Elezioni in Bielorussia. Proteste a Beirut

  
0

1.Libano
Le proteste si sono svolte a Beirut. I manifestanti chiedono le dimissioni del presidente, del presidente e del primo ministro. Secondo quanto riferito, sabato nel centro di Beirut si è svolta una manifestazione antigovernativa sfociata in rivolte. Secondo il canale televisivo Al-Hadath, circa 105 militari libanesi sono rimasti feriti. I media arabi hanno riferito che almeno 728 persone sono rimaste ferite durante le proteste e un gendarme è morto per una ferita alla testa. Domenica le proteste sono riprese. Gli scontri sono avvenuti nell’area in cui si trova il parlamento libanese. Le forze di sicurezza hanno usato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti. La TV Al Arabiya ha riferito che la polizia di Beirut ha utilizzato attrezzature speciali e proiettili di gomma per disperdere i manifestanti nel centro della città. I manifestanti hanno risposto lanciando pietre e altri oggetti alle guardie. Secondo il canale televisivo Al-Hadath, nella zona antisommossa si sono uditi i suoni delle armi da fuoco automatiche. Successivamente, l’esercito libanese ha negato l’uso di proiettili da parte dei militari contro i manifestanti. Il canale televisivo ha anche riferito che i manifestanti hanno fatto irruzione nell’edificio del Ministero del Lavoro del Libano, così come nell’edificio del Ministero per gli sfollati della repubblica. Al momento, c’è stata una pausa a Beirut. I gruppi di attivisti sono ora concentrati in Place de Martyre, vicino a un piccolo campo tendato, dove durante il giorno vengono distribuiti aiuti umanitari ai residenti colpiti dall’esplosione del 4 agosto.

2. Bielorussia
Secondo i dati della CEC diffusi lunedì, Alexander Lukashenko ha ottenuto l’80,08% dei voti alle elezioni in Bielorussia. Presidente del Comitato Esecutivo — Il segretario esecutivo della CSI Sergei Lebedev ha affermato che le elezioni si sono svolte in conformità con la legge. L’addetto stampa del ministero degli Affari interni della Bielorussia Olga Chemodanova ha negato le accuse della persona uccisa durante i disordini a Minsk il 9 agosto. Ha anche detto che 39 agenti delle forze dell’ordine e più di 50 civili sono rimasti feriti durante le proteste di domenica. Sono state arrestate circa 3mila persone. In precedenza, il rappresentante del centro per i diritti umani «Viasna» Valentin Stefanovich ha detto che una persona è morta durante i disordini avvenuti la scorsa notte a Minsk. Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko in un incontro con il presidente del Comitato esecutivo della CSI, capo della missione di osservatori del Commonwealth, Sergei Lebedev, ha affermato che i manifestanti durante le manifestazioni del 9 agosto erano controllati da telefonate dalla Polonia, dalla Gran Bretagna e dalla Repubblica ceca. Rapporti dell’agenzia BelTA. Lukashenka ha anche sottolineato che non avrebbe permesso il «Maidan» e avrebbe dato una risposta adeguata ai tentativi di lacerare il Paese.

3.Polonia
Il ministro degli Esteri polacco Jacek Czaputovich ha affermato in una conferenza stampa che l’Unione europea potrebbe prendere in considerazione l’introduzione di nuove sanzioni contro la Bielorussia. Secondo il ministro, «tutto dipende dall’evoluzione della situazione e dall’azione delle autorità» a Minsk. «Le sanzioni saranno una delle opzioni da considerare», ha detto il ministro. Ha anche espresso la speranza che questo scenario non accadrà. In precedenza, il primo ministro della Polonia Mateusz Morawiecki ha proposto un’iniziativa per tenere un vertice straordinario dell’Unione europea, dedicato alla situazione in Bielorussia dopo le elezioni presidenziali in questo paese. «La Polonia è responsabile per i suoi vicini più prossimi. Pertanto, il primo ministro Mateusz Morawiecki, in una lettera al capo del Consiglio europeo Charles Michel e il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, hanno chiesto un vertice straordinario dell’UE in connessione con gli eventi in Bielorussia», si legge in una dichiarazione pubblicata sul sito ufficiale del polacco governo.

4. Iran
Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Abbas Mousavi ha affermato che il progetto di risoluzione degli Stati Uniti sull’embargo sulle armi contro Teheran rappresenta una minaccia per il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.
«Questo progetto è più una minaccia per il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, i meccanismi del Consiglio di sicurezza e non per l’Iran. Abusando del Consiglio di sicurezza come strumento, gli Stati Uniti vogliono indebolirlo, eliminarlo o soggiogarlo. È necessaria la vigilanza», ha detto Mousavi, esprimendo la speranza che gli Stati Uniti sulla questione dell’embargo sulle armi non avrà successo. In precedenza, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha affermato che gli Stati Uniti avevano preparato una bozza di risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per estendere l’embargo sulle armi contro l’Iran, il documento dovrebbe essere considerato presto.

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Proteste in Syrien gegen türkische Präsenz Александра Донцова 1. Syrien Syrische Medien berichteten, dass in mehreren Provinzen Syriens Proteste gegen die türkische Militärpräsenz im Land stattgefunden hätten. Einwohner der Provinz Idlib versammelten sich an den Beobachtungsposten der […] Proteste in Siria contro la presenza turca Александра Донцова 1. Siria I media siriani hanno riferito che le proteste contro la presenza militare turca nel paese si sono svolte in diverse province della Siria. I residenti della provincia di Idlib si sono riuniti presso i posti di […] Las protestas en Siria contra la presencia turca Александра Донцова 1.Siria Los medios sirios informaron que en varias provincias de Siria, incluso, Idlib, Hama y Alepo se habían realizado las protestas contra la presencia militar turca en el país. Varias decenas de personas participaron en […] Protests in Syria against the Turkish presence Александра Донцова 1 Syria The Syrian mass media reported about protests in several Syrian provinces against the Turkish military presence in Syria. The residents of the Idlib province gathered at the observation posts of the Turkish army with […] Главное на вечер 18 сентября 2020 года Влад Николаев Сирийские СМИ сообщили, что в нескольких провинциях Сирии прошли акции протеста против турецкого военного присутствия в стране. Жители провинции Идлиб собрались у наблюдательных пунктов турецкой армии с плакатами «Идлиб […] Новости на 16:00 18 сентября 2020 года Влад Николаев Президент Турции Реджеп Тайип Эрдоган заявил, что власти Турции огорчены планами главы Правительства национального согласия Ливии Фаиза Сарраджа уйти в отставку. Эрдоган также сообщил, что «на этой неделе могут пройти […]
Наверх Наверх