Esplosione in Afghanistan

  
0

Afghanistan

Tolo News ha riferito che a seguito dell’esplosione nella provincia di Ghazni nell’Afghanistan orientale, sette persone sono state uccise e oltre 40 sono rimaste ferite. L’incidente è avvenuto alle 4.30 ora locale alle (3.00 ora di Mosca). Un attentatore suicida ha fatto esplodere un’autobomba vicino all’edificio dell’unità locale della direzione della sicurezza nazionale nella provincia afgana di Ghazni. La responsabilità dell’esplosione è stata rivendicata dai militanti del movimento radicale talibano (illecito nella Federazione Russa).

2.

Siria

Il ministero della Difesa russo ha riferito che nelle ultime 24 ore i militari siriani hanno sgomberato più di 2 ettari del territorio del paese. «Unità ingegneristiche delle forze armate della Repubblica araba siriana hanno svolto compiti di sminamento a Duma (provincia di Damasco), a Jasim ed El Harra (provincia di Deraa) nel corso di una giornata. 34 oggetti esplosivi sono stati scoperti e distrutti», ha detto l’agenzia.

3.

Iran

Il leader spirituale e leader dell’Iran, Ali Khamenei, ha affermato che le forze statunitensi sarebbero costrette a lasciare l’Iraq e la Siria. «Gli americani dichiarano apertamente che le loro forze militari sono di stanza in Siria perché lì c’è petrolio. Naturalmente, non resteranno in Siria e in Iraq», ha detto Tasnim all’agenzia. Khamenei ha sottolineato che gli americani dovrebbero lasciare questi paesi e saranno senza dubbio costretti a farlo. «Secondo Ali Khamenei,» nonostante gli enormi fondi che gli americani hanno stanziato negli anni per creare un’immagine positiva, oggi gli Stati Uniti — il paese e il regime — odiano una parte significativa del mondo «.

4.

Iran

Il servizio stampa del ministero degli Esteri iraniano ha affermato che il vice ministro degli Esteri iraniano, Abbas Aragchi, ha convocato l’ambasciatore svizzero in rappresentanza degli interessi degli Stati Uniti nella Repubblica islamica e ha messo in guardia Washington dal perseguitare le petroliere iraniane dirette verso il Venezuela. La dichiarazione afferma che «una reazione decisiva dell’Iran seguirà immediatamente qualsiasi minaccia contro i tribunali iraniani e il governo degli Stati Uniti sarà responsabile di ciò». Inoltre, il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif ha inviato una lettera al segretario generale delle Nazioni Unite Anthony Guterres. La lettera sottolinea che «gli Stati Uniti devono rispettare il diritto internazionale, in particolare la libertà di navigazione». La lettera ricorda inoltre agli Stati Uniti «la responsabilità in caso di qualsiasi tipo di azione illegale e il diritto della parte iraniana di adottare le misure necessarie e proporzionate per contrastare le minacce», ha affermato il servizio stampa del ministero degli Esteri iraniano.

5.

Libia

Il governo di accordo nazionale libico, guidato da Faiz Sarraj, ha annunciato il pieno controllo della base aerea di El-Batu. Lo ha riferito il canale televisivo libico Libya Alahrar. Il canale televisivo cita una dichiarazione del generale Abdel Basyt Mervan, comandante delle operazioni delle forze del governo dell’Accordo nazionale nella regione di Tripoli, in cui si afferma che le truppe del governo dell’Accordo nazionale «hanno preso completamente il controllo della base militare di El-Vaty». In precedenza, la base dell’esercito nazionale libico era sotto il comando del maresciallo di campo Khalifa Haftar. Dall’inizio di maggio, gruppi armati del governo dell’Accordo nazionale hanno tentato tre volte di colpire per colpire la base aerea di El-Batuy, che si trova a 100 km a sud-ovest di Tripoli. L’ultimo attacco è stato fatto circa una settimana fa. Tuttavia, fino a poco tempo fa, l’esercito nazionale libico è riuscito a difendere la sua posizione.

6.

Iran

L’IRNA riferisce che lunedì il parlamento iraniano ha votato a favore di un disegno di legge per contrastare Israele. La legge prevede l’istituzione da parte del Ministero degli affari esteri iraniano di un’ambasciata virtuale a Gerusalemme, riconosciuta dalla parte iraniana come capitale della Palestina. Questa misura dovrebbe essere attuata entro sei mesi dalla ratifica della legge. La legge proibisce anche il transito di merci israeliane attraverso l’Iran.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: