Elezioni e proteste in Bielorussia

  
0

Secondo i dati della CEC diffusi lunedì, Alexander Lukashenko ha vinto più dell’80% dei voti alle elezioni in Bielorussia. Presidente del Comitato Esecutivo — Il segretario esecutivo della CSI Sergei Lebedev ha affermato che le elezioni si sono svolte in conformità con la legge. L’addetto stampa del ministero degli affari interni della Bielorussia Olga Chemodanova ha affermato che 39 agenti delle forze dell’ordine e più di 50 civili sono rimasti feriti durante le proteste di domenica. Sono state arrestate circa 3mila persone.

Il centro di Minsk martedì sera è stato bloccato dalla polizia antisommossa, dalle truppe interne e da altre strutture di potere. Nella tarda notte di martedì, le proteste contro i risultati delle elezioni presidenziali in Bielorussia si sono spostate dal centro di Minsk alla periferia201 della città, dove sono arrivati ​​gli autobus con la polizia antisommossa. In alcune zone, le forze di sicurezza hanno usato colpi di fulmine per disperdere i manifestanti. È stato riferito che le azioni delle forze di sicurezza martedì sono state più decise e dure. L’agenzia di stampa TASS ha riferito che molti di coloro che si sono semplicemente trovati per strada sono caduti sotto la forza. Notato anche l’uso della forza contro esponenti della stampa, nonostante la presenza dell’accreditamento. È stato riferito di otto fatti di colpire deliberatamente agenti delle forze dell’ordine della Bielorussia in diverse città del paese durante le azioni di protesta degli ultimi due giorni. L’agenzia BelTA sottolinea che le forze dell’ordine definiscono questi eventi un’azione ben pianificata. L’agenzia ha anche riferito sulla detenzione di mercoledì a Minsk dei coordinatori delle rivolte in Bielorussia. Secondo l’agenzia, uno dei detenuti ha affittato una stanza nell’hotel bielorusso. Ha diretto le azioni di tre subordinati. In precedenza, il ministero degli Esteri bielorusso ha dichiarato che la repubblica è pronta per un dialogo costruttivo con i partner stranieri e può fornire fatti convincenti sull’interferenza straniera nell’attuale situazione nel paese.

Il Times of India ha riferito che lunedì sera le forze pakistane hanno sparato con armi di piccolo calibro e colpi di mortaio su una serie di aree nel settore di Punch sulla linea di controllo, violando nuovamente il cessate il fuoco in Kashmir. Il fuoco di risposta è stato sparato dal lato indiano. In precedenza, il 9 agosto, anche i militari pakistani hanno sparato sul settore Punch. Il direttore generale della polizia del territorio alleato di Jammu e Kashmir, Dilbag Singh, ha affermato che i bombardamenti delle truppe pakistane consentono il trasferimento in India di gruppi terroristici dai campi nel Kashmir controllato dal Pakistan. Secondo i dati indiani, ospitano circa 300 estremisti che si preparano a infiltrarsi in India.

La TV Al Arabiya ha riferito che le proteste antigovernative sono riprese martedì a Beirut. Secondo quanto riferito, i manifestanti si sono riuniti per la prima volta all’ingresso del porto di Beirut devastato dalle esplosioni. I manifestanti hanno gridato slogan anti-governativi chiedendo le dimissioni del presidente libanese Michel Aoun e lo scioglimento del parlamento. Quindi, i manifestanti hanno iniziato a prendere d’assalto le barriere di cemento e metallo che hanno bloccato il passaggio dalla Moschea Omari al Palazzo del Parlamento in Place Etoile. I manifestanti hanno lanciato pietre e petardi in direzione della polizia, in risposta si sono uditi spari, le forze speciali hanno usato proiettili di gomma. La polizia non ha usato gas lacrimogeni perché c’erano molte donne e bambini nelle file dei manifestanti. Di conseguenza, i manifestanti sono penetrati abbastanza lontano nel centro della città e sono andati nelle gallerie commerciali di Al-Aswak. Inoltre, il canale televisivo Sky News Arabia ha riferito che il bilancio delle vittime dell’esplosione nel porto di Beirut è salito a 171 persone. Almeno 30 persone risultano disperse.

Shafaq News, citando fonti delle forze di sicurezza irachene, ha riferito che un convoglio civile che trasportava rifornimenti per le forze della coalizione internazionale era stato fatto saltare in aria a sud di Baghdad. Secondo quanto riferito, un ordigno esplosivo improvvisato (IED) è stato fatto esplodere su un’autostrada nell’area di Batha, nella provincia di Dhi Qar. L’obiettivo dell’attacco era un convoglio di rifornimenti, che consisteva in diversi camion di società private che erano stati contrattati dalle forze della coalizione. Nessuno è rimasto ferito a causa dell’attacco. Quando la bomba è stata fatta esplodere, un mezzo di trasporto che trasportava attrezzature militari delle truppe statunitensi è stato danneggiato.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: