Continuazione delle ostilità in Nagorno-Karabakh

  
0

1. Nagorno-Karabakh

Mercoledì mattina, il ministero della Difesa azero ha riferito che sono proseguiti intensi combattimenti nella zona del conflitto del Karabakh. Il dipartimento della difesa ha riferito che la parte armena ha concentrato le sue forze nella direzione di Magadiz e ha tentato di passare all’offensiva. «Questa attività del nemico è soppressa, le truppe azerbaigiane stanno conducendo un’operazione di controffensiva per spezzare la resistenza del nemico», dice il messaggio “e i bombardamenti di artiglieria delle forze armate armene della città di Terter, che si trova vicino alla linea di contatto in Karabakh”. A sua volta, l’addetto stampa del ministero della Difesa armeno Shushan Stepanyan ha annunciato sulla sua pagina Facebook la continuazione delle battaglie di artiglieria lungo l’intera linea di contatto del fuoco in Nagorno-Karabakh. L’Esercito di difesa dell’Artsakh ha distrutto due droni nemici nel cielo sopra Stepanakert di notte «, dice il messaggio.

2. Armenia

Il Centro Unificato armeno d`Informazione sotto il governo dell’Armenia, citando il rilascio dell’esercito di difesa della non riconosciuta Repubblica del Nagorno-Karabakh, ha riferito che i combattenti turchi F-16 hanno partecipato alle battaglie nelle direzioni nord-orientale e meridionale in Nagorno-Karabakh. Il comunicato del servizio stampa del ministero degli Esteri armeno afferma che il ministero degli Esteri armeno condanna fermamente le «azioni provocatorie della Turchia e chiede l’immediato ritiro delle forze armate turche, compreso l’aviazione dalla zona del conflitto». La dichiarazione rileva che l’aviazione militare turca sta volando lungo la linea di contatto tra il Nagorno-Karabakh e l’Azerbaigian e sta effettivamente fornendo supporto aereo alle unità armate attaccanti dell’esercito azero. La dichiarazione sottolinea che gli aerei turchi volano anche lungo il confine armeno-turco e in alcuni casi violano il confine aereo dell’Armenia.

3. Armenia

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha affermato in una conferenza stampa con i media russi che, a causa dell’attuale situazione militare, le autorità armene stanno valutando la possibilità di riconoscere l’indipendenza del Nagorno-Karabakh. Pashinyan ha sottolineato che l’obiettivo dell’Armenia è stabilire una pace e una stabilità durature nella regione. Il Primo Ministro dell’Armenia ha anche affermato che martedì durante una conversazione telefonica con il presidente russo Vladimir Putin, le parti non hanno discusso del possibile intervento militare della Federazione Russa nel conflitto del Karabakh. Pashinyan ha anche sottolineato che l’Armenia garantirà la sua sicurezza con o senza la partecipazione della CSTO. «La discussione sulla partecipazione della CSTO è una questione politica. Collaboriamo strettamente con i nostri partner nell’organizzazione, informiamo sulla situazione attuale. Tuttavia, l’Armenia è pronta a difendere la sua sicurezza con o senza la partecipazione della CSTO», ha detto.

4. Azerbaigian

L’ambasciatore dell’Azerbaigian in Russia Polad Bulbul ogly ha affermato che il riconoscimento dell’indipendenza del Nagorno-Karabakh da parte dell’Armenia brucerà tutti i ponti e Baku reagirà nel modo più negativo. L’ambasciatore lo ha detto in un’intervista al canale RBC TV. L’ambasciatore ha anche negato che i combattenti turchi F-16 stessero partecipando alle battaglie.

5. Azerbaigian

Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev in un incontro con i militari feriti in un ospedale militare di Baku ha detto che l’Azerbaigian ripristinerà la sua integrità territoriale. Ha anche affermato che i combattimenti in Karabakh cesseranno quando Yerevan avrà soddisfatto le condizioni per il ritiro delle truppe. «Abbiamo una condizione: devono lasciare incondizionatamente, completamente e immediatamente le nostre terre. Questa condizione è in vigore, e se il governo armeno la soddisfa, i combattimenti si fermeranno, non verrà versato sangue, verrà la pace, la pace verrà nella nostra regione», ha detto Aliev. Il presidente dell’Azerbaigian ha anche affermato che le richieste di dialogo con l’Armenia sullo sfondo dell’aggravarsi del conflitto nel Nagorno-Karabakh sono inadeguate nelle condizioni attuali.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!
ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: