‘Iran risponderà agli Stati Uniti all`assassinio di Suleimani

  
0

1.

Iran

Un funzionario del governo iraniano, Ali Rabii, ha detto che l’Iran avrebbe risposto all’assassinio da parte degli Stati Uniti del capo delle forze speciali del Quds Corpo dei rivoluzionari islamici Kassem Suleimani nel prossimo futuro. «Gli Stati Uniti hanno attraversato la linea rossa, la nazione iraniana risponderà in modo decisivo a questo al momento giusto», ha detto Rabii. Il capo delle forze speciali iraniane Quds del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche, il generale Kassem Suleimani, è stato ucciso a seguito di attacchi aerei statunitensi all’aeroporto internazionale di Baghdad. Il leader supremo e comandante in capo delle forze armate iraniane, Ali Khamenei, ha nominato il generale di brigata Esmail Qaani comandante delle forze speciali di Qud. In precedenza, era il vice del defunto Suleymani.

2.

Iraq

Abdulkarim Khalaf, un portavoce ufficiale delle forze armate irachene, ha affermato che le autorità non erano a conoscenza del prossimo attacco aereo statunitense a Baghdad. Ha definito le azioni statunitensi una grave violazione della sovranità irachena e l’incuria della cooperazione tra le forze armate irachene e la coalizione. «Le forze armate del paese sono pronte per qualsiasi conseguenza di questo attacco aereo», ha detto. Inoltre, i due più grandi blocchi del parlamento iracheno hanno chiesto l’adozione di una legge sul ritiro delle truppe straniere dal paese.

3.

Gli Stati Uniti

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo, in un’intervista alla CNN, ha dichiarato che gli Stati Uniti sono pronti per qualsiasi possibile risposta iraniana all’assassinio del generale Kassem Suleimani. «Abbiamo identificato molte opzioni. E siamo pronti per qualsiasi possibile reazione dall’Iran», ha detto Pompeo. Ha anche affermato che gli Stati Uniti continueranno a proteggere i propri interessi in Iraq e la sovranità di questo paese. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha riferito che in una conversazione telefonica con Yang Jiechi, un membro del Politburo del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese, capo della Cancelleria del Comitato Centrale per gli Affari Esteri del CPC, «il Segretario di Stato americano ha sottolineato che gli Stati Uniti continuano a impegnarsi nella de-escalation nella regione».

4.

Taggikistan e Afghanistan

L’Ufficio del programma OSCE di Dushanbe ha avviato il progetto di stabilizzazione del confine meridionale del Tagikistan con l’Afghanistan. RIA Novosti ne è stata informata dal segretario stampa dell’ufficio, Munira Shoinbekova. Secondo lei, il progetto mira ad aumentare il potenziale professionale dei servizi di frontiera del Tagikistan e dell’Afghanistan per contrastare più efficacemente le attività illegali nelle regioni frontaliere e sarà attuato entro 18 mesi.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: