Esplosione in idlib

  
0

L’agenzia siriana SANA, citando fonti, riferisce che i terroristi hanno fatto saltare un ponte nella provincia di Idlib a ovest di Ariha sull’autostrada M4 Latakia-Aleppo per interrompere le pattuglie congiunte russo-turche. La fonte dell’agenzia ha affermato che l’esplosione ha distrutto completamente il ponte su cui passa parte della rotta di pattuglia. «In altre sezioni del percorso, i militanti hanno sparso molti oggetti metallici penetranti», ha aggiunto la fonte. È stato riferito che i militanti, minacciando rappresaglie, hanno costretto dozzine di civili a organizzare barriere dal vivo sull’autostrada, allestendo tende e bloccandole con pneumatici bruciati. Ai combattenti venivano offerti premi in denaro ad alcuni cittadini se rimanevano in viaggio nelle tende su base continuativa.

Il canale televisivo iracheno Al-Sumar riferisce che i militari statunitensi di stanza in Iraq giovedì hanno trasferito ufficialmente la base di al-Qaim, che è stata utilizzata dalle truppe della coalizione internazionale antiterroristica, all’esercito iracheno. Il canale nota che le unità militari irachene hanno iniziato formalmente ad arrivare pochi giorni fa dopo il completo ritiro delle unità della coalizione internazionale da lì. In precedenza, il 17 marzo, il servizio stampa del comando centrale delle forze armate statunitensi ha riferito che la coalizione guidata dagli Stati Uniti per combattere il gruppo terroristico dello Stato islamico (bandito nella Federazione russa) avrebbe presto lasciato la base di Al-Qaim in Iraq.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha detto che Teheran continuerà ad agire contro gli Stati Uniti in risposta all’assassinio del personale militare americano del generale Kassem Suleimani, il Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica. «Non abbiamo lasciato questo senza risposta e non ci soffermeremo su di esso», ha detto Rouhani. Ha ricordato che «le forze armate iraniane hanno già dato una risposta e hanno attaccato la base americana nella regione con missili» in risposta all’assassinio di Sulemaini. «Penso che gli Stati Uniti non lo dimenticheranno mai, perché per la prima volta nella storia della regione è stata data una risposta decisa e rapida alle azioni barbariche degli americani», ha sottolineato il presidente iraniano.

La televisione della NBC, citando fonti, ha affermato che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha deciso di astenersi da una risposta più dura al bombardamento della base militare irachena a causa della diffusione del nuovo coronavirus. Secondo il canale, Trump ha espresso preoccupazione per il fatto che «in caso di un potente attacco di ritorsione contro l’Iran, gli Stati Uniti avranno un bell’aspetto, date le difficoltà incontrate dall’Iran e da altri paesi nel tentativo di contenere la diffusione del virus». Il bombardamento della base Et-Taj, dove sono di stanza le truppe statunitensi, è avvenuto la scorsa settimana, l’11 marzo. I bombardamenti hanno ucciso tre persone. Gli Stati Uniti hanno accusato il gruppo sciita Kataib Hezbollah e le autorità iraniane. Il 12 marzo, gli Stati Uniti hanno lanciato attacchi aerei in cinque magazzini di Kataib Hezbollah in Iraq.

Anatoly Chaly, portavoce dell’unità di polizia militare, ha dichiarato che la polizia militare russa pattugliava l’autostrada M4 a Zaevfratiye nella sezione tra Aleppo e la provincia di Hasek. Questo sito è uno dei percorsi più lunghi pattugliati dalla polizia militare russa in Siria. Il pattugliamento viene condotto su mezzi di trasporto del personale corazzati e veicoli corazzati Typhoon. Gli elicotteri Mi-8 e Mi-35 coprono la colonna dall’aria. Durante il pattugliamento, il volo si svolge a un’altezza minima per una valutazione dettagliata della situazione a terra e per garantire la sicurezza del volo. Durante le pattuglie, i militari tengono colloqui con i residenti locali per identificare i loro bisogni e bisogni e condurre azioni umanitarie e mediche. Lo scopo del pattugliamento è monitorare la situazione e garantire un cessate il fuoco.

Il ministero degli Esteri sudcoreano ha affermato che dopo tre giorni di negoziati a Los Angeles, gli Stati Uniti e la Repubblica di Corea non sono stati in grado di superare le differenze nella distribuzione dei costi per lo spiegamento delle truppe americane nella penisola coreana. I capi delegazione, Jong Eun Bo e James Dehart, hanno concordato di continuare le consultazioni al fine di ridurre al minimo le conseguenze negative della mancanza di accordo. La data delle prossime trattative non è riportata.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Syrisches Militär blockierte den Durchgang der US-Patrouille Александра Донцова 1. Syrien Die Nachrichtenagentur SANA berichtete, dass syrische Streitkräfte die Patrouille der US-Truppen im Norden von Hasek blockiert hätten. Das US-Militär habe sich mit gepanzerten Fahrzeugen dem Dorf Munsif-Takhtani […] The Syrian military blocked the passage of a US patrol Александра Донцова 1 Syria The ‘SANA’ news agency reported that the Syrian forces stopped a patrol of the US troops in north of Hasakah. A convoy of US armored vehicles arrived to the village of Munsif-Takhtani — the village […] L’esercito siriano ha bloccato il passaggio della pattuglia americana Александра Донцова 1. Siria La SANA ha riferito che le forze siriane hanno bloccato la pattuglia delle truppe statunitensi nel nord di Hasek. L’esercito americano si avvicinò con veicoli blindati al villaggio di Munsif-Takhtani, dove […] Los militares sirios bloquearon el paso de la patrulla de los EE.UU. Александра Донцова 1.Siria La agencia SANA informó que las fuerzas sirias habían bloqueado el paso de la patrulla de las tropas americanas en el norte de la provincia de Al-Hasaka. Los militares americanos se acercaron en los vehículos […] L’armée syrienne a bloqué la patrouille américaine Александра Донцова 1. Syrie Les forces syriennes ont bloqué la patrouille des troupes américaines dans le nord de Hassaké, rapporte Sana. L’armée américaine s’est approchée en véhicules blindés du village de Munsif-Takhtani, où se […] Главное на вечер 10 июля 2020 года Влад Николаев Агентство SANA сообщило, что военнослужащие сирийской армии преградили путь патрулю американских военнослужащих на севере провинции Хасеке. Военные США приблизились на бронемашинах к населенному пункту Мунсиф-Тахтани, где […] Новости на 16:00 10 июля 2020 года Влад Николаев Агентство SANA сообщило, что военнослужащие сирийской армии преградили путь патрулю американских военнослужащих на севере провинции Хасеке. Военные США приблизились на бронемашинах к населенному пункту Мунсиф-Тахтани, где […] Новости на 12:00 10 июля 2020 года Влад Николаев Председатель Комитета начальников штабов Вооруженных сил США генерал Марк Милли заявил, что Россия якобы «вовлечена в ситуацию в Афганистане» и действует в этой стране через контакты с экстремистской группировкой […] Provocations de radicaux en Syrie Александра Донцова 1. Syrie Le chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, contre-amiral Alexander Schtscherbizki, a déclaré que les terroristes avaient préparé au moins 15 engins explosifs contenant des […]
Наверх Наверх