Gli Stati Uniti non hanno prove di una violazione dell`INF da parte della Russia

  
0

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto che le truppe americane si ritirerebbero dall’Afghanistan se fossero stati raggiunti gli accordi di pace, riferisce RIA Novosti. Il 27 gennaio, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha affermato che Washington era seriamente intenzionata a ritirare le truppe dall’Afghanistan. Il fatto che gli Stati Uniti stiano preparando un piano per il ritiro delle unità militari dall’Afghanistan è stato segnalato a dicembre. La Casa Bianca ha negato questo, ma in seguito sono apparsi nuovi dettagli di questo piano.

Il rappresentante speciale del Dipartimento di Stato americano per la Corea del Nord, Stephen Beagan, ha invitato la Corea del Nord a fornire una «dichiarazione completa» sui programmi nucleari e missilistici, poiché sono solo poche settimane prima della seconda riunione dei leader dei due paesi, ha riferito Interfax. «Prima che il processo di denuclearizzazione possa essere definitivo, dobbiamo ottenere un’idea precisa del volume completo delle armi di distruzione di massa e dei missili della Corea del Nord attraverso una dichiarazione completa», ha affermato Bigan. Ha anche osservato che prima del secondo vertice USA-Corea del Nord si terranno negoziati a livello operativo, in cui si prevede di elaborare una tabella di marcia dei negoziati e una dichiarazione sui progressi.

Durante il prossimo round di negoziati, la Cina e gli Stati Uniti hanno concordato di ridurre lo squilibrio nel commercio, secondo le agenzie di stampa. La delegazione cinese ha detto che Pechino intende «aumentare attivamente la dinamica delle crescenti importazioni di prodotti agricoli, risorse energetiche, beni industriali e servizi americani», riferisce RIA Novosti con riferimento a Xinhua. La parte cinese ha dichiarato di aver raggiunto «importanti progressi». Negoziati sono chiamati «onesti, sostanziali e fruttuosi». Particolare attenzione è stata dedicata alla protezione dei diritti di proprietà intellettuale e al trasferimento di tecnologia. In precedenza, il presidente degli Stati Uniti Trump ha affermato che se i negoziati con Pechino prima del 1 ° marzo non portano ad un risultato soddisfacente, gli Stati Uniti introdurranno nuovi doveri nei confronti della Cina.

Washington ha detto agli alleati che la Russia avrebbe piazzato un numero aggiuntivo di missili 9M729, che, secondo la parte americana, avrebbe violato il Trattato sull’eliminazione dei missili a raggio intermedio e a raggio più corto (INF), scrive The Wall Street Journal. La fonte ha detto che «gli Stati Uniti hanno recentemente informato gli alleati occidentali che la Russia ha finora schierato quattro divisioni di 9729 missili da crociera». L’articolo dice che tre mesi fa negli Stati Uniti ha annunciato tre di queste divisioni. Secondo la fonte, «in totale, secondo quanto riferito, la Russia ha quasi 100 di questi missili, inclusi quelli di riserva», riferisce TASS. Il viceministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov ha dichiarato che Mosca non ha ricevuto alcuna prova dagli Stati Uniti secondo cui avrebbe violato il trattato INF, ma Washington continua ad aderire alla sua posizione e si sta muovendo verso una moratoria sull’adempimento di tutti i suoi obblighi.

I partner europei della compagnia petrolifera e del gas venezuelana PDVSA hanno sospeso gli acquisti di petrolio da esso dopo che gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni alla società, riferisce TASS, citando Reuters. Secondo lui, la decisione è stata presa sullo sfondo della possibile introduzione di sanzioni contro PDVSA da parte dell’Unione Europea. Giovedì, il capo della diplomazia dell’UE, Federica Mogherini, ha osservato che l’introduzione di misure restrittive è effettivamente possibile, ma saranno dirette contro «individui specifici che usano la violenza e demoliscono la democrazia». Nel Dipartimento del Tesoro, gli Stati Uniti hanno detto che potrebbe allentare le sanzioni contro PDVSA nel caso in cui il controllo fosse consegnato al leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaido, che si era dichiarato presidente ad interim.

 

главное за суткисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Des protestations de masse au coeur de Bagdad Александра Донцова 1 Irak La chaîne Al-Sumaria informe que des protestations contre la présence américaine se déroule en Irak. Selon la chaîne, la manifestation a commencé vendredi matin dans le district d’al-Jadriya au centre de Bagdad. Les […] Massenprotest im Zentrum von Bagdad Александра Донцова 1. Irak Der Fernsehsender Al-Sumaria berichtete über eine Demonstration gegen die US-Präsenz, die in der irakischen Hauptstadt stattfand. Nach Angaben des Fernsehsenders begann eine Großdemonstration am Freitagmorgen im […] Protesta di massa nel centro di Baghdad Александра Донцова 1. Iraq Il canale di Al-Sumaria riferisce di una manifestazione nella capitale irachena contro la presenza americana. Secondo il canale, una grande manifestazione è iniziata venerdì mattina nel distretto di Al-Jadriah, nel […] Una protesta masiva en el centro de Bagdad Александра Донцова 1.Iraq El canal de televisión Al-Sumaria informa que una protesta masiva contra la presencia estadounidense comenzó el viernes por la mañana en la región de al-Jadriya, en el centro de Bagdad, la capital de Iraq. Los […] A mass protest in the center of Baghdad Александра Донцова 1 Iraq The »Al-Sumaria» TV channel reported about a demonstration in the Iraqi capital, aimed against the US presence. According to the ‘Al-Sumaria’ — a big demonstration began on Friday morning, […] Des radicaux ont attaqué les positions des troupes syriennes Александра Донцова 1 Syrie Mercredi, au cours d’un briefing, le chef du Centre russe pour la réconciliation des parties en conflit en Syrie Iouri Borenkov a informé que « le 22 janvier les formations du groupe terroriste « Parti islamique du […] Kämpfer griffen die Stellungen der syrischen Truppen an Александра Донцова 1. Syrien Der Leiter des russischen Zentrums für die Aussöhnung der kriegführenden Parteien in Syrien, Juri Borenkow, sagte am Mittwoch auf einer Pressekonferenz, dass die Islamische Turkestan-Partei (in der Russischen […] I militanti hanno attaccato le posizioni delle truppe siriane Александра Донцова Il capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, Yuri Borenkov, ha dichiarato mercoledì durante un briefing che «il 22 gennaio, la formazione del Partito Islamico del Turkestan […] Los rebeldes atacaron las posiciones de las tropas sirias Александра Донцова 1.Siria Yuri Borenkov, el Jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que el 22 de enero las formaciones del “Partido Islámico de Turquestán” (la agrupación terrorista que está […]
Наверх Наверх