Continuazione delle battaglie tra Azerbaigian e Armenia

  
0

1.Siria

La dichiarazione del ministero degli Esteri russo sul meccanismo per la consegna transfrontaliera di aiuti umanitari in Siria afferma che Mosca ritiene inappropriato estendere all’infinito il meccanismo per la consegna transfrontaliera di aiuti umanitari in Siria, che viene sempre più utilizzato a scopi politici — per minare la sovranità e l’integrità territoriale della Siria. Il documento sottolinea che «dalla creazione del meccanismo transfrontaliero, la situazione in Siria è radicalmente cambiata: il governo siriano ha ripristinato il controllo su gran parte del territorio nazionale e sta promuovendo attivamente l’assistenza ai suoi cittadini». Si sottolinea che «la Russia è stata ed è favorevole a fornire assistenza umanitaria a tutti i bisognosi in tutta la Siria nel rigoroso rispetto delle norme del diritto internazionale umanitario». Tuttavia, le discussioni in seno al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite hanno dimostrato che «è con questo punto — rispetto delle norme e dei principi del diritto internazionale umanitario — che i paesi occidentali hanno problemi». Il ministero degli Esteri russo ha espresso la speranza che «nel prossimo periodo, saranno prese le misure necessarie per stabilire forniture umanitarie sostenibili a tutte le parti della Siria dalle regioni interne, in coordinamento con Damasco».

2.Azerbaigian — Armenia

Il ministero della Difesa azero ha annunciato giovedì la ripresa dei combattimenti nella direzione di Tovuz al confine tra l’Azerbaigian e l’Armenia. «A partire dalla mattina del 16 luglio, unità delle forze armate armene hanno nuovamente tentato di attaccare le posizioni dell’esercito azero nella sezione del confine azero-armeno nella regione di Tovuz», ha dichiarato il ministero della Difesa azero. Il ministero della Difesa armeno ha confermato la ripresa dei combattimenti, affermando che le unità azere hanno tentato di commettere sabotaggi, dopo di che hanno iniziato a bombardare i villaggi di confine di Aygepar e Movses. “Le forze armate armene hanno impedito il tentativo di sabotaggio del nemico. Dopo i combattimenti, il nemico, dopo aver subito delle perdite, è stato respinto «, ha detto il segretario stampa del ministero della difesa della repubblica Shushan Stepanyan.

3. Armenia

Il segretario stampa del ministero della Difesa armeno Shushan Stepanyan ha affermato che giovedì, nella direzione nord-orientale del confine statale, le forze armate armene hanno abbattuto un carro armato dell’esercito azero e hanno anche distrutto installazioni di artiglieria, da cui hanno sparato contro insediamenti vicini. «Le forze armate armene hanno distrutto un carro armato, distrutto installazioni di artiglieria, posizioni di fuoco nemiche, che hanno sparato contro i nostri insediamenti e posizioni», ha scritto Stepanyan su Facebook. Ha anche detto che il ministro della difesa armeno David Tonoyan ha contattato giovedì il rappresentante personale dell’ambasciatore in carica del Presidente dell’OSCE Andrzej Kasprzyk e lo ha informato dell’aggravamento della situazione al confine con l’Azerbaigian.

4. Azerbaigian-Armenia

Il Ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha negato le informazioni del Ministero della Difesa armeno secondo cui le forze armate armene hanno eliminato un carro armato azero. «Questa è disinformazione. Tutti i carri armati azeri sono intatti e in servizio», ha detto il colonnello Vagif Dargahli, capo del servizio stampa del ministero della Difesa azero. Ha detto che i proiettili sparati dalle forze armate armene sono caduti su edifici residenziali, non ci sono state vittime tra i civili. Il ministero della difesa azero ha anche riferito della distruzione del drone delle forze armate armene, che ha condotto voli di ricognizione sulle posizioni azere. A sua volta, il segretario stampa del ministero della difesa armeno Shushan Stepanyan ha negato le informazioni sulla distruzione del drone delle forze armate armene da parte delle forze dell’Azerbaigian.

5. Russia

Il vice ministro degli Esteri russo Andrei Rudenko ha dichiarato in un’intervista con il TASS che Mosca utilizzerà tutte le opportunità per risolvere l’attuale esacerbazione tra Armenia e Azerbaigian. Ha osservato che «ora il compito principale di tutta la comunità internazionale è fermare rapidamente ciò che è accaduto negli ultimi due giorni». «La posizione equilibrata di quegli Stati che sono anche membri del gruppo di Minsk è molto importante», ha sottolineato Rudenko. «I paesi … che confinano con questa regione devono mostrare il massimo equilibrio, responsabilità e moderazione, anche nella retorica pubblica», ha affermato il viceministro.

главное за суткисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Le Liban. Les effets de l’explosion à Beyrouth. Александра Донцова 1 Liban Le nombre de victimes suite à l’explosion à Beyrouth a augmenté à 137, celui de blessés – à 5 mille, des dizaines sont disparus, relate Al Jazeera citant la Santé libanaise. Le chef de l’Intérieur du pays Mohammed […] Libanon. Folgen der Explosion in Beirut Александра Донцова 1. Libanon Die Zahl der Todesopfer bei der Explosion in Beirut sei auf 137 Menschen gestiegen, 5.000 Personen seien verletzt worden. Dutzende Menschen würden als vermisst gemeldet. Dies berichtete der Fernsehsender Al Jazeera […] Libano. Conseguenze dell’esplosione a Beirut Александра Донцова 1.Libano Il bilancio delle vittime dell’esplosione a Beirut è salito a 137 persone, il numero delle vittime è aumentato a 5mila, decine di persone risultano disperse. Lo riporta il canale televisivo Al Jazeera con […] Líbano. Las consecuencias de la explosión en Beirut Александра Донцова 1. Líbano. Al Jazeera con referencia al Ministerio de Salud libanés, informó que como resultado de la explosión en Beirut, 137 personas habían muerto y 5 mil personas fueron heridas. Decenas de personas están desaparecidas. […] Lebanon. The aftermath of the explosion in Beirut Александра Донцова 1 Lebanon «The death toll of the explosion in Beirut went up to 137, the number of the injured went up to 5,000. Dozens of people are missing» — the ‘Al Jazeera’ TV reports while citing the […] Une explosion à Beyrouth Александра Донцова 1 Liban Mardi, suite à une forte explosion dans le secteur du port de Beyrouth, près d’une base de la flotte libanaise, plus de 100 personnes sont mortes, 4 mille ont été blessées. Selon la Santé libanaise, les hôpitaux […]
Наверх Наверх