L’esercito siriano ha occupato la città di Dzhardzanaz

  
0

1.Siria

Il quotidiano al-Watan riferisce che l’esercito siriano ha liberato lunedì la città strategicamente importante di Dzhardzanaz nella provincia di Idlib, situata vicino all’autostrada principale da Hamm ad Aleppo, che era controllata da militanti, da militanti. Il villaggio fu occupato dall’esercito a seguito di feroci scontri con gruppi militanti. «Jarjanaz è considerato strategicamente importante ed è chiamato la porta orientale della città di Maaret Nuuman», scrive il giornale siriano. Jarjanaz si trova a dieci chilometri a est di Maaret Nuuman, dove si trova una grande roccaforte di militanti.

2.Siria

Il maggiore generale Yuri Borenkov, capo del Centro per la riconciliazione dei belligeranti nella Repubblica araba siriana, ha detto lunedì in una riunione informativa sul tentativo da parte dei militanti di attaccare la base aerea russa di Khmeimim con i droni. L’attacco è avvenuto con l’inizio della notte, i sistemi di difesa aerea russi hanno scoperto e distrutto due droni, che sono stati inviati alla base aerea da sud-est. “Nessuna lesione o danno materiale. La base aerea di Khmeimim russa funziona come previsto «, ha detto Borenkov.

3.Turchia

Il servizio stampa del Pentagono ha dichiarato che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha firmato un contratto con otto compagnie turche per condurre lavori di costruzione presso la base aerea di Incirlik. L’importo del contratto è di $ 95 milioni. I lavori devono essere completati entro il 31 dicembre 2024. Al momento, la 39a ala dell’Aeronautica Militare USA è dispiegata nella base aerea di Incirlik. In precedenza, il presidente turco Tayyip Erdogan aveva affermato che la Turchia avrebbe potuto chiudere la base aerea di Incirlik per gli Stati Uniti se Washington avesse deciso di imporre sanzioni ad Ankara a causa dell’acquisizione di sistemi missilistici antiaerei russi S-400.

4. Turchia

Le forze curde non hanno abbandonato completamente le aree nel nord della Siria, dove avrebbero dovuto partire in base agli accordi della Turchia con la Russia e gli Stati Uniti. Lo ha affermato il ministro della Difesa turco Hulusi Akar. “Abbiamo coordinato le nostre attività, realizzando accordi con americani e russi. Questo coordinamento è in corso, soprattutto con la parte russa. I nostri colleghi stanno monitorando la situazione giorno e notte «, ha aggiunto il ministro.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется


Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Читайте также:

ANNA NEWS радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Включить радио ANNA-NEWS Выключить радио
ANNA-NEWS Радио
ANNA-NEWS Радио
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: