«Invasori turchi» in Libia

  
0

1.Libia

Khalifa Haftar, comandante dell’esercito nazionale libico, ha affermato che l’LNA non si ritirerà fino a quando tutti gli «invasori turchi» e i loro mercenari non saranno espulsi dalla Libia, secondo quanto riferito da Sky News Arabia. «L’aggressione della Turchia minaccia l’unità della Libia e la stabilità nella regione. Cerca di controllare le risorse e la ricchezza del nostro paese per far fronte alla sua crisi economica», ha detto Haftar. «Abbiamo risposto alle urgenti richieste della comunità internazionale di concordare un accordo politico, ma non consentiremo che questo periodo venga utilizzato per trasferire armi e mercenari in Libia», ha avvertito il feldmaresciallo. Ha anche sottolineato che l’LNA continuerà a «costruire le sue capacità» per proteggere i libici da questo invasione e terroristi.

2. Russia — Libia

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, a seguito di colloqui con i tre ministri degli Esteri dell’Unione Africana, ha dichiarato che l’esercito nazionale libico è ora pronto a firmare un documento sull’immediata cessazione delle ostilità, ma il PNS non vuole farlo, contando su una soluzione militare. Ha anche espresso rammarico per il fatto che tutte le parti dichiarino che non esiste una soluzione militare al conflitto libico «non si sta traducendo in questioni pratiche». Lavrov ha anche aggiunto che «i colleghi turchi stanno lavorando» con il governo di accordo nazionale per un cessate il fuoco. «Spero che saranno in grado di raggiungere l’unica soluzione giusta nelle condizioni attuali», ha detto Lavrov.

3. Siria — Iran

Al Mayadeen riferisce che il ministro della difesa siriano Ali Abdullah Ayyub e il capo di stato maggiore delle forze armate iraniane, Mohammad Bagheri, hanno firmato un «accordo di cooperazione militare globale». L’accordo, tra le altre cose, prevede il rafforzamento dei legami nella sfera militare, nella sfera della sicurezza e il rafforzamento del costante coordinamento tra le parti. Il capo dello stato maggiore delle forze armate iraniane ha dichiarato che l’Iran «rafforzerà i sistemi di difesa aerea siriani nel quadro dell’accordo firmato». Prima di firmare l’accordo, le parti hanno intrattenuto negoziati relativi alla situazione in Siria, nonché alla necessità di ritirare tutte le truppe straniere di stanza illegalmente sul territorio siriano.

4. Russia-Germania-Siria

Il ministero degli Esteri russo ha riferito che il ministro degli esteri russo Sergey Lavrov aveva discusso con il ministero degli Esteri tedesco, Heiko Maas, sulla fornitura di assistenza umanitaria ai cittadini siriani. Lavrov ha attirato l’attenzione di Maas sul fatto che tutte le operazioni umanitarie dovrebbero essere coordinate con Damasco. Lavrov ha anche sottolineato l’impatto negativo delle sanzioni dell’UE e degli USA imposte contro la Siria, che continuano a funzionare nonostante l’appello del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. «Gli interlocutori hanno espresso l’opinione che il processo politico di risoluzione della crisi siriana, guidato e attuato dagli stessi siriani con il sostegno delle Nazioni Unite basato sull’impegno sovranità, indipendenza, unità e integrità territoriale della Siria in conformità con la risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza dell’ONU «, ha dichiarato il ministero degli Esteri russo in una nota.

5. ONU — Siria

In una dichiarazione del rappresentante permanente della Federazione Russa alle Nazioni Unite, Vasily Nebenzya, a seguito di una votazione sull’estensione dell’aiuto umanitario transfrontaliero alla Siria, si dice che la Russia ritenga necessario ridurre gradualmente il meccanismo di aiuto transfrontaliero per la Siria. La Federazione Russa propone inoltre di adottare una risoluzione che prevede l’estensione delle forniture attraverso un solo checkpoint al confine con la Turchia. Nebenzya ha invitato i colleghi del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite «a non politicizzare il dossier umanitario, sostenendo invece il progetto di risoluzione russo, che continuerà a fornire assistenza umanitaria alla popolazione» della provincia siriana di Idlib. Il progetto di risoluzione di Germania e Belgio, che propone di lasciare aperti due posti di blocco per l’ONU, la Russia e la Cina, pone il veto. La Germania e il Belgio si sono rammaricati del fatto che il documento sia stato bloccato e hanno espresso la loro disponibilità a redigere un nuovo documento generalmente accettabile. Il rappresentante permanente degli Stati Uniti Kelly Kraft ha accusato la Federazione Russa e la Cina degli sforzi per «strangolare gli aiuti umanitari alla Siria», nonostante Mosca abbia già proposto al Consiglio di sicurezza la sua opzione di estendere il meccanismo di aiuti transfrontalieri. Kraft ha invitato tutti i colleghi delle Nazioni Unite a «uscire con una posizione comune per chiedere l’abolizione di questa decisione».

главное за суткиитоги дняновости
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на вечер 6 августа 2020 года Влад Николаев Число погибших в результате взрыва в Бейруте увеличилось до 137 человек, число пострадавших возросло до 5 тыс. Десятки людей числятся пропавшими без вести. Об этом сообщил телеканал Al Jazeera со ссылкой на Минздрав Ливана. […] Новости на 16:00 6 августа 2020 года Влад Николаев Министр экономики и торговли Ливана Рауль Нехме заявил телеканалу Sky News Arabia, что Ливан не располагает достаточными финансовыми возможностями для того, чтобы справиться с последствиями взрыва в Бейруте. «У Ливана […] Новости на 12:00 6 августа 2020 года Влад Николаев Сирийская газета Al-Watan сообщила, что незаконная американская военная база в провинции Хасеке на северо-востоке Сирии подверглась ракетному обстрелу. Сообщается, что базу, расположенную в городе аш-Шаддади, атаковали […] Главное на утро 6 августа 2020 года Влад Николаев Число погибших в результате взрыва в Бейруте увеличилось до 137 человек, число пострадавших возросло до 5 тыс. Десятки людей числятся пропавшими без вести. Об этом сообщил телеканал Al Jazeera со ссылкой на Минздрав Ливана. […] Une explosion à Beyrouth Александра Донцова 1 Liban Mardi, suite à une forte explosion dans le secteur du port de Beyrouth, près d’une base de la flotte libanaise, plus de 100 personnes sont mortes, 4 mille ont été blessées. Selon la Santé libanaise, les hôpitaux […] Explosion in Beirut Александра Донцова 1. Libanon Infolge einer gewaltigen Explosion, die am Dienstag im Bereich des Hafens von Beirut in der Nähe des libanesischen Marinestützpunkts stattfand, starben nach neuesten Daten mehr als 100 Menschen, 4.000 wurden […]
Наверх Наверх