L`attacco di una pattuglia in Siria // I militari russi hanno sofferto

  
0

Il Centro russo per la riconciliazione delle parti belligeranti ha riferito che durante un pattugliamento russo-turco dell’autostrada M-4 vicino alla città di Urum al-Jauz, nella parte meridionale della zona di de-escalation di Idlib, la pattuglia è finita sotto il fuoco di un lanciagranate anticarro a mano. A seguito del bombardamento, un corazzato da trasporto truppe della polizia militare russa è stato danneggiato. «Allo stesso tempo, due militari russi hanno ricevuto piccole commozioni cerebrali. Il pattugliamento è stato interrotto. Il personale della parte russa della pattuglia è stato restituito al punto di schieramento. Ai feriti è stata fornita tutta l’assistenza medica necessaria sul posto, il loro stato di salute è soddisfacente», ha detto il Centro. Si noti che il BTR-82 danneggiato è stato evacuato. Il comando del gruppo di forze russo in Siria, insieme ai militari turchi, nonché alle agenzie di sicurezza siriane, sta stabilendo il coinvolgimento dei militanti operanti nella zona di de-escalation di Idlib nell’attacco al convoglio.

SANA, citando una dichiarazione del ministro siriano del petrolio e delle risorse minerarie, Ali Ghanim, ha riferito che a seguito dell’esplosione che ha colpito un gasdotto nel sud della Siria, l’intera repubblica è rimasta senza elettricità. L’esplosione è avvenuta su un tratto di un gasdotto tra le città di Doumeir e Adra nella provincia di Damasco. Secondo quanto riferito, diversi edifici sono stati danneggiati dall’esplosione. Il ministro ha detto che l’esplosione è avvenuta a seguito di un attacco terroristico, tre centrali elettriche sono andate fuori servizio. L’incendio provocato dall’esplosione è stato spento dai vigili del fuoco. Il ministro ha sottolineato che gli specialisti hanno eliminato i problemi a tutte le centrali elettriche della repubblica, ognuna di loro è pronta per il lavoro.

L’aviazione delle forze aerospaziali russe e dell’aeronautica siriana, con il supporto di artiglieria e forze speciali, nel periodo dal 18 al 24 agosto nel deserto siriano, ha distrutto 327 militanti del gruppo coinvolto nell’assassinio del consigliere militare russo maggiore generale Vyacheslav Gladkikh. Lo ha riferito l’agenzia TASS con riferimento al rappresentante del gruppo russo in Siria. È stato riferito che 134 rifugi, 17 posti di osservazione, sette magazzini con materiale e cinque depositi sotterranei per armi e munizioni sono stati distrutti. Il rappresentante del gruppo russo in Siria ha sottolineato che l’aumento dell’attività delle bande e degli ex membri dell’ISIS (illecito nella Federazione Russa) è stato osservato nel deserto siriano nel centro del Paese nell’ultimo mese. Si noti che la maggior parte dei militanti è apparsa nell’area dopo la cosiddetta amnistia effettuata dalla «amministrazione autonoma del nord-est della Siria» controllata dagli Stati Uniti. Il rappresentante del gruppo russo ha sottolineato che le azioni dei terroristi interrompono la ripresa socio-economica della Siria e l’instaurazione di relazioni tra le tribù arabe locali e Damasco.

Proseguono le azioni antigovernative nella capitale libica Tripoli. Il portale di notizie LibyaReview riporta che le forze dell’ordine, controllate dal governo di accordo nazionale del primo ministro Faiz Sarraj, hanno sparato intensamente per disperdere i manifestanti. Si parla anche della detenzione di attivisti. Nonostante il coprifuoco di quattro giorni imposto mercoledì dal CNT con il pretesto di una pandemia di coronavirus, le persone si sono radunate in Piazza dei Martiri e in alcune vie centrali. Per decisione del Consiglio dei Ministri sono stati vietati raduni religiosi e pubblici, manifestazioni di massa e l’uso dei trasporti pubblici. Le proteste a Tripoli sono continuate dal 23 agosto. I loro partecipanti esprimono insoddisfazione per le azioni del governo Sarraj, il deterioramento della situazione socio-economica, l’impoverimento della popolazione generale e la corruzione dilagante.

In risposta al lancio di sei razzi lanciati venerdì mattina nel sud di Israele dalla Striscia di Gaza dai radicali palestinesi, le forze di difesa israeliane hanno riattaccato le postazioni militari del gruppo Hamas. Lo ha annunciato su Twitter il servizio stampa delle forze di difesa israeliane. Venerdì scorso, il servizio stampa del ministero della Difesa israeliano ha affermato che «in risposta al continuo lancio di palloncini con esplosivi e materiali combustibili dalla Striscia di Gaza in Israele,» combattenti, aerei e carri armati delle forze di difesa israeliane «hanno attaccato le infrastrutture sotterranee e incarico dell’organizzazione terroristica Hamas nella Striscia di Gaza «. Il lancio di palloni esplosivi dalla Striscia di Gaza nel territorio israeliano è ripreso dopo una lunga pausa all’inizio di agosto.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 16:00 1 октября 2020 года Влад Николаев МИД Азербайджана опроверг сообщения о переброске в страну наемников из Сирии. «Различные источники утверждают, что в Азербайджан якобы переброшено несколько сотен наемников. … Мы решительно отвергаем подобные […] Новости на 12:00 1 октября 2020 года Влад Николаев Телеканал Al Ekhbariya со ссылкой на местные источники сообщил о взрыве в городе Африн, который расположен на севере Сирии в 65 км от Алеппо. Сообщается, что взрыв произошел в центре города. Другие подробности пока не […] Главное на утро 1 октября 2020 года Влад Николаев Министерство обороны Азербайджана сообщило, что в ночь на четверг армия Азербайджана нанесла артиллерийские удары по армянским позициям в Нагорном Карабахе. В заявлении оборонного ведомства подчеркивается, что азербайджанские […] Главное на вечер 30 сентября 2020 года Влад Николаев Минобороны Азербайджана сообщило, что утром в среду в зоне карабахского конфликта продолжались напряженные бои. Оборонное ведомство сообщило, что армянская сторона сосредоточила силы на Магадизском направлении и предприняла […] Новости на 16:00 30 сентября 2020 года Влад Николаев Армянский единый информационный центр при правительстве Армении со ссылкой на релиз армии обороны непризнанной Нагорно-Карабахской Республики сообщил, что в боях на северо-восточном и южном направлениях в Нагорном Карабахе […] Новости на 12:00 30 сентября 2020 года Влад Николаев Премьер-министр Армении Никол Пашинян на пресс-конференции с российскими СМИ сообщил, что, в связи со сложившейся военной ситуацией, власти Армении рассматривают возможность признания независимости Нагорного Карабаха. Пашинян […]
Наверх Наверх