La Cina ritira le truppe dal confine indiano

  
0

NDTV ha riferito che l’India e la Cina hanno ritirato truppe dai territori contesi al confine. «Il reciproco ritiro delle truppe indiane e cinesi ha avuto luogo, ma molto probabilmente è limitato dalla valle del fiume Galvan. È stata creata una zona cuscinetto tra le forze indiane e cinesi. Dovremo aspettare per vedere se questa separazione è forte e reale», afferma il canale fonte. Le parti smantellano anche le strutture temporanee costruite nella zona di confine e si allontanano dalla linea di controllo effettivo che separa India e Cina. Il ritiro delle truppe avvenne in accordo con l’accordo raggiunto il 30 giugno durante le consultazioni tra le due parti. Il ministero degli Esteri indiano ha affermato che l’India e la Cina continueranno le consultazioni tra militari e diplomatici per garantire un ripristino completo e duraturo della pace e della tranquillità nelle zone di confine. Durante una conversazione telefonica tra il consigliere per la sicurezza nazionale indiano Ajit Doval e il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, le parti hanno concordato di non violare lo status quo sulla linea di controllo effettivo che divide i due paesi al fine di prevenire incidenti nella zona di confine. Inoltre, il più presto possibile, completa il processo di ritiro delle truppe sulla linea di contatto delle parti.

Il contrammiraglio Alexander Shcherbitsky, capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra in Siria, ha affermato che i militanti avevano preparato almeno 15 ordigni esplosivi con sconosciute sostanze velenose per provocare negli insediamenti siriani. Secondo le informazioni della popolazione locale, i militanti del gruppo terroristico Khayyat Tahrir al-Sham bandito nella Federazione Russa «stanno pianificando una provocazione in diversi insediamenti della provincia di Idlib per accusare le forze governative di usare armi chimiche», ha detto Shcherbitsky.

Il primo vice rappresentante della Federazione Russa presso l’ONU Dmitry Polyansky ha dichiarato su Twitter che la Russia ha nuovamente votato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite la propria versione della risoluzione sull’assistenza umanitaria transfrontaliera alla Siria. Il presente progetto di risoluzione «consentirà la consegna di aiuti oltre confine a Idlib siriano attraverso il checkpoint di Bab Al Khava (al confine con la Turchia) per un anno». Polyansky ha sottolineato che attraverso questo punto l’85% degli aiuti arriva al distretto e che il formato di consegna della parte rimanente può essere modificato, poiché recentemente la zona di declassamento è diminuita del 30%. È stato anche riferito che la Germania e il Belgio hanno presentato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite una versione aggiornata della loro risoluzione, che la Federazione Russa e la Cina avevano posto il veto in precedenza. La risoluzione propone «di prorogare per sei mesi, fino al 10 gennaio 2021, l’accesso attraverso i punti di Bab es Salaam e Bab al Hawa. Il documento contiene anche proposte» su possibili nuovi modi di fornire aiuti al nord-est della Siria » Queste proposte suggeriscono la possibilità di restituire nuovi posti di blocco aperti per la consegna dell’assistenza delle Nazioni Unite aggirando Damasco.

Il servizio stampa del Dipartimento di Stato americano ha affermato che Washington accoglie favorevolmente la richiesta della Siria di rapporti su questioni relative alle armi chimiche. Tale requisito è stato adottato nella 94a sessione del Consiglio esecutivo dell’Organizzazione per il divieto delle armi chimiche. Il Consiglio esecutivo dell’OPCW ha concesso alla Siria 90 giorni, durante i quali la Siria deve informare il Segretariato tecnico dell’OPCW su dove sono state sviluppate le armi chimiche utilizzate durante gli attacchi a El Latamn il 24, 25 e 30 marzo, per dichiarare tutte le armi chimiche attualmente disponibili e risolvere tutte le questioni relative alla dichiarazione iniziale di scorte e programmi per la loro produzione. La decisione dell’OPCW è stata appoggiata da 29 membri del consiglio, nove astenuti, contro la Federazione Russa, l’Iran e la Cina.

Al Mayadeen riferisce che il ministro della difesa siriano Ali Abdullah Ayyub e il capo di stato maggiore delle forze armate iraniane, Mohammad Bagheri, hanno firmato un «accordo di cooperazione militare globale». L’accordo, tra le altre cose, prevede il rafforzamento dei legami nella sfera militare, nella sfera della sicurezza e il rafforzamento del costante coordinamento tra le parti. Il capo dello stato maggiore delle forze armate iraniane ha dichiarato che l’Iran «rafforzerà i sistemi di difesa aerea siriani nel quadro dell’accordo firmato». Prima di firmare l’accordo, le parti hanno intrattenuto negoziati relativi alla situazione in Siria, nonché alla necessità di ritirare tutte le truppe straniere di stanza illegalmente sul territorio siriano.

Maria Kayumova specialmente per ANNA NEWS

главное за суткиитоги дняновостисобытия дня
Присоединяйтесь к нам на нашем канале!

Ваш комментарий будет первым

Для того чтобы оставить комментарий, регистрация не требуется

Читайте также:

Главное на вечер 6 августа 2020 года Влад Николаев Число погибших в результате взрыва в Бейруте увеличилось до 137 человек, число пострадавших возросло до 5 тыс. Десятки людей числятся пропавшими без вести. Об этом сообщил телеканал Al Jazeera со ссылкой на Минздрав Ливана. […] Новости на 16:00 6 августа 2020 года Влад Николаев Министр экономики и торговли Ливана Рауль Нехме заявил телеканалу Sky News Arabia, что Ливан не располагает достаточными финансовыми возможностями для того, чтобы справиться с последствиями взрыва в Бейруте. «У Ливана […] Новости на 12:00 6 августа 2020 года Влад Николаев Сирийская газета Al-Watan сообщила, что незаконная американская военная база в провинции Хасеке на северо-востоке Сирии подверглась ракетному обстрелу. Сообщается, что базу, расположенную в городе аш-Шаддади, атаковали […] Главное на утро 6 августа 2020 года Влад Николаев Число погибших в результате взрыва в Бейруте увеличилось до 137 человек, число пострадавших возросло до 5 тыс. Десятки людей числятся пропавшими без вести. Об этом сообщил телеканал Al Jazeera со ссылкой на Минздрав Ливана. […] Une explosion à Beyrouth Александра Донцова 1 Liban Mardi, suite à une forte explosion dans le secteur du port de Beyrouth, près d’une base de la flotte libanaise, plus de 100 personnes sont mortes, 4 mille ont été blessées. Selon la Santé libanaise, les hôpitaux […] Explosion in Beirut Александра Донцова 1. Libanon Infolge einer gewaltigen Explosion, die am Dienstag im Bereich des Hafens von Beirut in der Nähe des libanesischen Marinestützpunkts stattfand, starben nach neuesten Daten mehr als 100 Menschen, 4.000 wurden […]
Наверх Наверх