In questa fase, l’opzione di ritirare le sue truppe dalla Siria ”. Ha sottolineato che le forze armate americane rimangono nel nord-est della Siria, nella zona di Al-Tanf al confine con la Giordania.

4. Siria

Il presidente siriano Bashar al-Assad, parlando ai deputati del nuovo Consiglio popolare (Parlamento) della Siria, ha affermato che gli Stati Uniti hanno bisogno di estremisti per operare in Medio Oriente, compreso il gruppo terroristico dello Stato islamico (bandito in Russia). «Gli Stati Uniti hanno bisogno di terroristi nella regione [del Medio Oriente], in particolare nello Stato Islamico», ha affermato Assad citando SANA. Secondo Assad, Washington intende sostenere i terroristi con l’aiuto della «Legge di Cesare» anti-siriana. Il presidente siriano ritiene che le sanzioni statunitensi , introdotti contro Damasco sotto la «Legge di Cesare», «sono una nuova tappa nell’escalation dell’aggressione contro la Siria». «La risposta pratica alla campagna di boicottaggio dovrebbe essere l’aumento della produzione industriale e agricola, gli investimenti nelle piccole imprese e la continuazione della lotta alla corruzione», ha detto Assad.

5. Iraq

Shafaq News, citando fonti delle forze di sicurezza irachene, ha riferito che un convoglio civile che trasportava rifornimenti per le forze della coalizione internazionale era stato fatto saltare in aria a sud di Baghdad. Secondo quanto riferito, un ordigno esplosivo improvvisato (IED) è stato fatto esplodere su un’autostrada nell’area di Batha, nella provincia di Dhi Qar. L’obiettivo dell’attacco era un convoglio di rifornimenti, che consisteva in diversi camion di proprietà privata contratti dalle forze della coalizione. Nessuno è rimasto ferito a causa dell’attacco. Quando la bomba è stata fatta esplodere, un mezzo di trasporto che trasportava attrezzature militari delle truppe statunitensi è stato danneggiato.

Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Proteste in Syrien gegen türkische Präsenz Александра Донцова 1. Syrien Syrische Medien berichteten, dass in mehreren Provinzen Syriens Proteste gegen die türkische Militärpräsenz im Land stattgefunden hätten. Einwohner der Provinz Idlib versammelten sich an den Beobachtungsposten der […] Proteste in Siria contro la presenza turca Александра Донцова 1. Siria I media siriani hanno riferito che le proteste contro la presenza militare turca nel paese si sono svolte in diverse province della Siria. I residenti della provincia di Idlib si sono riuniti presso i posti di […] Las protestas en Siria contra la presencia turca Александра Донцова 1.Siria Los medios sirios informaron que en varias provincias de Siria, incluso, Idlib, Hama y Alepo se habían realizado las protestas contra la presencia militar turca en el país. Varias decenas de personas participaron en […] Protests in Syria against the Turkish presence Александра Донцова 1 Syria The Syrian mass media reported about protests in several Syrian provinces against the Turkish military presence in Syria. The residents of the Idlib province gathered at the observation posts of the Turkish army with […] Libye. Fayez el-Sarraj démissionne Александра Донцова 1 Libye Le chef du gouvernement d’accord national libyen Fayez el-Sarraj a annoncé sa décision de démissionner. Il a l’intention de transférer ses pouvoirs aux nouveaux organes exécutifs unifiés, qui n’ont […] Libyen. Fayiz as-Sarradsch tritt ab Александра Донцова 1. Libyen Der Chef der Regierung der Nationalen Übereinkunft von Libyen, Fayiz as-Sarradsch, gab die Entscheidung zum Rücktritt bekannt. Sarraj beabsichtigt, seine Befugnisse auf die neue einheitliche Exekutive zu übertragen, […]
Наверх Наверх