Gli Stati Uniti invitano il Venezuela a non pagare i debiti alla Russia

  
0

Il produttore della BBC Riam Dalati, che lavora in Siria, ha citato le prove che il video di un ospedale della Duma siriana con le vittime di un presunto attacco chimico nell’aprile 2018 è stato fabbricato. «L’attacco è stato, ma il sarin non è stato usato. Dovremo aspettare l’OPCW per provare se è stato usato il cloro o qualcos’altro. Ma tutto il resto dell’attacco è stato fabbricato per ottenere il massimo effetto «, ha twittato. «Dopo quasi sei mesi di indagini, posso confermare senza ombra di dubbio che le scene nell’ospedale di Duma sono state organizzate, non ci sono state vittime nell’ospedale», ha aggiunto. Il 7 aprile 2018, l’opposizione armata siriana ha annunciato il possibile uso di gas tossico da parte delle forze governative nella città siriana di Duma contro militanti e civili, dopo di che il 14 aprile gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia hanno attaccato strutture in Siria che sarebbero state associate alla produzione e allo stoccaggio di armi chimiche.

Un gruppo di senatori statunitensi ha presentato oggi un disegno di legge che prevede, tra l’altro, l’introduzione di ulteriori sanzioni contro la Russia in risposta all ‘»interferenza russa nel lavoro delle istituzioni democratiche all’estero», così come l’incidente nello stretto di Kerch, secondo Interfax. In particolare, si propone di introdurre sanzioni contro «le banche russe che sostengono gli sforzi della Russia per indebolire le istituzioni democratiche in altri paesi», nonché le sanzioni volte ad investire in progetti russi di GNL al di fuori della Russia e nel settore della costruzione navale. Il disegno di legge prevede anche sanzioni relative al debito sovrano russo. Inoltre, i senatori ritengono necessario «chiedere al Dipartimento di Stato di stabilire se la Russia soddisfi i criteri che gli consentono di essere considerato un» paese sponsor del terrorismo».Inoltre, i senatori sollecitano l’amministrazione statunitense a preparare un rapporto sui beni del presidente russo e di Boris Nemtsov.

L’esplosione nel sud-est dell’Iran ha ucciso 41 persone, tra cui membri del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche, hanno riferito le agenzie di stampa. «Il numero delle vittime ha raggiunto 41, inclusi membri dell’IRGC e civili», riferisce Fars. È stato riferito che l’esplosione è stata organizzata da un kamikaze che ha fatto schiantare un’auto carica di esplosivo su un autobus con personale militare. La responsabilità dell’attacco è stata rivendicata dal gruppo estremista Jaysh al-Adl, creato nel 2012 dagli ex membri di Jundullah, un’organizzazione ribelle dei Baluchi Sunniti. Secondo Teheran, il gruppo «Jundullah» è associato ai servizi speciali degli Stati Uniti e della Gran Bretagna.

Il portavoce presidenziale Dmitry Peskov ha dichiarato che le imminenti sanzioni statunitensi violano gravemente le regole del commercio internazionale e mirano a spodestare compagnie e banche russe nell’interesse degli affari americani. Secondo lui, misure volte a sconvolgere diversi progetti energetici della Federazione Russa, minando le attività delle banche russe con partecipazione statale — «questo non è altro che un tentativo di concorrenza sleale». «Riteniamo questo inaccettabile, riteniamo che tali azioni potrebbero potenzialmente andare contro le regole generalmente accettate del commercio internazionale e avere conseguenze molto dannose», ha affermato Peskov. Allo stesso tempo, ha osservato che il governo russo ha già adottato misure protettive efficaci contro l’imposizione di possibili restrizioni sanzionatorie da parte degli Stati Uniti.

Membro del Congresso degli Stati Uniti per gli affari esteri, Brad Sherman ha invitato le autorità statunitensi ad aiutare il Venezuela a non pagare «debiti criminali», con cui ha definito gli obblighi nei confronti della Russia, riferisce RIA Novosti. Alle audizioni alla Camera dei rappresentanti, Sherman ha chiesto al rappresentante speciale degli Stati Uniti per il Venezuela, Elliot Abrams, se i negoziati sul debito venezuelano con l’opposizione fossero detenuti, e se gli Stati Uniti fossero informati che i debiti non sarebbero stati restituiti. In risposta, Abrams ha detto che l’opposizione venezuelana dovrebbe prendere una decisione sui debiti russi da sola, come aveva promesso in precedenza di pagare «debiti legali». Ricordiamo, il rappresentante del «presidente» autoproclamato del Venezuela, Juan Guaydo Rodrigo Diamanti, ha detto prima che Caracas avrebbe pagato i debiti alla Russia solo se un leader dell’opposizione fosse salito al potere.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

«La guerre de visas» Александра Донцова 1.Syrie. La centrale hydroélectrique d’Al-Ba’ath, située dans le gouvernorat syrien de Raqqa, est en cours de restauration, a déclaré un officier du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en […] „Visakrieg“ Александра Донцова 1. Syrien In Nordsyrien, in der Provinz Raqqa, wird das strategisch wichtige Wasserkraftwerk Al- Baath restauriert. Dies wurde von einem Offizier des Zentrums für die Aussöhnung der Kriegsparteien der Russischen Föderation […] «La guerra dei visti» Александра Донцова 1. Siria Nel nord della Siria, nella provincia di Raqqa, viene ripristinata la centrale idroelettrica di importanza strategica di Al-Ba’ath. Lo ha affermato un ufficiale del Centro per la riconciliazione delle parti in […] Una “guerra de visados” Александра Донцова 1.Siria Vladimir Varnavsky, el oficial del Centro de reconciliación de las partes en conflicto de la Federación de Rusia, declaró que en el norte de Siria, en la provincia de Raqqa se estaba restableciendo una central […] »Visa war» Александра Донцова 1 Syria “The repair of the strategically important »Al-Ba’ath» hydroelectric power station, located in north of Syria, in the province of Raqqah, has begun” — Vladimir Barnavsky, an officer of the […] Fake dans un article de The New York Times Александра Донцова 1 Russie Lundi, le porte-parole de la Défense russe, général-major Igor Konachenkov a déclaré que l’information sur le bombardement d’un camp de réfugiés en Syrie par l’aviation russe en août 2019, publiée par The New York […] Fälschung im Artikel von The New York Times Александра Донцова 1. Russland Der Sprecher des russischen Verteidigungsministeriums, Generalmajor Igor Konaschenkow, sagte am Montag, dass die Informationen über die Bombardierung des syrischen Flüchtlingslagers durch die Luft- und […] Articolo falso sul New York Times Александра Донцова 1.Russia Il portavoce del generale di difesa russo Igor Konashenkov ha dichiarato lunedì che le informazioni sui bombardamenti del campo profughi siriano in Siria nell’agosto 2019, che sono state pubblicate sul New York […] Un engaño en el artículo de The New York Times Александра Донцова 1.Rusia El lunes Igor Konashenkov, el representante oficial del Ministerio de Defensa de la Federación de Rusia, General de División, declaró que la información sobre el bombardeo del campo de refugiados en Siria de la Fuerza […]
Наверх Наверх