In Idlib è stato scoperto un deposito nascosto di militanti

  
0

1. Siria

Nella provincia di Idlib, nelle vicinanze del villaggio di Khan es Sebil, l’esercito siriano ha scoperto una grande quantità di militanti con munizioni di fabbricazione straniera e ordigni esplosivi improvvisati. Sono state scoperte dozzine di bombe a mano, mine antiuomo prodotte negli Stati Uniti, detonatori, ordigni esplosivi improvvisati e bombe suicide. Il deposito è stato distrutto da un’esplosione controllata. Attualmente, i palaiuoli siriani, compresi quelli addestrati dai colleghi russi, stanno sgombrando il villaggio, che si trova vicino all’autostrada siriana M-5, che collega Damasco e Aleppo.

2. Siria

Il ministro turco della difesa nazionale Hulusi Akar ha dichiarato che le forze armate russe e turche hanno condotto una terza pattuglia congiunta a Idlib siriano. Il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra riferì che la pattuglia della sezione autostradale M-4 nella zona di de-escalation di Idlib che collegava le città di Aleppo e Latakia era controllata da veicoli aerei senza pilota delle forze aerospaziali russe. «Due BTR-80 e l’auto blindata Tigr sono stati coinvolti in pattuglie congiunte da parte russa», ha aggiunto il Centro. L’interazione tra le parti è stata effettuata attraverso il Centro comune di coordinamento.

3. Afghanistan

I talebani continueranno a combattere contro i funzionari di Kabul fino a quando i loro sostenitori non saranno rilasciati in conformità con i termini dell’accordo di pace tra Stati Uniti e talebani (illecito nella Federazione Russa). Lo ha affermato il rappresentante ufficiale dell’ufficio politico del movimento del Qatar, Mohammad Sohail Shahin, le cui parole sono citate dall’agenzia TASS. Il dialogo inizierà se verranno rilasciati 5.000 sostenitori talebani incarcerati, ha detto un portavoce.

4. Afghanistan

La stazione televisiva afgana Ariana News riferisce che le autorità afghane intendono rilasciare 100 prigionieri del movimento radicale talebano (illecito in Russia) dal carcere. Tra i talebani liberati non ci saranno 15 comandanti sul campo del movimento, il cui rilascio è principalmente insistito dai rappresentanti dei talebani. È stato riferito che il primo gruppo di radicali verrà rilasciato da una prigione situata nella città di Bagram.

5. Iran

Il ministro del petrolio iraniano Bijan Namdar Zangane, in una lettera al presidente della Conferenza OPEC, il ministro algerino del petrolio Mohammed Arkab, ha espresso l’opinione che i negoziati dei paesi OPEC + per ridurre la produzione di petrolio possano essere inutili, poiché i membri dell’OPEC non hanno ancora concordato i termini dell’accordo. «L’Iran si oppone all’organizzazione dell’incontro senza chiarire una serie di questioni», afferma la lettera. Il ministro del petrolio iraniano ha anche espresso insoddisfazione per il fatto che l’incontro è stato organizzato su iniziativa di «alcuni membri dell’OPEC, a seguito dei quali il mercato è arrivato a tale stato». I colloqui dell’OPEC + si terranno il 9 aprile nel formato di una videoconferenza. Una riunione di emergenza dei ministri dell’energia del G20 è prevista per il 10 aprile.

6. Armenia — Russia

Il Ministero della Difesa dell’Armenia ha riferito dell’arrivo di specialisti militari dalla Russia nel paese, che aiuteranno i colleghi armeni a combattere lo scoppio di un nuovo tipo di coronavirus. È stato riferito che gli specialisti russi sono dotati di un laboratorio mobile per studiare la malattia causata dal coronavirus. «Ciò consentirà di condurre adeguati lavori preventivi nelle forze armate dell’Armenia e nella 102a base militare russa», ha osservato il dipartimento della difesa dell’Armenia.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Proteste in Syrien gegen türkische Präsenz Александра Донцова 1. Syrien Syrische Medien berichteten, dass in mehreren Provinzen Syriens Proteste gegen die türkische Militärpräsenz im Land stattgefunden hätten. Einwohner der Provinz Idlib versammelten sich an den Beobachtungsposten der […] Proteste in Siria contro la presenza turca Александра Донцова 1. Siria I media siriani hanno riferito che le proteste contro la presenza militare turca nel paese si sono svolte in diverse province della Siria. I residenti della provincia di Idlib si sono riuniti presso i posti di […] Las protestas en Siria contra la presencia turca Александра Донцова 1.Siria Los medios sirios informaron que en varias provincias de Siria, incluso, Idlib, Hama y Alepo se habían realizado las protestas contra la presencia militar turca en el país. Varias decenas de personas participaron en […] Protests in Syria against the Turkish presence Александра Донцова 1 Syria The Syrian mass media reported about protests in several Syrian provinces against the Turkish military presence in Syria. The residents of the Idlib province gathered at the observation posts of the Turkish army with […] Главное на вечер 18 сентября 2020 года Влад Николаев Сирийские СМИ сообщили, что в нескольких провинциях Сирии прошли акции протеста против турецкого военного присутствия в стране. Жители провинции Идлиб собрались у наблюдательных пунктов турецкой армии с плакатами «Идлиб […] Новости на 16:00 18 сентября 2020 года Влад Николаев Президент Турции Реджеп Тайип Эрдоган заявил, что власти Турции огорчены планами главы Правительства национального согласия Ливии Фаиза Сарраджа уйти в отставку. Эрдоган также сообщил, что «на этой неделе могут пройти […]
Наверх Наверх