Guaydo chiede all’UE di imporre sanzioni a Maduro

  
0

La Corte Suprema del Venezuela ha annunciato il divieto di lasciare il leader dell’opposizione di paese Juan Guaido, riferisce «Interfax». La corte ha anche bloccato i suoi conti e ha vietato qualsiasi transazione con la proprietà di Guaido. Ricordiamo che la scorsa settimana, Juan Guayido, durante una protesta contro il governo, si è dichiarato presidente ad interim del paese. Gli Stati Uniti e alcuni dei loro alleati hanno riconosciuto il leader dell’opposizione come il leader legittimo del Venezuela. In questo contesto, un gruppo di militari che aveva precedentemente abbandonato l’esercito venezuelano, attraverso la CNN, ha fatto appello alle autorità statunitensi per fornire loro armi e attrezzature per combattere le attuali autorità del paese. Tutti i disertori, ha detto il canale, al momento «vivono fuori dal loro paese».

Il leader della maggioranza al Senato degli Stati Uniti, Mitch McConnell, ha in programma di modificare il disegno di legge sul Medio Oriente, che è diretto contro il «ritiro affrettato» delle truppe dalla Siria, riferisce Interfax con riferimento alla CNN. «Riconosce il pericolo di una frettolosa uscita da qualsiasi conflitto e sottolinea la necessità di partecipazione diplomatica e soluzioni politiche ai conflitti indigeni in Siria e in Afghanistan», ha detto McConnell. Ha aggiunto che il suo emendamento «riconosce un fatto ovvio» che Al-Qaida, l’ISIS (le organizzazioni terroristiche illecite nella Federazione Russa) e le loro affiliate rappresentano ancora «una seria minaccia» per gli Stati Uniti. «Il mio emendamento richiederà anche un sostegno continuo da parte delle forze armate statunitensi e dei nostri partner fino a quando non creeremo le condizioni per la sconfitta duratura dei terroristi», ha affermato il senatore. A sua volta, il senatore John Kennedy propose un emendamento che avrebbe permesso a Trump di usare l’esercito americano per proteggere i curdi in Siria.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha approvato la vendita in Giappone di due serie del sistema PROAegis del valore di oltre $ 2 miliardi, riferisce RIA Novosti, citando una dichiarazione dell’Agenzia per la difesa e la sicurezza del Pentagono. «La vendita proposta fornirà al governo giapponese capacità ampliate contro minacce sempre più complesse dai missili balistici e creerà una difesa potenziata e multilivello del suo territorio. Il Giappone, che ha già Aegis, non avrà difficoltà ad adottare questo sistema nelle sue forze armate «, ha detto l’agenzia. Si noti che in questo modo gli Stati Uniti aumenteranno la sicurezza di un alleato, che è il principale per la stabilità politica nella regione Asia-Pacifico, che è «vitale» per gli interessi nazionali degli Stati Uniti, ha sottolineato l’agenzia.

Il leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaido ha invitato l’UE e la Germania a imporre sanzioni al governo del presidente Nicolas Maduro, seguendo l’esempio degli Stati Uniti. Ha fatto la dichiarazione corrispondente in un’intervista con il quotidiano Bild, pubblicato mercoledì. «Abbiamo bisogno di nuove sanzioni da parte dell’UE», ha detto Guaydo. «Siamo già grati alla Germania e all’Europa per aver sostenuto gli attivisti che sono stati costretti a fuggire, speriamo che l’UE non minacci solo l’ultimatum di Maduro e prenda le misure più tardi», ha detto.

Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

La explosión de la columna turca en Idlib Александра Донцова 1.Siria. Oleg Zhuravlev, el Jefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Al-Islamad-Turquestani” (la agrupación que está prohibida en la Federación de Rusia) habían […] L’explosion d’un dispositif contre un convoi à Idlib. Александра Донцова 1.Syrie Le contre-amiral Oleg Zhuravlev, chef du Centre russe pour la réconciliation des parties belligérantes en Syrie, a déclaré que des radicaux du groupe Al-Islamad-Turkestani (interdit en Russie) ont effectué le 27 mai […] Die Explosion der türkischen Kolonne in Idlib Александра Донцова 1. Syrien Konteradmiral Oleg Shurawljow, Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, sagte, dass die Explosion einer unkonventionellen Sprengvorrichtung in Idlib von Kämpfern der […] L’esplosione della colonna turca a Idlib Александра Донцова 1. Siria Il contrammiraglio Oleg Zhuravlev, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti del gruppo Al-Islamad-Turkestani (bandito nella Federazione Russa) hanno […] An attack on a Turkish convoy in Idlib Александра Донцова 1 Syria The head of the Russian Center for the Reconciliation of the warring parties in Syria, Rear Admiral Oleg Zhuravlev, announced that the terrorist group ‘Al-Islamad-Turkestani’ made an explosion with an […] Syrie. Une attaque contre les militaires américains Александра Донцова 1 Syrie L’agence syrienne d’Etat SANA citant des sources locales informe que les Etats-Unis ont envoyé le matériel militaire additionnel au nord-est du gouvernorat d’Hassaké. Le matériel sera utilisé pour renforcer les bases […] Syrien. Angriff auf US-Militär Александра Донцова 1. Syrien Die staatliche syrische Nachrichtenagentur SANA berichtete unter Berufung auf lokale Quellen, dass die Vereinigten Staaten zusätzliche militärische Ausrüstung in den Nordosten der Provinz Hasek geschickt hätten. […] Siria. Attacco a militari di USA Александра Донцова 1. Siria L’agenzia governativa siriana SANA, citando fonti locali, ha riferito che gli Stati Uniti hanno inviato ulteriori attrezzature militari nel nord-est della provincia di Hasek. Questa tecnica verrà utilizzata per […] Syria. An attack on the US forces Александра Донцова 1 Syria The Syrian state-run news agency ‘SANA’ reports, while citing the local sources, that the USA sent additional military equipment to the north-east of the province of Hasakah. The military equipment will be […]
Наверх Наверх