Idlib sotto bombardamenti

  
0

1.

Siria

Il contrammiraglio Alexander Shcherbitsky, capo del Centro russo per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, ha affermato che il gruppo terroristico Jebhat al-Nusra, bandito in Russia, ha sparato contro diversi villaggi nella provincia siriana di Idlib. «È stato registrato un bombardamento dell’insediamento di Khas, un bombardamento dell’insediamento di Kafer-Nebel nella provincia di Idlib dalle posizioni dell’organizzazione terroristica di Jebhat al-Nusra», ha detto Shcherbitsky.

2.

Siria

Il ministero degli Esteri russo ha riferito che il vice ministro degli Esteri Sergei Vershinin e l’inviato speciale del Segretario di Stato americano per la Siria James Jeffrey hanno discusso giovedì di un accordo politico in Siria al telefono. «È stata discussa la situazione sul campo, compresi i compiti di assicurare la stabilizzazione a Idlib, oltre Eufrate e nel sud del paese», ha affermato il ministero degli Esteri. «Le questioni relative all’avanzamento del processo di risoluzione politica della crisi siriana conformemente alla risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza dell’ONU, che prevede l’impegno per la sovranità, l’indipendenza, l’unità e l’integrità territoriale della RAS, sono state esaminate in dettaglio», ha affermato il ministero degli Esteri russo.

3.

USA-Libia

Durante il briefing, il segretario di Stato aggiunto per gli affari del Medio Oriente americano David Schenker ha affermato che gli Stati Uniti valutano positivamente alcune delle misure proposte per superare la crisi in Libia dall’iniziativa del Cairo, ma considerano il processo di pace sponsorizzato dall’ONU e il proseguimento della conferenza di Berlino come il modo più produttivo per risolvere la crisi. Schenker ha anche affermato che la ragione dell ‘»intervento turco» in Libia è stata la «presenza russa» in questo paese. Le parole di Schenker passano il servizio stampa del Dipartimento di Stato americano. «Consideriamo il continuo intervento di attori stranieri come una sfida agli interessi statunitensi e alla stabilità regionale nel Mediterraneo orientale, nonché una tragedia per il popolo libico. I libici vogliono la pace e la fine dell’intervento straniero», ha aggiunto Schenker. Secondo lui, gli Stati Uniti «continuano a chiedere la riduzione, un cessate il fuoco e un ritorno ai negoziati politici». Le autorità della Federazione Russa in precedenza avevano ripetutamente negato le accuse di una presenza militare russa in Libia.

4.

Afghanistan

La televisione TOLOnews, citando il ministero degli Affari interni afgano, ha affermato che il dispositivo esplosivo improvvisato è scattato alla moschea Sher Shah Suri nella parte occidentale di Kabul. L’esplosione ha ucciso quattro persone, incluso l’imam. Reuters riporta un gran numero di vittime.

5.

Afghanistan

Mohammad Sohail Shahin, portavoce dell’ufficio politico del Qatar del movimento radicale talibano (bandito dalla Federazione Russa), ha annunciato su Twitter il rilascio di 76 truppe e polizia afghane precedentemente catturate. «Oggi sono stati rilasciati 46 soldati e poliziotti legati all’amministrazione di Kabul. Inoltre, 30 soldati appartenenti all’amministrazione e recentemente detenuti a Ghazni sono stati rilasciati come gesto di buona volontà», ha detto Shahin. Giovedì, il presidente afghano Ashraf Ghani ha annunciato l’annuncio la prossima settimana di nuovi passi verso un accordo inter-afgano. Zalmay Khalilzad, rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Afghanistan, ha affermato che l’amministrazione statunitense sta chiedendo alle autorità afghane e al movimento radicale talibano (bandito dalla Federazione Russa) di completare lo scambio di prigionieri e di avviare i negoziati di pace il più presto possibile. A suo avviso, l’inizio dei negoziati tra gli afghani è «più vicino che mai». «Tutte le parti devono lavorare per arrivare al tavolo dei negoziati il ​​più presto possibile, per impedire agli oppositori di minare il processo e tradire le speranze del popolo afghano e il loro desiderio di pace», ha detto il diplomatico.

6.

USA-Iraq

Una dichiarazione congiunta degli Stati Uniti e dell’Iraq sull’esito dei negoziati nell’ambito del dialogo strategico tra loro giovedì ha affermato che gli Stati Uniti continueranno a ridurre la loro presenza militare in Iraq nei prossimi mesi e discuteranno con Baghdad lo status delle restanti truppe statunitensi nel paese. Il documento è stato distribuito dal servizio stampa del Dipartimento di Stato. «Gli Stati Uniti hanno ribadito che non cercano una presenza militare permanente in Iraq e non richiedono basi permanenti [militari]», afferma la dichiarazione. I negoziati si sono svolti in modalità videoconferenza. La delegazione americana era guidata dal sottosegretario di Stato agli affari politici David Hale.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Terroristische Provokationen in Idlib Александра Донцова Konteradmiral Alexander Grinkewitsch, stellvertretender Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, gab bekannt, dass Kämpfer der in der Russischen Föderation verbotenen Terroristengruppe […] Provocazioni militanti a Idlib Александра Донцова Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, ha annunciato che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, bandito nella […] Las provocaciones de los rebeldes en Idlib Александра Донцова Alexander Grinkevich, el subjefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir al-Sham” (la organización terrorista que que está prohibida en la Federación de […] Terrorist provocations in Idlib Александра Донцова The deputy head of the Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria, Rear-Admiral Alexander Grinkevich, reported about a preparation of provocations, with the use of poisonous substances, in the south […] Итоги недели 26 сентября 2020 года Влад Николаев Заместитель руководителя российского Центра по примирению враждующих сторон в Сирии контр-адмирал Александр Гринкевич сообщил о подготовке боевиками запрещенной в РФ террористической группировки «Хайат Тахрир […] Crash d’avion dans le nord de l’Iran Александра Донцова 1.Etats-Unis S’exprimant lors du débat politique général de la 75e session de l’Assemblée générale des Nations Unies, le chef du gouvernement d’accord national libyen Fayez el-Sarraj a déclaré que les parties au […]
Наверх Наверх