I terroristi hanno catturato Neyrab

  
0

1. Siria.
Il portale di notizie Al-Masdar ha dichiarato che dopo feroci battaglie con gruppi di opposizione armata, l’esercito siriano è stato costretto a ritirarsi dalla città di Neyrab nella provincia di Idlib per motivi tattici. Con il sostegno dell’artiglieria e dei carri armati turchi, le bande hanno preso d’assalto le linee difensive delle forze governative tre volte. Nel respingere gli attacchi, le truppe siriane hanno ucciso oltre 150 combattenti dell’opposizione armata. Anadolu aveva precedentemente riferito la cattura di Neyrab, che si trova a ovest di Sarakib. Secondo lui, i gruppi di opposizione controllano pienamente questa città. Il comando militare siriano non ha ancora confermato i rapporti sulla perdita di Neyrab.

2.Russia
Il ministero della Difesa russo ha negato un rapporto diffuso nel Regno Unito dal cosiddetto Osservatorio siriano per i diritti umani su presunti attacchi aerei da parte delle forze aerospaziali russe sugli insediamenti di Kansafra e Al-Bara nella provincia siriana di Idlib lunedì. Questo messaggio è «falso». «Il 24 febbraio 2020, gli aeroplani delle forze aerospaziali russe non hanno effettuato missioni di combattimento nelle aree indicate», riferisce il Ministero della Difesa. Il ministero della difesa ha sottolineato che le informazioni delle ONG britanniche sono un «incorporamento deliberato informativo».

3. Turchia.
Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan in una conferenza stampa martedì ha annunciato che si aspetta di incontrare faccia a faccia il presidente russo Vladimir Putin il 5 marzo durante il vertice a quattro sulla Siria. «Avremo l’opportunità di andare oltre le conversazioni telefoniche e parlare faccia a faccia», ha detto. Erdogan ha anche affermato che una delegazione russa dovrebbe arrivare domani in Turchia mercoledì per discutere della situazione a Idlib. Il presidente turco ha sottolineato che Ankara ha sviluppato la sua tabella di marcia per risolvere la situazione in Idlib e «continua a discuterne con la Russia».

4. Russia.
Il segretario stampa del presidente della Federazione russa Dmitry Peskov ha affermato che si sta esplorando la possibilità di incontrare la Federazione russa, la Turchia e l’Iran sulla Siria in un formato multilaterale. Non stiamo parlando di contatti bilaterali. «Ora stiamo coordinando i programmi dei presidenti», ha detto Peskov. Ha aggiunto che questo non è un formato che coinvolge Francia e Germania. Un portavoce del presidente russo ha dichiarato che l’opzione iraniana è in fase di elaborazione.

5. Svizzera.
Il ministro degli Esteri Sergei Lavrov alla 43a sessione del Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani ha dichiarato martedì che parlare della possibile conclusione di un accordo di armistizio con i terroristi a Idlib è una resa per loro e un incoraggiamento per le loro attività. Ha affermato che la comunità internazionale e l’HRC sono obbligati a bloccare il percorso degli estremisti che hanno alzato la testa, poiché oggi la posizione di alcuni colleghi «è dominata dal desiderio di giustificare le atrocità dei gruppi radicali e terroristici».

6. Svizzera.
Gli Stati Uniti non hanno ancora risposto alla proposta RF di estendere il Trattato di riduzione delle armi offensive strategiche (START) senza condizioni preliminari. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov alla Conferenza sul disarmo a Ginevra. Ha sottolineato che la mancanza di certezza riguardo al destino del documento era preoccupante. Lavrov ha anche osservato che l’estensione del trattato sarebbe un passo ragionevole che impedirebbe il degrado della situazione nel campo della stabilità strategica ed eviterebbe il completo collasso del controllo e dei meccanismi di limitazione nella sfera dei missili nucleari.
Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Explosion an der syrisch-israelischen Grenze Александра Донцова Die libanesische Nachrichtenagentur NNA berichtete, dass in den Golanhöhen nahe der syrisch-israelischen Grenze eine gewaltige Explosion stattgefunden habe. „Die Bewohner einiger Siedlungen im Distrikt Marjayoun (Südlibanon) […] Esplosione al confine siro-israeliano Александра Донцова L’agenzia nazionale libanese NNA ha riferito che una potente esplosione è avvenuta sulle alture del Golan vicino al confine siro-israeliano. «I residenti di alcuni insediamenti nel distretto di Marjayoun (Libano […] La explosión en la frontera entre Siria e Israel Александра Донцова La agencia nacional libanesa NNA informó que se había producido una explosión en las Alturas del Golán, cerca de la frontera entre Siria e Israel. Los residentes de los lugares ponblados situados en el distrito de Marjayoun […] Explosion à la frontière israélo-syrienne Александра Донцова Une puissante explosion s’est produite sur le plateau du Golan, près de la frontière syro-israélienne, selon l’agence nationale libanaise NNA. «Les habitants de certaines colonies du district de Marjayoun (sud du […] An explosion on the Syrian-Israeli border Александра Донцова The Lebanese national news agency »NNA» reported that a strong explosion took place in the Golan Heights, near the Syrian-Israeli border. «Residents of some settlements in the Marjayoun district, in south of […] Proteste in Syrien gegen türkische Präsenz Александра Донцова 1. Syrien Syrische Medien berichteten, dass in mehreren Provinzen Syriens Proteste gegen die türkische Militärpräsenz im Land stattgefunden hätten. Einwohner der Provinz Idlib versammelten sich an den Beobachtungsposten der […]
Наверх Наверх