Continuano i bombardamenti in Nagorno Karabakh

  
0

1. Nagorno Karabakh

Il servizio statale di emergenza della repubblica del Nagorno Karabakh non riconosciuta ha riferito sulla sua pagina Facebook che le forze armate azere hanno sparato contro gli insediamenti nel Nagorno Karabakh. «L’Azerbaigian continua a bombardare gli insediamenti pacifici dell’Artsakh, violando tutte le disposizioni delle convenzioni internazionali», si legge nel comunicato. Si noti che di notte il villaggio di Karmir Shuka è stato sottoposto a un intenso fuoco di artiglieria e al mattino — Berdashen della regione di Martuni. «Attacchi di artiglieria sono stati effettuati anche sui villaggi di Tokh, regione di Hadrut, Tigranavan, Aygeovit e Ahavno, regione di Kashatagh. Vengono specificate le informazioni sui feriti e sui danni causati», ha detto il ministero.

2.Iran

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Said Khatibzade ha affermato che Teheran non tollererà ripetuti attacchi sul suo territorio da parte dei partecipanti al conflitto in Nagorno Karabakh. «L’Iran non rimarrà indifferente in caso di ripetizione di tali attacchi», ha detto il servizio stampa del ministero degli Esteri iraniano. Il diplomatico ha aggiunto che «garantire la sicurezza dei cittadini iraniani che abitano le zone di confine è una priorità per le forze armate del Paese». Giovedì scorso, la società di trasmissione IRIB ha riferito che otto razzi lanciati dalla zona di conflitto intorno al Nagorno Karabakh sono esplosi in Iran. I razzi hanno colpito il villaggio, a seguito del quale una persona è rimasta ferita e diverse case sono state danneggiate.

3.Armenia

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha dichiarato in un’intervista alla compagnia televisiva svizzera RTS che Stati Uniti e Francia dovrebbero sostenere gli sforzi della Russia per stabilizzare la situazione nel Nagorno Karabakh. Pashinyan ha sottolineato che la Russia è il copresidente del Gruppo di Minsk dell’OSCE, il più vicino alla regione. «Gli altri due copresidenti — Francia e Stati Uniti — devono sostenere la Russia nei suoi sforzi per stabilizzare la regione», ha detto Pashinyan. Ha anche affermato che la situazione umanitaria nel Nagorno Karabakh è «più che grave». Secondo il primo ministro armeno, il cessate il fuoco «non è nemmeno entrato in funzione», «perché proprio nel momento in cui avrebbe dovuto entrare in vigore, l’Azerbaigian ha lanciato nuovi attacchi». Parlando del compromesso, Pashinyan ha sottolineato che «l’Armenia è sempre stata pronta», tuttavia «le concessioni devono essere fatte da entrambe le parti». In precedenza, in un’intervista al canale televisivo turco NTV, il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev ha affermato che l’Azerbaigian è pronto a considerare proposte di sforzi internazionali per garantire la pace in Karabakh dopo la fine dello scontro militare. Aliyev ha aggiunto che l’Azerbaigian continuerà ad avanzare in Karabakh fino a quando la parte armena non osserverà il cessate il fuoco.

4.Azerbaigian

L’aiutante presidenziale azero Hikmet Hajiyev ha dichiarato in un’intervista al quotidiano El Mundo che l’Azerbaigian non sostiene l’idea di includere osservatori militari russi nel meccanismo di monitoraggio del cessate il fuoco in Nagorno Karabakh. Hajiyev ha sottolineato che l’Azerbaigian sta conducendo operazioni nel territorio sotto la sua sovranità e ora l’invio di osservatori militari russi è inappropriato. L’aiutante del presidente dell’Azerbaigian ha affermato che le autorità del Paese non hanno mai escluso la possibilità di concedere l’autogoverno del Nagorno Karabakh. «Ma non puoi cambiare con la forza i confini riconosciuti a livello internazionale», ha detto Hajiyev. In precedenza, il 14 ottobre, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che Mosca non ha escluso che gli osservatori militari russi possano essere inclusi nel meccanismo di monitoraggio del cessate il fuoco in Nagorno Karabakh. Il segretario stampa del presidente russo Dmitry Peskov, a sua volta, ha sottolineato che il dispiegamento di forze di pace o osservatori in Nagorno Karabakh è possibile solo con il consenso di Azerbaigian e Armenia.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: