L’esplosione in Libano

  
0

A seguito di una potente esplosione, avvenuta martedì nell’area del porto di Beirut vicino alla base navale libanese, più di 100 persone sono morte e 4mila ferite. Il ministero della Sanità libanese riferisce che gli ospedali cittadini sono sovraffollati e le vittime vengono mandate alla periferia di Beirut. Gli edifici residenziali sono stati danneggiati in città. È stato riferito che l’edificio dell’ambasciata russa è stato danneggiato, uno dei suoi dipendenti è rimasto ferito. Anche gli edifici di altre missioni diplomatiche sono stati danneggiati. 48 dipendenti delle Nazioni Unite sono rimasti feriti. Kataib Nizar Najaryan, segretario generale del Partito libanese, è stato ucciso. La famiglia e i consiglieri del primo ministro libanese Hassan Diab sono rimasti feriti. A seguito di una riunione di emergenza del Consiglio supremo di difesa del Libano, presieduto dal presidente Michel Aoun, Beirut è stata dichiarata zona disastrata. Lo stato di emergenza è stato introdotto in città dal 4 al 18 agosto. Il Consiglio supremo di difesa del Libano ha anche creato una commissione speciale per indagare sull’emergenza. Il capo del ministero dell’Interno libanese, Mohammed Fahmi, ha affermato che il nitrato di ammonio è esploso. Secondo i media, durante la saldatura sono esplose più di 2.700 tonnellate di nitrato di ammonio. Il canale televisivo Al Mayadeen, riferendosi alle strutture di potere, ha riferito di aver fatto esplodere il «carico di sostanze esplosive» confiscato nove anni fa. Il capo dei servizi segreti libanesi, Abbas Ibrahim, ritiene che sia prematuro parlare di un attacco terroristico.

La CNN, citando la corrispondenza e-mail e il materiale giudiziario, sostiene che i ministeri libanesi dei trasporti e della giustizia, così come altri dipartimenti del paese, sono stati informati dello stoccaggio a lungo termine del carico di nitrato di ammonio nel porto di Beirut. La CNN richiama l’attenzione sulla dichiarazione dello studio legale libanese Baroudi & Associates, che rappresenta gli interessi dell’equipaggio della nave Rhosus, che ha consegnato nitrato di ammonio a Beirut. Gli avvocati hanno informato che nel luglio 2014 avevano inviato lettere all’amministrazione portuale e al ministero dei Trasporti libanese, «avvertendo del pericolo della sostanza sulla nave». Lo studio legale avrebbe ricevuto nello stesso mese una lettera dal direttore generale dei trasporti terrestri e marittimi in cui aveva inviato una richiesta ufficiale al ministero della Giustizia per prendere le misure necessarie «per evitare che la nave affondasse e gli effetti dannosi del suo carico sul porto». Il ministero della Giustizia e dei trasporti libanese e l’Autorità portuale non hanno commentato i rapporti della CNN.

Il capo della task force del ministero russo delle emergenze di stanza a Beirut, Sergei Vorontsov, ha detto alla TASS che venerdì 25 persone si aspettano assistenza medica dai medici del ministero russo delle emergenze nella capitale libanese. In precedenza, un ospedale per aeromobili del distaccamento «Centrospas» del ministero russo per le emergenze ha iniziato a operare a Beirut. L’ospedale opera sia in modalità stazionaria 24 ore su 24 che in regime ambulatoriale dalle 08:00 alle 20:00. Il capo del dipartimento ospedaliero del servizio medico di Centrospas, Aleksey Skorobulatov, ha aggiunto che si occupano principalmente di ferite infette tagliate, comprese quelle ferite nell’esplosione. È stato anche riferito che i soccorritori russi si sono uniti all’analisi delle macerie nel porto di Beirut, sono stati trovati i corpi di diverse vittime dell’esplosione. Secondo gli ultimi dati, almeno 149 persone sono morte, circa 5mila sono rimaste ferite. La Croce Rossa libanese afferma che il numero delle persone scomparse è ancora sconosciuto.

Если вы нашли ошибку, пожалуйста, выделите фрагмент текста и нажмите Ctrl+Enter.

главное за суткиитоги дняновости
Читайте нас на
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Ukraine intensifies their armed provocations Александра Донцова 1 Syria The Syrian President Bashar al-Assad held a meeting in Damascus with the Russian Deputy Prime Minister, Yuri Borisov. Yuri Borisov congratulated Bashar al-Assad on his victory in the presidential elections, and added […] Ucrania intensifica las provocaciones armadas Александра Донцова 1.Siria El 22 de junio, Bashar al-Assad, el presidente sirio, se reunió en Damasco con Yuri Borisov, el viceprimer ministro ruso. Borisov felicitó a Assad por su victoria en las elecciones presidenciales. Borisov destacó que […] Украина усиливает вооруженные провокации || Итоги дня 22.06.2021 Влад Николаев Сегодня президент Сирии Башар Асад в Дамаске провел встречу с вице-премьером РФ Юрием Борисовым. Борисов поздравил Асада с победой на президентских выборах. Борисов отметил, что Москва рассчитывает, что новое правительство […] The humanitarian situation in Syria Александра Донцова 1 Syria The Russian Foreign Minister Sergei Lavrov stated that Russia is ready to discuss with the Western countries the humanitarian situation in Syria, if they recognize the real problems there, and the responsibility they […] La situación humanitaria en Siria Александра Донцова 1.Siria. Sergei Lavrov, el Ministro de Asuntos Exteriores ruso, declaró que Rusia estaba dispuesta a examinar la situación humanitaria en Siria con los países occidentales en caso de que ellos reconocieran los problemas […] Гуманитарная ситуация в Сирии || Итоги дня 21.06.2021 Влад Николаев Министр иностранных дел РФ Сергей Лавров заявил, что Россия готова обсуждать с западными странами гуманитарную ситуацию в Сирии, если они признают реально существующие там проблемы и ответственность, которую они за них несут. […]
Наверх Наверх

Сообщить об опечатке

Текст, который будет отправлен нашим редакторам: