Guerra in Libia || Riassunto delle notizie, il 22 aprile 2019

  
0

In Libia, i combattimenti continuano. Il primo ministro libico Faiz Saraj ha condannato il «silenzio» degli alleati internazionali sullo sfondo dell’attacco alla capitale di Tripoli da parte di truppe «ribelli» guidate dal generale Khalifa Hoftar, sostenuto dalla Russia. A proposito di questo servizio scrive BBC. Il rifiuto degli alleati di sostenere un governo riconosciuto a livello internazionale a Tripoli potrebbe portare i militanti dell’ISIS a guadagnare terreno in Libia, dice Saraj. Il primo ministro libico ha lamentato l’impotenza del Consiglio di sicurezza dell’ONU, dove la Russia appoggia Haftar, ha detto, inoltre l’amministrazione Saraj ha accusato la Francia di sostenere Haftar, minacciando di violare «accordi bilaterali di sicurezza» con Parigi. Il primo ministro libico afferma che Haftar deve essere ritenuto responsabile della «barbarie e barbarie» delle sue truppe. Un mandato di arresto è stato emesso per il generale.

Washington non prevede di intervenire per il cambio di potere in Iran, ma intende porre fine alle esenzioni dalle sanzioni per l’acquisto di petrolio iraniano, ha detto il Dipartimento di Stato. Secondo il Washington Post, lunedì, Pompeo annuncerà che «dal 2 maggio, il Dipartimento di Stato non estenderà più l’esenzione a nessun paese che attualmente sta importando petrolio iraniano». Il diplomatico durante un discorso ai giornalisti nel dipartimento di politica estera sottolinea che i paesi che importano petrolio iraniano dovrebbero interrompere completamente questa attività, altrimenti Washington imporrà sanzioni contro di loro, riferisce TASS.

Il presidente dell’Ucraina Petr Poroshenko ha detto che firmerà la legge sulla lingua di stato se il documento verrà adottato la settimana prossima dalla Verkhovna Rada. Ha assicurato che la sua «squadra difenderà la lingua ucraina». Come ha detto Poroshenko, se la Verkhovna Rada dell’Ucraina la prossima settimana passerà la legge, lo firmerà, riferisce RIA Novosti. Secondo questa legge, nel paese dovrebbe essere utilizzata solo la lingua ucraina e gli «ispettori linguistici» dovrebbero controllarne l’attuazione. L’adozione di questa legge priverà le lingue di protezione della lingua russa e di altre minoranze, previste dalla costituzione del paese, e priverà gli ucraini del diritto di occupare posizioni statali. Ricordiamo che l’inaugurazione di Vladimir Zelensky, che vince le elezioni presidenziali in Ucraina, dovrebbe avvenire prima del 3 giugno.

Se Ankara acquisisce il sistema di difesa aerea S-400 dalla Russia, Washington può continuare a imporre misure restrittive nei confronti della Turchia, ha detto il senatore democratico statunitense Bob Menendez. «Se il presidente Erdogan insiste sull’acquisto del sistema antimissile S-400 e sul completamento dell’acquisto e dell’installazione, le sanzioni saranno imposte sulla base del disegno di legge che ho originariamente introdotto. E non stiamo parlando del fatto che le sanzioni possono essere imposte — saranno obbligatorie. Non vogliamo questo, e abbiamo proposto altre opzioni per la Turchia. Il sistema S-400 è incompatibile con l’architettura della NATO «, ha detto RIA Novosti. Alla vigilia, Menendez ha presentato al Congresso la «Legge sulla cooperazione in materia di sicurezza ed energia nel Mediterraneo orientale». Uno dei punti della legge è il divieto del trasferimento di aerei F-35 ad Ankara, se la Turchia continua ad acquistare il S-400. Secondo il senatore, la Turchia deve fare una scelta definitiva — o rimanere un alleato della NATO, o prendere le distanze.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: