Concentrazione di eserciti in Ladakh

  
0

1.

India-Cina

Il quotidiano Indian Express, citando fonti militari indiane, ha riferito che l’India e la Cina continuano a concentrare le truppe nella parte orientale del Ladakh, nonostante gli accordi raggiunti a giugno sul ritiro dei contingenti militari dalla linea di controllo effettivo. La pubblicazione riporta che l’India ha dispiegato due reggimenti di carri armati T-90, veicoli da combattimento di fanteria e obici da 155 mm lungo la linea di controllo effettivo nella zona del Ladakh. «Queste azioni sono state intraprese in risposta alla concentrazione di truppe cinesi e attrezzature militari nella valle di Galvan, «mettere gli aerei da caccia in allerta presso le basi aeree avanzate dell’Aeronautica Militare della Liberazione Popolare Cinese e costruire eliporti cinesi sulla linea del controllo effettivo in Ladakh». L’Hindustan Times ha riferito che a Chushul sono iniziati i negoziati sul lato indiano dell’attuale linea di controllo a livello di comandanti del corpo delle forze di terra indiane e cinesi. Questa è la terza riunione intrapresa per l’attuazione pratica degli accordi sulla riduzione della tensione e sul ritiro dei contingenti militari dalla linea di controllo effettivo nel territorio dell’Unione del Ladakh.

2.

Russia-Gli Stati Uniti

In una dichiarazione rilasciata dal ministero degli Esteri russo, gli Stati Uniti, avendo preso una posizione distruttiva rispetto al trattato sul divieto di prova globale, stanno preparando la strada per una possibile ripresa dei test nucleari. L’ufficio diplomatico ha sottolineato che il documento non è ancora entrato in vigore, poiché otto paesi non hanno firmato o ratificato il trattato. «È necessario fare tutto il possibile per superare le tendenze negative. La Russia invita gli otto stati e, soprattutto, gli Stati Uniti a riconsiderare la propria posizione e dare il via libera alla trasformazione di questo importante trattato dal punto di vista della sicurezza globale in uno strumento giuridico internazionale pienamente funzionante», sottolinea la dichiarazione del Ministero degli Esteri della Federazione Russa.

3.

Gli Stati Uniti

Un portavoce del Pentagono Jonathan Hoffman ha dichiarato in una dichiarazione che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti non ha prove per riconoscere accuse credibili di tentativi di offrire ricompense monetarie ai militanti radicali talebani (banditi nella Federazione Russa) per l’uccisione delle truppe statunitensi. Questa informazione è stata pubblicata il 26 giugno dal New York Times. Tuttavia, secondo Hoffman, il Pentagono su base continuativa «prende misure per prevenire i danni da potenziali minacce». Il quotidiano Hill, citando la senatrice repubblicana Liza Murkowski, ha affermato che i senatori avrebbero accesso ai documenti dell’intelligence in merito alle accuse secondo cui la Russia avrebbe offerto ricompense monetarie ai militanti talebani per l’uccisione delle truppe statunitensi. In precedenza, un portavoce del presidente russo Dmitry Peskov lunedì ha definito la pubblicazione e la pubblicazione del New York Times una bugia e una «papera assoluta». Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel suo Twitter ha dichiarato che l’intelligence degli Stati Uniti ha invalidato le informazioni pubblicate sul giornale.

4.

Germania

Le accuse secondo cui Parigi sostiene il comandante dell’esercito nazionale libico (LNA), il maresciallo di campo Khalif Haftar non sono vere. Lo ha annunciato il presidente francese Emmanuel Macron dopo i negoziati con il cancelliere tedesco Angela Merkel nelle vicinanze di Berlino. Secondo lui, Parigi «sta facendo di tutto per giungere a una soluzione politica duratura in Libia e aderisce costantemente a questo ruolo». Macron ha sottolineato che «l’operazione militare lanciata da Haftar nell’aprile 2019 ha completamente contraddetto la posizione di Parigi». Il presidente francese ha sottolineato: «che la Turchia non rispetta nessuno degli accordi raggiunti alla conferenza di Berlino». «Ankara sta rafforzando la sua presenza militare e schierando militanti dalla Siria alla Libia», ha detto Macron. Ha sottolineato che «in tal modo la Turchia, che riconosce la sua presenza militare in Libia, viola i doveri di un membro della NATO».

5.

Pakistan-India

Il primo ministro pakistano Imran Khan, sulla sua pagina Twitter, ha accusato l’India di violare la Convenzione di Ginevra per la protezione delle persone civili in tempo di guerra, cambiando la struttura demografica della Nuova Delhi controllata dal Kashmir. Il Primo Ministro del Pakistan ha dichiarato di essersi rivolto al Segretario Generale delle Nazioni Unite. Imran Khan ha anche incolpato i servizi segreti indiani per l’attacco all’edificio di scambio a Karachi, secondo il giornale Doon. PTI ha riferito che martedì le truppe pakistane hanno violato il cessate il fuoco in Kashmir e hanno bombardato posizioni indiane nell’area di Naugan sulla linea di controllo.

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на вечер 23 сентября 2020 года Влад Николаев В Минске во Дворце независимости состоялась церемония инаугурации президента Белоруссии. Об этом сообщает агентство БелТА. На церемонии присутствовали несколько сотен человек, в том числе высшие должностные лица страны, […] Новости на 16:00 23 сентября 2020 года Влад Николаев В Минске во Дворце независимости состоялась церемония инаугурации президента Белоруссии. Об этом сообщает агентство БелТА. На церемонии присутствовали несколько сотен человек, в том числе высшие должностные лица страны, […] Новости на 12:00 23 сентября 2020 года Влад Николаев Официальный представитель МИД КНР Ван Вэньбинь заявил, что Китай поддерживает предложенную президентом России Владимиром Путиным инициативу о заключении международного соглашения о запрете размещения вооружений в космосе. […] Главное на утро 23 сентября 2020 года Влад Николаев Во вторник в столице Болгарии Софии прошла массовая акция протеста под названием «Великое народное восстание — 3», в которой приняли участие несколько тысяч человек из разных городов страны. Протестующие уже […] Cessez-le-feu en Libye Александра Донцова 1.Russie-Turquie-Libye Le ministre russe des Affaires étrangères, Sergueï Lavrov, a déclaré que la Russie et la Turquie travaillaient à un accord sur un règlement libyen, qui pourrait aider à introduire un cessez-le-feu en […] Waffenstillstand in Libyen Александра Донцова 1. Russland – Türkei – Libyen Der russische Außenminister Sergej Lawrow sagte, Russland und die Türkei arbeiten an einem Abkommen zur Lösung des Konflikts in Libyen, das dazu beitragen könnte, den Waffenstillstand in Libyen […]
Наверх Наверх