Esplosione a Beirut

  
0

1.Libano

A seguito di una potente esplosione, avvenuta martedì nell’area del porto di Beirut vicino alla base navale libanese, secondo gli ultimi dati, più di 100 persone sarebbero morte, 4mila ferite. Il ministero della Sanità libanese riferisce che gli ospedali cittadini sono sovraffollati e le vittime vengono mandate alla periferia di Beirut. Gli edifici residenziali sono stati danneggiati in città. È stato riferito che l’edificio dell’ambasciata russa è stato danneggiato, uno dei suoi dipendenti è rimasto ferito. Anche gli edifici di altre missioni diplomatiche sono stati danneggiati. 48 dipendenti delle Nazioni Unite sono rimasti feriti. Kataib Nizar Najaryan, segretario generale del Partito libanese, è stato ucciso. La famiglia e i consiglieri del Primo Ministro libanese Hassan Diab sono rimasti feriti. A seguito di una riunione di emergenza del Consiglio supremo di difesa del Libano, presieduto dal presidente Michel Aoun, Beirut è stata dichiarata zona disastrata. Lo stato di emergenza è stato introdotto in città dal 4 al 18 agosto. Il Consiglio supremo di difesa libanese ha anche creato una commissione speciale per indagare sull’emergenza. La causa esatta dell’esplosione non è stata segnalata. Il capo del ministero dell’Interno libanese, Mohammed Fahmi, ha affermato che il nitrato di ammonio è esploso. Secondo i media, durante la saldatura sono esplose più di 2.700 tonnellate di nitrato di ammonio. Il canale televisivo Al Mayadeen, riferendosi alle strutture di potere, ha riferito di aver fatto esplodere il «carico di sostanze esplosive» confiscato nove anni fa. Il capo dei servizi segreti libanesi, Abbas Ibrahim, ritiene che sia prematuro parlare di un attacco terroristico.

2. Libano

Il capo della dogana libanese Badri Daher ha detto a OTV che le autorità libanesi hanno in programma di completare un’indagine sull’esplosione avvenuta martedì a Beirut entro cinque giorni. «Speriamo di arrivare a un risultato chiaro durante le indagini entro cinque giorni», ha detto. Il capo dell’ufficio doganale libanese ha sottolineato che le istruzioni pertinenti sono state date dal presidente della Repubblica Michel Aoun e dal primo ministro Hassan Diab. Il governatore di Beirut Marwan Abboud ha detto a OTV che dieci vigili del fuoco sono rimasti uccisi nell’esplosione. L’agenzia TASS ha riferito che il ministero russo per le emergenze stava inviando un ospedale mobile con medici a Beirut per fornire assistenza alle vittime dell’esplosione come parte di un’azione umanitaria. Verrà inviato un totale di cinque aeromobili.

3. Libano

Il presidente libanese Michel Aoun ha affermato che il Paese sta affrontando una grave crisi economica a seguito dell’esplosione a Beirut. «Stiamo vivendo una crisi economica senza precedenti. Coloro che sono all’origine dell’esplosione subiranno la punizione più severa», ha detto il canale televisivo Al Arabiya citando il presidente del Libano. Il governatore di Beirut, Marwan Abbud, ha stimato i danni dell’esplosione nel porto, che ha tuonato martedì, in 3-5 miliardi di dollari. «Circa 300mila persone sono rimaste senza casa a causa dell’esplosione», ha detto il canale televisivo Al Arabiya citando il governatore. Il governatore ha sottolineato che le conseguenze dell’esplosione interessano più della metà del territorio della capitale libanese.

4. Siria — USA

Il New York Times ha riferito che i funzionari dell’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sono inclini a inasprire le sanzioni contro la Siria sulla base del «Atto di Cesare» americano. La pubblicazione cita le parole del vice segretario di Stato americano per gli affari mediorientali Joel Rayburn, che ha affermato che le sanzioni «non finiranno» fino a quando «il regime siriano ei suoi alleati non accetteranno» un cambio di potere nel Paese. Tuttavia, la pubblicazione rileva che molti esperti dubitano che un tale approccio consentirà agli Stati Uniti di raggiungere gli obiettivi desiderati senza sforzi attivi nella sfera diplomatica. «Le sanzioni da sole non possono risolvere il problema», cita il giornale l’ex direttore dell’Ufficio di Controllo di Assetti Stranieri del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, John Smith. La pubblicazione sottolinea che l’introduzione delle sanzioni americane contro la Siria porta ad un ulteriore deterioramento della situazione della popolazione. Il NYT cita Basma Alush, un consulente del Fondo di Norvegia di Profughi, un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro, che ha sottolineato che gli Stati Uniti «non prestano sufficiente attenzione alle conseguenze non intenzionali» delle sanzioni.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновости
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Military base of Turkey in Azerbaijan Александра Донцова 1 Armenia — Russia The press service of the Armenian Defense Ministry reported that during the recent telephone conversations, the heads of the Armenian and Russian Defense Ministries, Vagharshak Harutyunyan and Sergei […] Военная база Турции в Азербайджане. || Итоги дня 17.06.2021 Влад Николаев Пресс-служба Минобороны Армении сообщила, что главы Минобороны Армении и России Вагаршак Арутюнян и Сергей Шойгу во время телефонных переговоров обсудили дислокацию российских пограничников на границе с Азербайджаном в […] Обстановка на линии фронта за сутки: версии сторон Александра Донцова Донецкая Народная Республика Вооруженные формирования Украины не открывали огонь в направлении  территории ДНР за прошедшие сутки. Об этом сегодня сообщили в Управлении Народной милиции Республики (СЦКК). «За прошедшие сутки […] Terrorists in Syria are planning provocations Александра Донцова 1 Syria The Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria reported that the terrorists of the ’Hayat Tahrir Al-Sham’ group are planning to fake a chemical attack in Idlib, and accuse the Syrian […] Los rebeldes tienen intenciones de realizar las provocaciones en Siria Александра Донцова 1.Siria. El Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir Al-Sham”, (la agrupación terrorista que está prohibida en la Federación de Rusia), tenían intenciones de […] Боевики в Сирии планируют провокации || Итоги дня 16.06.2021 Влад Николаев В российском Центре по примирению враждующих сторон в Сирии сообщили, что боевики запрещенной в РФ террористической группировки «Хайят Тахрир Аш-Шам» планируют инсценировать химическую атаку в Идлибе и обвинить […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: