Esplosione in Siria. La morte di un maggiore generale della Federazione Russa

  
0

Il servizio stampa del ministero della Difesa russo ha riferito che a seguito dell’esplosione di un ordigno esplosivo improvvisato in Siria, un consigliere militare con il grado di maggiore generale Vyacheslav Gladkikh è stato ucciso e altri due militari russi sono rimasti feriti. Anche il comandante della difesa nazionale della città di Al-Meyadin, Muhammad Taysar Az-Zahir, è stato ucciso con quattro subordinati, altri tre sono rimasti feriti, riferisce il portale «Primavera russa». L’esplosione è avvenuta quando un convoglio russo stava rientrando da un’azione umanitaria a 15 km dalla città di Deir ez-Zor. Un ordigno esplosivo improvvisato è esploso sul lato della strada in direzione dei veicoli. «Come risultato dell’esplosione, tre militari russi sono rimasti feriti. Durante l’evacuazione e l’assistenza medica, un alto consigliere militare russo con il grado di maggiore generale è morto per le gravi ferite ricevute», ha detto il ministero della Difesa russo.

L’agenzia statale siriana SANA ha riferito che le forze statunitensi hanno lanciato un attacco aereo contro un checkpoint dell’esercito siriano nell’area di Tell Zahab a sud-est della città di Kamshli, che si trova nella provincia di Hasek. Secondo l’agenzia, il colpo è stato sferrato dopo che l’esercito siriano non ha permesso alla pattuglia americana di attraversare il checkpoint. È stato riferito che a seguito dell’attacco aereo, un soldato siriano è stato ucciso e due sono rimasti feriti. Il quotidiano al-Watan rileva che uno dei feriti è un ufficiale. Successivamente, il Ministero della Difesa della repubblica ha aggiunto che l’attacco è stato effettuato da due elicotteri americani. Il Pentagono ha negato informazioni su un attacco aereo a un posto di blocco in Siria.

L proteste a Minsk si sono concluse lunedì sera con una marcia verso gli edifici di due centri di custodia cautelare, dove rimangono ancora detenuti per aver partecipato a manifestazioni contro i risultati delle elezioni presidenziali. L’agenzia di stampa TASS ha riferito che le manifestazioni si sono svolte alle porte di centro di detenzione n. 1 in via Volodarsky, dove, come credono i rappresentanti dell’opposizione, si tiene il blogger Sergei Tikhanovsky. Inoltre, la manifestazione si è svolta vicino al centro di detenzione preventiva in via Okrestin, dove dopo i primi scontri tra i manifestanti e le forze dell’ordine, all’inizio della scorsa settimana, sono stati presi tutti i detenuti. La maggior parte di loro è stata rilasciata, ma coloro che sono riusciti a formalizzare casi amministrativi stanno scontando la pena. Il rappresentante del centro di detenzione ha detto ai manifestanti che non c’erano prigionieri per motivi politici nel centro di detenzione in via Okrestin. Questa informazione è stata confermata dalla confidente di Tikhanovskaya Olga Kovalkova. Si noti che i manifestanti hanno iniziato a disperdersi dopo che Kovalkova ha raccomandato di riunirsi in questo luogo la mattina. La polizia non ha interferito con i manifestanti.

Un colpo di stato militare ha avuto luogo nella Repubblica africana del Mali. Martedì, le unità dell’esercito nei sobborghi della capitale del Mali, Bamako, si sono ribellate e si sono dirette verso la capitale. È stato riferito che i ministri del governo, compresi i capi del Ministero degli Affari Esteri e del Ministero delle Finanze, il Presidente del Parlamento, il Primo Ministro e il Presidente del paese, sono stati arrestati. Anche lo Stato Maggiore delle Forze Armate del Mali è sotto il controllo dei ribelli; alcuni leader militari sono stati arrestati. In seguito all’arresto, il presidente del Mali Ibrahim Boubacar Keita ha annunciato le sue dimissioni. L’esercito del Mali, che ha organizzato un ammutinamento, ha annunciato la creazione del Comitato nazionale per la salvezza del popolo. È stato riferito che le elezioni si terranno nel Paese «entro un termine ragionevole». Il vice capo di stato maggiore dell’aeronautica militare del Mali, il colonnello Ismael Wahe, ha detto che il Comitato nazionale per la salvezza del popolo del Mali aveva ordinato la chiusura di tutti i confini esterni del paese e imposto un coprifuoco notturno. Ha inoltre invitato tutti i gruppi di opposizione in Mali, chiedendo riforme, a partecipare al processo di negoziazione, che dovrebbe portare a nuove elezioni. L’ONU, l’UE, l’Unione africana e la Comunità economica dell’Africa occidentale hanno condannato l’insurrezione.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на вечер 30 сентября 2020 года Влад Николаев Минобороны Азербайджана сообщило, что утром в среду в зоне карабахского конфликта продолжались напряженные бои. Оборонное ведомство сообщило, что армянская сторона сосредоточила силы на Магадизском направлении и предприняла […] Новости на 16:00 30 сентября 2020 года Влад Николаев Армянский единый информационный центр при правительстве Армении со ссылкой на релиз армии обороны непризнанной Нагорно-Карабахской Республики сообщил, что в боях на северо-восточном и южном направлениях в Нагорном Карабахе […] Новости на 12:00 30 сентября 2020 года Влад Николаев Премьер-министр Армении Никол Пашинян на пресс-конференции с российскими СМИ сообщил, что, в связи со сложившейся военной ситуацией, власти Армении рассматривают возможность признания независимости Нагорного Карабаха. Пашинян […] Главное на утро 30 сентября 2020 года Влад Николаев Минобороны Азербайджана сообщило, что в зоне карабахского конфликта продолжаются напряженные бои. Оборонное ведомство сообщило, что армянская сторона сосредоточила силы на Магадизском направлении и предприняла попытку перейти […] Aserbaidschanische Streitkräfte griffen Armenien an Александра Донцова 1. Republik Bergkarabach Das armenische Verteidigungsministerium berichtete, dass die militärischen Zusammenstöße in Bergkarabach weitergehen. Es wird berichtet, dass die Verteidigungsarmee der nicht anerkannten Republik […] L’aviation azerbaïdjanaise porte un coup contre l’Arménie Александра Донцова 1 République du Haut-Karabakh Selon la Défense arménienne, les hostilités au Haut-Karabakh continuent. L’armée de la république du Haut-Karabakh a repoussé plusieurs attaques des forces armées de l’Azerbaïdjan. « […]
Наверх Наверх