Esplosioni nella zona verde di Baghdad

  
0

1. Iraq

Le esplosioni hanno tuonato nella capitale irachena Baghdad a seguito della caduta di due missili nella «zona verde» fortificata, dove si trovano edifici governativi e ambasciate straniere, ha riferito il canale televisivo Al Arabiya. Secondo il canale, il primo razzo è caduto vicino all’ambasciata turca, il secondo è esploso vicino al ponte di al-Harisiyya. Non sono state ancora riportate informazioni sulle vittime. Il primo ministro Adel Abd al-Mahdi aveva precedentemente annunciato un coprifuoco a Baghdad dopo che almeno sette persone furono uccise e più di 400 ferite in due giorni di proteste antigovernative a livello nazionale.

2. USA

Sette persone sono morte dopo che un bombardiere B-17 della Seconda Guerra Mondiale, volando a corto di storia e appassionati di aviazione, si è schiantato all’aeroporto internazionale di Bradley in Connecticut, secondo i media locali. Secondo le autorità, c’erano 13 persone a bordo: 10 passeggeri e tre membri dell’equipaggio. Almeno sei persone sono state portate in ospedale, tre di loro sono state gravemente ferite, hanno detto le autorità. Anche una persona sulla terra ha sofferto. L’aereo è stato in volo per diversi minuti quando i piloti hanno segnalato un malfunzionamento e hanno chiesto il permesso di tornare a terra. All’atterraggio, ha perso il controllo e si è scontrato con un hangar.

3. Ucraina-Russia

L’insediamento del conflitto nel Donbass può essere costruito solo sulla base degli accordi di Minsk, ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Secondo lui, non può esistere un “piano B” di riserva per l’attuazione degli accordi di Minsk, poiché sono la base per risolvere il conflitto nell’Ucraina sud-orientale. Il ministro ha sottolineato che la «formula di Steinmeier» è già un compromesso agli accordi di Minsk, approvati dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, perché prevede il consolidamento dello status speciale di Donbass non prima, ma dopo le elezioni locali nella regione. «Pertanto, non vi è alcun rifiuto dai principi di base degli accordi di Minsk, tra cui l’amnistia, lo status speciale sancito dalla Costituzione, il ritiro delle forze e dei mezzi, la completa ripresa dei legami economici, la revoca del blocco, che ha completamente contraddetto gli accordi di Minsk. Tutto rimane invariato, senza che nulla funzionerà» — ha sottolineato il capo del ministero degli Esteri russo.

4. Russia

Sberbank sta conducendo un’indagine interna su una possibile perdita di dati personali, secondo un messaggio pubblicato sul sito web dell’ente creditizio. Secondo il quotidiano Kommersant, i dati personali di 60 milioni di russi erano di dominio pubblico. In precedenza, gli annunci della vendita di una «nuova base di una grande banca» sono apparsi su uno dei forum bloccati da Roskomnadzor. I venditori sostengono che nelle loro mani c’erano informazioni su 60 milioni di carte, sia valide che chiuse. Allo stesso tempo, come conferma, offrono ai potenziali clienti di familiarizzare con un frammento del database contenente dati di 200 utenti. Secondo Sberbank, uno dei dipendenti di un’organizzazione creditizia potrebbe diventare il colpevole dell’incidente, poiché la penetrazione di terze parti nel database è impossibile a causa del suo isolamento dalla rete esterna. Sberbank promette di riferire ulteriori risultati sull’indagine.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Terroristische Provokationen in Idlib Александра Донцова Konteradmiral Alexander Grinkewitsch, stellvertretender Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, gab bekannt, dass Kämpfer der in der Russischen Föderation verbotenen Terroristengruppe […] Provocazioni militanti a Idlib Александра Донцова Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, ha annunciato che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, bandito nella […] Las provocaciones de los rebeldes en Idlib Александра Донцова Alexander Grinkevich, el subjefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir al-Sham” (la organización terrorista que que está prohibida en la Federación de […] Terrorist provocations in Idlib Александра Донцова The deputy head of the Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria, Rear-Admiral Alexander Grinkevich, reported about a preparation of provocations, with the use of poisonous substances, in the south […] Итоги недели 26 сентября 2020 года Влад Николаев Заместитель руководителя российского Центра по примирению враждующих сторон в Сирии контр-адмирал Александр Гринкевич сообщил о подготовке боевиками запрещенной в РФ террористической группировки «Хайат Тахрир […] Crash d’avion dans le nord de l’Iran Александра Донцова 1.Etats-Unis S’exprimant lors du débat politique général de la 75e session de l’Assemblée générale des Nations Unies, le chef du gouvernement d’accord national libyen Fayez el-Sarraj a déclaré que les parties au […]
Наверх Наверх