Guerra in Libia || Riassunto delle notizie, il 22 aprile 2019

  
0

In Libia, i combattimenti continuano. Il primo ministro libico Faiz Saraj ha condannato il «silenzio» degli alleati internazionali sullo sfondo dell’attacco alla capitale di Tripoli da parte di truppe «ribelli» guidate dal generale Khalifa Hoftar, sostenuto dalla Russia. A proposito di questo servizio scrive BBC. Il rifiuto degli alleati di sostenere un governo riconosciuto a livello internazionale a Tripoli potrebbe portare i militanti dell’ISIS a guadagnare terreno in Libia, dice Saraj. Il primo ministro libico ha lamentato l’impotenza del Consiglio di sicurezza dell’ONU, dove la Russia appoggia Haftar, ha detto, inoltre l’amministrazione Saraj ha accusato la Francia di sostenere Haftar, minacciando di violare «accordi bilaterali di sicurezza» con Parigi. Il primo ministro libico afferma che Haftar deve essere ritenuto responsabile della «barbarie e barbarie» delle sue truppe. Un mandato di arresto è stato emesso per il generale.

Washington non prevede di intervenire per il cambio di potere in Iran, ma intende porre fine alle esenzioni dalle sanzioni per l’acquisto di petrolio iraniano, ha detto il Dipartimento di Stato. Secondo il Washington Post, lunedì, Pompeo annuncerà che «dal 2 maggio, il Dipartimento di Stato non estenderà più l’esenzione a nessun paese che attualmente sta importando petrolio iraniano». Il diplomatico durante un discorso ai giornalisti nel dipartimento di politica estera sottolinea che i paesi che importano petrolio iraniano dovrebbero interrompere completamente questa attività, altrimenti Washington imporrà sanzioni contro di loro, riferisce TASS.

Il presidente dell’Ucraina Petr Poroshenko ha detto che firmerà la legge sulla lingua di stato se il documento verrà adottato la settimana prossima dalla Verkhovna Rada. Ha assicurato che la sua «squadra difenderà la lingua ucraina». Come ha detto Poroshenko, se la Verkhovna Rada dell’Ucraina la prossima settimana passerà la legge, lo firmerà, riferisce RIA Novosti. Secondo questa legge, nel paese dovrebbe essere utilizzata solo la lingua ucraina e gli «ispettori linguistici» dovrebbero controllarne l’attuazione. L’adozione di questa legge priverà le lingue di protezione della lingua russa e di altre minoranze, previste dalla costituzione del paese, e priverà gli ucraini del diritto di occupare posizioni statali. Ricordiamo che l’inaugurazione di Vladimir Zelensky, che vince le elezioni presidenziali in Ucraina, dovrebbe avvenire prima del 3 giugno.

Se Ankara acquisisce il sistema di difesa aerea S-400 dalla Russia, Washington può continuare a imporre misure restrittive nei confronti della Turchia, ha detto il senatore democratico statunitense Bob Menendez. «Se il presidente Erdogan insiste sull’acquisto del sistema antimissile S-400 e sul completamento dell’acquisto e dell’installazione, le sanzioni saranno imposte sulla base del disegno di legge che ho originariamente introdotto. E non stiamo parlando del fatto che le sanzioni possono essere imposte — saranno obbligatorie. Non vogliamo questo, e abbiamo proposto altre opzioni per la Turchia. Il sistema S-400 è incompatibile con l’architettura della NATO «, ha detto RIA Novosti. Alla vigilia, Menendez ha presentato al Congresso la «Legge sulla cooperazione in materia di sicurezza ed energia nel Mediterraneo orientale». Uno dei punti della legge è il divieto del trasferimento di aerei F-35 ad Ankara, se la Turchia continua ad acquistare il S-400. Secondo il senatore, la Turchia deve fare una scelta definitiva — o rimanere un alleato della NATO, o prendere le distanze.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Turkey will ensure the security of the Kabul airport after the withdrawal of US troops Александра Донцова This is a special program from the ANNA NEWS. I am Constantine Reztsov. Recently it became known who will be responsible for the ensuring of the security of the Kabul airport after the pulling of the US troops from […] Израиль атаковал военные объекты ХАМАС || Итоги недели 19.06.21 Влад Николаев В российском Центре по примирению враждующих сторон в Сирии сообщили, что боевики запрещенной в РФ террористической группировки «Хайят Тахрир Аш-Шам» планируют инсценировать химическую атаку в Идлибе и обвинить […] Israel atacó las instalaciones militares de HAMAS Александра Донцова El Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir Al-Sham”, (la agrupación terrorista que está prohibida en la Federación de Rusia), tenían intenciones de […] Israel attacked Hamas military targets Александра Донцова The Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria reported that the terrorists of the ’Hayat Tahrir Al-Sham’ group are planning to fake a chemical attack in Idlib, and accuse the Syrian government […] Idlib was attacked with MLRS Александра Донцова 1 Syria Terrorists from the south of Idlib shelled the village of Jurin in the province of Hama. The village is under protection of the government troops. The Syrian mass media reported that the terrorists used MRLS. There […] Идлиб обстрелян из РСЗО || Итоги дня 18.06.2021 Влад Николаев Боевики, которые базируются на юге Идлиба, обстреляли посёлок Джурин в провинции Хама. Поселок находится под защитой правительственных войск. Сирийские СМИ сообщают, что огонь велся из реактивных систем залпового огня. […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: