Gli atti terroristici in Siria

  
0

1SANA riferisce che un camion di carburante estratto è esploso nel mercato centrale di Afrin. A seguito dell’esplosione, ci sono residenti locali morti e feriti e militanti di gruppi filo-turchi. Ha causato gravi danni materiali. I militari turchi hanno portato i loro morti e feriti nel territorio turco, ha detto l’agenzia. Il ministero della Difesa nazionale turco ha riferito che a seguito dell’esplosione nella città siriana di Afrin, 35 civili sono stati uccisi e oltre 30 sono rimasti feriti. È stato riferito che la fonte dell’esplosione era una nave cisterna piena di esplosivi. Il Ministero della Difesa turco ha incolpato il Partito dei lavoratori del Kurdistan e le unità curde delle forze di autodifesa del popolo. Gli Stati Uniti non hanno incolpato nessuno per l’attentato dinamitardo ad Afrin siriano. In una dichiarazione del segretario di Stato americano Michael Pompeo, pubblicata su Twitter, si afferma che gli Stati Uniti chiedono un completo cessate il fuoco in Siria. «Tali atrocità sono inaccettabili, indipendentemente da quale parte del conflitto provengano», afferma il rapporto. Una dichiarazione del capo del servizio stampa del ministero degli Esteri americano, Morgan Ortegus, contiene parole che condannano l’esplosione. Ortegus si è anche astenuto da qualsiasi conclusione, esortando a seguire la chiamata dell’inviato speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la Siria, Geir Pedersen, a portare avanti una tregua.

Venerdì, vicino alla città siriana di Homs, sono state registrate diverse esplosioni. Il governatore provinciale Homs Talal al-Barrazi ha riferito a SANA che militanti non identificati hanno sparato contro posizioni militari e un deposito di munizioni ad est della città. «Di conseguenza, 10 civili sono stati feriti e sono stati inflitti danni materiali», ha detto il governatore. Secondo lui, da una struttura militare spesse nuvole di fumo si innalzavano nel cielo. Non è noto se il bombardamento sia stato effettuato da installazioni di mortaio o se l’attacco sia stato effettuato da veicoli aerei senza equipaggio.

L’agenzia statale siriana SANA ha riferito che elicotteri dell’aeronautica israeliana hanno attaccato obiettivi di terra venerdì, 40 km a sud ovest di Damasco. Gli attacchi missilistici sono stati effettuati dalle alture del Golan occupate contro un certo numero di posizioni dell’esercito siriano nella provincia di El Quneitra. Non ci sono informazioni sui morti, viene fatto solo un danno materiale. Sham FM ha riferito che cinque missili sono stati lanciati sul territorio siriano. Il servizio stampa delle forze di difesa israeliane ha rifiutato di commentare gli attacchi missilistici israeliani nella provincia di Al Quneitra, ha riferito TASS.

Il rappresentante ufficiale del comandante in capo dell’esercito iracheno, il generale Abdel Karim Khalaf, ha dichiarato che a giugno gli Stati Uniti e l’Iraq discuteranno un programma per il completo ritiro delle truppe statunitensi dal territorio iracheno. Le parole del generale sono citate dal portale di notizie iracheno Bagdad Al Yaum. La decisione di condurre i negoziati è stata presa «sulla base della decisione del parlamento del paese sulla necessità della completa evacuazione delle truppe straniere dall’Iraq». Il generale ha sottolineato che anche dopo il ritiro delle truppe americane, «la cooperazione tra Iraq e Stati Uniti nel campo della sicurezza continuerà».

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu in una riunione del consiglio del dipartimento ha affermato che gli specialisti militari russi in materia di radiazioni, protezione chimica e biologica stanno aiutando a combattere la diffusione del coronavirus in 111 città in Italia e Serbia. «In totale, il distaccamento combinato russo operante nella Repubblica di Serbia ha svolto una serie di attività in 28 città, in Italia, nella provincia di Lombardia, in 83 insediamenti», ha detto Shoigu. Inoltre, medici militari e specialisti in radioprotezione, protezione chimica e biologica hanno completato il loro lavoro in Bosnia Erzegovina.

Il portavoce dell’esercito nazionale libico, il maggiore generale Ahmed al-Mismari, ha affermato che «in risposta alla chiamata dei paesi amici, il comando generale» del maresciallo dell’esercito nazionale libico Khalifa Haftar cessa le ostilità nel paese, ma si riserva il diritto di rispondere agli attacchi. Le parole di al-Mismari sono citate da Al Hadath. Ha anche detto che presto l’esercito nazionale libico svelerà la mappa stradale per il periodo di transizione nel paese. «Entro pochi giorni, verrà annunciata una tabella di marcia per il periodo di transizione, che sarà guidata dal maresciallo di campo Haftar. Include anche l’adozione di una nuova dichiarazione costituzionale», ha detto al-Mismari. In precedenza, l’esercito nazionale libico ha annunciato che prende il controllo dello stato. Questa decisione è stata accettata negativamente dalla maggior parte degli stati.
Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на вечер 28 октября 2020 года Влад Николаев Минобороны Азербайджана сообщило, что режим прекращения огня не соблюдается. «В течение дня 27 октября и в ночь на 28 октября подразделения вооруженных сил Армении, не соблюдающие режим гуманитарного прекращения огня, […] Новости на 16:00 28 октября 2020 года Влад Николаев Единый армянский информцентр при Кабмине Армении сообщил об обстреле из РСЗО «Смерч» со стороны ВС Азербайджана города Шуши в Нагорном Карабахе. Госслужба по чрезвычайным ситуациям непризнанной Нагорно-Карабахской […] Новости на 12:00 28 октября 2020 года Влад Николаев Госслужба по чрезвычайным ситуациям непризнанной Нагорно-Карабахской республики сообщила в Facebook об обстреле города Шуши со стороны ВС Азербайджана. Сообщается, что пострадавших нет. Также отмечается, что в ночь на 28 […] Главное на утро 28 октября 2020 года Влад Николаев Минобороны Азербайджана сообщило, что режим прекращения огня не соблюдается. «В течение дня 27 октября и в ночь на 28 октября подразделения вооруженных сил Армении, не соблюдающие режим гуманитарного прекращения огня, […] Главное на вечер 27 октября 2020 года Влад Николаев Минобороны Азербайджана заявило, что в понедельник и в ночь на вторник ВС Армении подвергли обстрелу «позиции подразделений азербайджанской армии на разных направлениях фронта и населенные пункты вблизи прифронтовой […] Nagorno-Karabakh. Combat drone attack Александра Донцова 1 Nagorno-Karabakh The Azerbaijani Defense Ministry reported that «on 26th and 27th of October, the Armenian troops fired on the positions of the Azerbaijani troops in different parts of the frontline. The settlements […]
Наверх Наверх