l primo caso di coronavirus in Siria

  
0

1.

Siria

In Siria è stato registrato il primo caso di infezione da un nuovo coronavirus. Lo ha annunciato il ministro della Sanità siriano, Nizar Yaziji, le parole del ministro sono citate dalla SANA. Secondo l’agenzia, il governo siriano ha preso una decisione a causa della minaccia della diffusione del coronavirus di fermare temporaneamente i trasporti pubblici in tutte le province del paese «dalle 20:00 ora locale (21:00 ora di Mosca) lunedì». Inoltre, dal 23 marzo, la maggior parte delle istituzioni statali, «ad eccezione delle strutture vitali e delle aziende che producono prodotti alimentari e medicinali», sono state chiuse. Lo ha affermato il primo ministro siriano Imad Khamis. «L’eccezione è fatta in relazione a centri medici, farmacie e negozi di alimentari», ha detto il primo ministro.

2.

Siria

Il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria ha affermato che nella zona di de-escalation di Idlib, le forze armate russe e turche hanno condotto una seconda pattuglia congiunta dell’autostrada M-4 in Siria, che collega le città di Aleppo e Latakia. La pattuglia ha preso una strada più breve per garantire la sicurezza. Il centro ha osservato che la Turchia si è impegnata nel prossimo futuro a neutralizzare i gruppi estremisti che hanno impedito «il movimento di colonne di pattuglie comuni dell’autostrada M4 nel corridoio di sicurezza». La prima pattuglia congiunta dell’autostrada M4 ha avuto luogo il 15 marzo.

3.

Russia-Italia

Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha riferito che l’ottavo e il nono velivolo dell’aviazione da trasporto militare delle forze aerospaziali russe hanno consegnato in Italia gli ultimi gruppi di specialisti e attrezzature per combattere l’infezione da coronavirus. Gli aerei sono decollati lunedì mattina presto. Domenica, sette aerei hanno volato da Mosca all’Italia. Tutti gli aerei sono arrivati ​​alla base dell’aeronautica militare italiana Pratica di Mare, che si trova 30 km a sud-ovest di Roma. In totale, nove velivoli hanno consegnato circa 100 virologi militari e specialisti del Ministero della Difesa della Federazione Russa nel campo dell’epidemiologia, oltre a otto squadre mediche e infermieristiche.

4.

Russia

La sede operativa regionale per il monitoraggio della situazione con coronavirus ha riferito nel canale Telegram che il Ministero della Salute della Regione di Mosca ha lanciato due laboratori per la ricerca su un nuovo tipo di infezione da coronavirus. Il servizio stampa di Rospotrebnadzor ha dichiarato che oltre 72 mila persone sono sotto controllo medico a causa dell’infezione da coronavirus in Russia. Sono stati condotti oltre 165 mila test. Il primo ministro russo Mikhail Mishustin ha sostenuto la richiesta del capo del Rospotrebnadzor Anna Popova di aumentare la responsabilità per la violazione del regime di quarantena.

5.

Afghanistan

Reuters ha riferito che il segretario di Stato americano Michael Pompeo è arrivato in Afghanistan in una visita senza preavviso lunedì. Il segretario di Stato americano è a Kabul, dove ha in programma di incontrare il presidente Ashraf Ghani e il suo rivale politico Abdullah Abdullah, che non ha riconosciuto i risultati elettorali del capo di stato. Si nota che Pompeo è arrivato per facilitare i negoziati sullo scambio di prigionieri tra il governo dell’Afghanistan e il movimento radicale talibano. Domenica scorsa, il ministero degli Esteri del Qatar ha riferito che il Qatar e le autorità statunitensi avevano facilitato le prime consultazioni tecniche tra il governo afgano e i talebani sugli scambi di prigionieri. La conversazione è stata in remoto a causa della pandemia di coronavirus.

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Terroristische Provokationen in Idlib Александра Донцова Konteradmiral Alexander Grinkewitsch, stellvertretender Leiter des russischen Zentrums für die Versöhnung der Kriegsparteien in Syrien, gab bekannt, dass Kämpfer der in der Russischen Föderation verbotenen Terroristengruppe […] Provocazioni militanti a Idlib Александра Донцова Il contrammiraglio Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, ha annunciato che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham, bandito nella […] Las provocaciones de los rebeldes en Idlib Александра Донцова Alexander Grinkevich, el subjefe del Centro de Reconciliación de las partes en conflicto en Siria ruso, informó que los rebeldes de “Hayat Tahrir al-Sham” (la organización terrorista que que está prohibida en la Federación de […] Terrorist provocations in Idlib Александра Донцова The deputy head of the Russian Center for the Reconciliation of the Warring Parties in Syria, Rear-Admiral Alexander Grinkevich, reported about a preparation of provocations, with the use of poisonous substances, in the south […] Итоги недели 26 сентября 2020 года Влад Николаев Заместитель руководителя российского Центра по примирению враждующих сторон в Сирии контр-адмирал Александр Гринкевич сообщил о подготовке боевиками запрещенной в РФ террористической группировки «Хайат Тахрир […] Crash d’avion dans le nord de l’Iran Александра Донцова 1.Etats-Unis S’exprimant lors du débat politique général de la 75e session de l’Assemblée générale des Nations Unies, le chef du gouvernement d’accord national libyen Fayez el-Sarraj a déclaré que les parties au […]
Наверх Наверх