L’India ha rafforzato le truppe al confine con la Cina

  
0

1.

India-Cina

Il Times of India, citando una fonte, ha affermato che l’India sta monitorando attentamente la concentrazione delle truppe cinesi in aree strategicamente importanti sulla linea di controllo nel Ladakh orientale. «Tre divisioni di fanteria indiane di 10-12 mila truppe ciascuna, nonché carri armati e artiglieria, furono trasferiti al confine con la Cina a est del Ladakh. I combattenti dell’Aeronautica militare indiana effettuano regolari voli di pattugliamento sul Ladakh», ha detto la fonte. In precedenza, il portavoce del ministero degli Esteri indiano Anurag Shrivastava ha affermato che il ministero degli Esteri indiano aveva avvertito la Cina che la sua riluttanza a rispettare gli accordi bilaterali sul ritiro delle truppe dalla linea di controllo nel Ladakh orientale avrebbe portato a conseguenze negative per le relazioni tra i due paesi. «Ci aspettiamo che la parte cinese capisca questo e assicurerà il rapido ripristino della pace e della tranquillità al confine», ha detto il diplomatico.

2.

Libia

Francia, Germania e Italia hanno invitato i giocatori stranieri che operano in Libia a cessare le ostilità in quel paese. Lo afferma una dichiarazione congiunta delle agenzie per gli affari esteri di questi tre paesi. I paesi hanno inoltre invitato i partecipanti stranieri a porre fine a qualsiasi interferenza e ad aderire pienamente all’embargo sulle armi, introdotto con decisione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, nonché a tornare ai negoziati nel comitato militare nel formato 5 + 5 sotto gli auspici della missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia volta a raggiungere un cessate il fuoco. La dichiarazione congiunta dei tre paesi sottolinea che la cessazione delle ostilità «è un elemento importante per creare le condizioni necessarie per l’effettiva ripresa del dialogo politico inter-libico, che garantirà una soluzione a lungo termine del conflitto».

3.

USA-Iran

Il Dipartimento del controllo delle attività estere del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha dichiarato in una dichiarazione che gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni all’Iran. Otto società coinvolte nella produzione di acciaio, alluminio e ferro e le loro filiali che agiscono come agenti commerciali sono state sanzionate. L’elenco contiene diverse società iraniane, una persona giuridica degli Emirati Arabi Uniti, della Germania e della Regione amministrativa speciale di Hong Kong in Cina. La proprietà delle società quotate sono bloccate negli Stati Uniti. Ai cittadini americani è vietato condurre qualsiasi operazione con loro. Il Ministero del Tesoro degli Stati Uniti minaccia anche sanzioni e società straniere per aver a che fare con gli imputati nell’elenco.

4.

Giappone

Il canale NHK riferisce che il Partito Liberal Democratico del Giappone ha in programma di sviluppare raccomandazioni entro luglio per garantire la difesa missilistica dopo che il governo giapponese rifiuta di schierare i sistemi terrestri di Aegis Ashore. I membri del partito intendono discutere una possibile alternativa a Aegis Ashore, la questione dell’aumento del potenziale di dissuasione e della distribuzione delle responsabilità in questo settore tra il Giappone e gli Stati Uniti. Il quotidiano Yomiuri riferisce che, nonostante l’abbandono del piano di dispiegamento dei sistemi di difesa antimissile Aegis Ashore, il governo giapponese intende acquistare un potente radar e lanciarazzi da questi sistemi negli Stati Uniti. Questi componenti possono essere utilizzati in altri sistemi di difesa antimissile per essere schierati in Giappone, osserva il giornale, citando fonti del Partito Democratico Liberale al potere.

5. Siria

La dichiarazione dei capi del quartier generale di Russia e Siria sul ritorno dei rifugiati alla RAS, Mikhail Mizintsev e Hussein Makhlyuf, afferma che gli Stati Uniti sono pronti a liberare i rifugiati dal campo di Rukban in cambio di assistenza per i militanti da loro controllati. «Gli Stati Uniti dimostrano ancora una volta la loro disponibilità a far uscire tutti da Rukban in cambio della consegna di aiuti umanitari al campo. In questo modo, la parte americana sta cercando di fornire ai militanti da esso controllati tutto il necessario a spese delle organizzazioni umanitarie internazionali, invece di risolvere i problemi del campo da solo, come richiedere il diritto internazionale alla parte occupante «, afferma la dichiarazione. Si sottolinea che la Russia e la Siria continuano a compiere sforzi per accelerare lo scioglimento del campo profughi di Rukban. In precedenza, Russia e Siria hanno già dato il loro consenso alla consegna di gumgruz nella zona di Et-Tanf a settembre 2019 e hanno adempiuto a tutti i loro obblighi. Tuttavia, i militanti controllati dagli Stati Uniti «si sono appropriati della maggior parte degli aiuti umanitari e hanno ridotto unilateralmente la durata della missione umanitaria, impedendo ai residenti di lasciare il campo.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Новости на 16:00 1 октября 2020 года Влад Николаев МИД Азербайджана опроверг сообщения о переброске в страну наемников из Сирии. «Различные источники утверждают, что в Азербайджан якобы переброшено несколько сотен наемников. … Мы решительно отвергаем подобные […] Новости на 12:00 1 октября 2020 года Влад Николаев Телеканал Al Ekhbariya со ссылкой на местные источники сообщил о взрыве в городе Африн, который расположен на севере Сирии в 65 км от Алеппо. Сообщается, что взрыв произошел в центре города. Другие подробности пока не […] Главное на утро 1 октября 2020 года Влад Николаев Министерство обороны Азербайджана сообщило, что в ночь на четверг армия Азербайджана нанесла артиллерийские удары по армянским позициям в Нагорном Карабахе. В заявлении оборонного ведомства подчеркивается, что азербайджанские […] Главное на вечер 30 сентября 2020 года Влад Николаев Минобороны Азербайджана сообщило, что утром в среду в зоне карабахского конфликта продолжались напряженные бои. Оборонное ведомство сообщило, что армянская сторона сосредоточила силы на Магадизском направлении и предприняла […] Новости на 16:00 30 сентября 2020 года Влад Николаев Армянский единый информационный центр при правительстве Армении со ссылкой на релиз армии обороны непризнанной Нагорно-Карабахской Республики сообщил, что в боях на северо-восточном и южном направлениях в Нагорном Карабахе […] Новости на 12:00 30 сентября 2020 года Влад Николаев Премьер-министр Армении Никол Пашинян на пресс-конференции с российскими СМИ сообщил, что, в связи со сложившейся военной ситуацией, власти Армении рассматривают возможность признания независимости Нагорного Карабаха. Пашинян […]
Наверх Наверх